`La Turchia revoca il divieto di esportazione di olio d'oliva sfuso prima del previsto - Olive Oil Times

La Turchia revoca il divieto di esportazione di olio d'oliva sfuso prima del previsto

Settembre 1, 2021
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Il Ministero del Commercio turco ha nuovamente autorizzato le esportazioni di olio d'oliva sfuso dopo averli banditi marzo.

Il governo turco ha inizialmente deciso di vietare le esportazioni all'ingrosso a causa delle preoccupazioni relative alla speculazione sui prezzi e alla carenza nel mercato interno. La decisione è stata ulteriormente alimentata dall'incertezza creata dalla Pandemia di covid-19.

La notizia... che questo divieto è stato revocato prima della data prevista è stata accolta con favore da tutte le parti, soprattutto con l'aspettativa di una migliore resa del raccolto.- Mustafa Tan, presidente, Consiglio nazionale oleicolo e olivicolo turco

Inizialmente previsto fino alla fine di ottobre, il divieto di esportazione aveva suscitato grandi polemiche nel settore.

I produttori turchi non erano sicuri dei motivi che hanno portato il governo a imporre il divieto. Allo stesso tempo, l'Associazione degli esportatori di olio d'oliva dell'Egeo (EZZIB) aveva criticato la restrizione sostenendo che non c'era carenza di olio d'oliva e che il divieto di esportazione all'ingrosso avrebbe danneggiato i produttori e gli esportatori di olio d'oliva del paese.

Vedi anche: Notizie commerciali

La revoca del divieto prima del previsto è stata accolta con favore dal Consiglio nazionale oleicolo e oleicolo turco (UZZK).

"Questa decisione [di vietare le esportazioni] è stata accolta negativamente dai rappresentanti del settore sotto l'egida del nostro consiglio nazionale delle olive e dell'olio d'oliva ", ha affermato Mustafa Tan, presidente del consiglio di amministrazione dell'UZZK.

"La notizia all'assemblea generale del Consiglio nazionale oleicolo e oleicolo, svoltasi il 29 luglio 2021, che questo divieto è stato revocato prima della data prevista, è stata accolta da tutte le parti, soprattutto con l'aspettativa di una migliore resa del raccolto, " Ha aggiunto. "Vorremmo esprimere la nostra gratitudine ai ministeri competenti a nome del nostro consiglio di amministrazione”.

Tuttavia, altri esportatori hanno sostenuto la restrizione, che secondo loro proteggeva gli agricoltori dagli speculatori sui prezzi, ma criticavano il governo per aver comunicato male il loro scopo.

"Contrariamente ad altri rappresentanti del settore che in quel momento si erano indignati, abbiamo spiegato che vista la mancanza di rendimento, non c'è stata alcuna diminuzione dei prezzi e non ci sarebbero stati danni per gli agricoltori", ha affermato Alper Alhat, presidente dell'Akhisar Commodity Exchange nella provincia di Manisa. "[Speravamo di prevenire] il panico e di interrompere gli sforzi di coloro che hanno cercato di strappare i prodotti degli agricoltori a prezzi bassi”.

"Sfortunatamente, il Ministero del Commercio non ha gestito bene questo processo", ha aggiunto. "Non ha informato adeguatamente il pubblico. Molte lamentele commerciali e alcuni guadagni ingiusti sono sorti perché il ministero ha cercato di imporre il bando all'associazione dell'esportatore senza determinarlo chiaramente e pubblicarlo sulla Gazzetta Ufficiale”.

Secondo l'Aegean Olive and Olive Oil Exporters Association, le esportazioni turche di olio d'oliva (sia confezionato che sfuso) sono ammontate a 20,000 tonnellate nei primi sette mesi dell'anno agricolo 2020/21 (da novembre 2020 a maggio 2021), in calo rispetto a 31,000 tonnellate nello stesso periodo dell'anno scorso.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti