Salute

Mona Lisa Sorriso. . . o smorfia

Marzo 13, 2012
Di Tara Vassiliou

Notizie recenti

La caratteristica più discussa del dipinto più famoso del mondo è quel sorriso enigmatico. Ma è un sorriso o forse solo una stranezza fisiologica?

Secondo il dott. Vito Franco, professore di anatomia patologica all'Università di Palermo in Italia, l'area intorno alla bocca e alla mascella della Gioconda “mostra chiari segni di un accumulo di acidi grassi sotto la pelle, causato da troppo colesterolo. ”

Le malattie cardiache sono in parte causate dai radicali liberi che reagiscono con il colesterolo "cattivo" per indurire le arterie. Scienziati portoghesi dell'Università di Porto hanno identificato il componente dell'olio d'oliva che offre la massima protezione da infarto e ictus. Analizzando gli antiossidanti nell'olio d'oliva, i ricercatori hanno dimostrato che uno in particolare, noto come DHPEA-EDA, protegge i globuli rossi dai danni più di ogni altro. I ricercatori ritengono che le loro scoperte potrebbero portare alla creazione di oli "appositamente progettati" per aiutare a combattere il colesterolo e ridurre il rischio di malattie cardiache.

Mentre concetti come composti polifenolici, antiossidanti e colesterolo erano abbastanza estranei alla gente di Firenze nel 1500, si potrebbe supporre che la Gioconda (altrimenti nota come Lisa Gherardini che si "sposò" per diventare la moglie di un ricco mercante di seta fiorentino, Francesco del Giocondo, motivo per cui il dipinto è anche noto come La Monna Lisa in francese, o La Gioconda in italiano) è venuto a scoprire successivamente le delizie di extra virgin olio d'oliva dalle colline della Toscana.

Perché? Perché Lisa si è seduta per Leonardo da Vinci alla tenera età di 24 anni e si ritiene che sia morta quasi 50 anni dopo. Data l'epoca (per non parlare dei suoi elevati livelli di colesterolo in precedenza nella vita ...) ciò rappresenta una durata della vita notevolmente lunga e mentre non ci sono dati sulla sua dieta, forse, solo forse, tale longevità era il risultato delle ampie quantità di extra virgin olio d'oliva trovato in famosi piatti fiorentini come tonno e fagioli e pappardelle sulla lepre.

pubblicità