` Alla ricerca di olio d'oliva etichettato male per fare un dollaro - Olive Oil Times

Alla ricerca di olio d'oliva etichettato per fare un dollaro

Novembre 19, 2013
Virginia Brown Keyder

Notizie recenti

Un recente apparentemente minore decisione del giudice Brian F.Holeman della Corte superiore di Washington DC, divisione civile, su mozione (richiesta) del droghiere convenuto Mohtamar, Inc. per un giudizio sommario è a prima vista sufficiente per spaventare qualsiasi parte interessata non addestrata nei colpi di scena di la Common Law. Tuttavia è di notevole importanza.

Il droghiere convenuto (tra gli altri) è stato citato in giudizio da un decano Mostofi nel 2011, per aver violato il DC Consumer Protection Procedures Act (CPPA) vendendo olio di oliva di Pompei come etichettato come 'extra vergine.' Avendo preso coscienza del petrolio senza etichetta dopo aver letto del famoso 2010 Rapporto UC Davis che ha indicato Pompeiano come uno dei colpevoli dello scandalo dell'errata etichettatura extravergine, l'attore ha prontamente acquistato una bottiglia e ha intentato un'azione per 'lesioni subite ".

Gran parte della decisione viene presa con la questione se lo statuto della DC consenta a un consumatore di citare in giudizio laddove legge di un prodotto etichettato erroneamente e lo acquista esclusivamente allo scopo di intentare un'azione legale (cioè se ha 'in piedi ') per gli infortuni subiti. Questa è una domanda importante, poiché consentire un'azione di questo tipo potrebbe aprire le porte alle masse di azioni dei consumatori litigiosi per qualsiasi prodotto riferito come erroneamente etichettato - un evento che potrebbe concepibilmente mettere fuori servizio qualsiasi impresa di medie dimensioni in tempi record.

Basandosi sulla giurisprudenza precedente secondo cui un attore ha un diritto "essere libero da pratiche commerciali improprie ”e può fare causa anche se lui "non ha subito alcun pregiudizio giuridicamente riconoscibile ", la Corte ha respinto la difesa che l'attore "ha acquistato consapevolmente prodotti che riteneva difettosi e lo ha fatto allo scopo di intentare una causa ", ed è stato quindi vittima di un "infortunio autoinflitto. "Il giudice Holeman ha dichiarato:

"Nessun precedente stabilisce che la Corte debba applicare a "buona fede ”standard per le azioni di un attore al fine di trovare che il requisito permanente è stato soddisfatto. Inoltre, l'attore non ha bisogno di dimostrare di aver subito lesioni fisiche, emotive o economiche (enfasi aggiunta); una violazione statutaria effettiva o immediata è sufficiente per stabilire una lesione di fatto "(p. 5) e ha affermato che: "La considerazione dispositiva è che il querelante è un consumatore impegnato in una transazione di consumo. Questa transazione è protetta dal CPPA. " (p. 6)

Rifiutando (in parte) la mozione per un giudizio sommario, il giudice Holeman ha lasciato la domanda se il consumatore 'ragionevole aspettativa "è stata violata e se può provarlo "prove chiare e convincenti ”un'affermazione di falsa dichiarazione intenzionale ai sensi del CPPA, da decidere durante il processo.

Si potrebbe notare che Pompei, un importatore e imbottigliatore di olio d'oliva con sede a Baltimora, era il solo per raggiungere il logo del programma di monitoraggio della qualità dell'USDA per i suoi oli extra vergini e biologici, dopo che l'olio d'oliva è stato aggiunto all'elenco dei prodotti ammissibili dell'USDA. Ciò dovrebbe logicamente rendere discutibile questa particolare causa, ma l'incoraggiamento che questa decisione fornisce ad ulteriori vessatori in causa rappresenta un vero pericolo per tutti i produttori che scelgono di fare affari a Washington, DC



Related News

Feedback / suggerimenti