`Saragozza ospiterà il seminario sul settore olivicolo mediterraneo - Olive Oil Times

Saragozza per ospitare un seminario sul settore dell'olivo mediterraneo

Può. 20, 2012
Pandora Penamil Penafiel

Notizie recenti

europa-saragozza-ospiterà-seminario-sul-settore-dell'olio-oliva-mediterraneo-tempi-zaragoza

L'Istituto agronomico mediterraneo di Saragozza (IAMZ-CIHEAM) e il Consiglio oleicolo internazionale (CIO) organizzeranno tra il 26 novembreth e 28th un seminario sul presente e il futuro del settore olivicolo mediterraneo.

La conferenza, la cui ultima data per le iscrizioni è il 15 novembreth, durerà due giorni con presentazioni e discussioni scientifiche e tecniche strutturate in tre sessioni. Ci saranno tavole rotonde con case study e visite tecniche in Aragona per conoscere le DOP tradizionali e moderne e il sistema di mulino intensivo.

Gli organizzatori hanno riferito che il seminario esplorerà il futuro dell'olivicoltura nel Mediterraneo, cercando di rispondere a domande come:

  • I sistemi di produzione intensiva sono sostenibili?
  • Il futuro settore dell'olio d'oliva si baserà su questi sistemi o manterrà i sistemi tradizionali?
  • Quali sono i fattori che devono essere migliorati nelle tecnologie di lavorazione, soprattutto nei paesi in cui gran parte della loro produzione non può accedere a mercati che richiedono una rigorosa attenzione alla qualità?

.

Oltre alle già diffuse proprietà nutrizionali e funzionali dei prodotti olivicoli, il seminario si concentrerà anche sulla materia prima per il "nutraceutica ”(nutrizione e farmaceutica) e le chiavi per aprire nuovi mercati e aumentare la sua presenza in quelli già consolidati.

L'olivicoltura è un elemento chiave dell'agricoltura mediterranea. Secondo i dati del CIO, nella campagna 3.3/2011 sono state prodotte quasi 12 milioni di tonnellate di olio d'oliva in tutto il mondo, di cui il 97% corrisponde alla regione mediterranea.

La produzione di olio d'oliva e olive da tavola è aumentata in modo spettacolare negli ultimi decenni, più che raddoppiando per l'olio d'oliva e con un aumento del 270% per le olive da tavola.

Questo aumento è dovuto in parte all'insediamento di piantagioni che utilizzano sistemi di produzione intensiva che hanno ottenuto rese elevate e un forte grado di meccanizzazione.

Anche i sussidi dell'Unione Europea hanno svolto un ruolo decisivo in questo aumento della produzione, poiché le maggiori scalate si sono verificate nei paesi mediterranei dell'UE.

Il consumo di prodotti olivicoli ha seguito la stessa tendenza. La regione del Mediterraneo ha il maggior numero di consumatori, mentre altri importanti paesi come Stati Uniti, Brasile, Australia e Canada stanno diventando grandi consumatori e importatori.

Istituto Agronomico Mediterraneo di Saragozza



Gli articoli Mercacei compaiono anche nella rivista Mercacei e non sono modificati do olive oil Times.
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti