`Dopo la mosca della frutta e la piaga batterica, il temuto storno - Olive Oil Times

Dopo la mosca della frutta dell'olivo e batterica batterica, lo storno temuto

Dicembre 15, 2014
Marco Marino

Notizie recenti

Dopo la mosca della frutta d'oliva e la peronospora batterica, gli storni minacciano l'olio d'oliva italiano, in particolare in Puglia.

Il congressista locale Giovanni Epifani, in una nota indirizzata all'Assessore Regionale all'Agricoltura e ai deputati pugliesi al Parlamento Europeo, ha dichiarato: "Chiederei una decisione permanente per inserire il file Sturnus volgaris (storno comune) tra le specie di uccelli cacciabili, al fine di limitare i gravi danni che questo uccello selvatico sta causando all'agricoltura pugliese. "

Gli storni possono mangiare fino a 5 chili di olive al giorno e rappresentano una vera minaccia per gli agricoltori. La loro presenza in Italia non è nuova: questi uccelli si insediano nel Sud Italia (soprattutto in Puglia e Sicilia), anche se sono stati segnalati danni in Emilia-Romagna e Abruzzo dove trovano sostentamento nei terreni coltivati, vigneti e oliveti.

Oltre a razziare le colture, gli storni, muovendosi in stormi di migliaia, macchiano verdure e frutta con escrementi, rendendoli non più commerciabili.

Gregge di Starling

Epifani ha spiegato: "La questione deve essere principalmente rivolta all'UE perché l'obiettivo deve essere l'inclusione di storni comuni tra le specie cacciabili durante la stagione di caccia. Un Direttiva UE (79/409 / CEE) stabilisce infatti un sistema generale di protezione per tutte le specie di storno, inserendo, in modo errato, lo sturnus volgaris tra le specie protette, provocandone così l'eccessiva e incontrollata proliferazione. "

The Common Starling (Wikipedia)

Per sostenere gli agricoltori, nel 2010 e nel 2011, la Regione Puglia ha autorizzato una deroga al divieto di caccia (misura necessaria per evitare infrazioni alla normativa europea), ma la situazione va peggiorando di anno in anno.

"Chiedo che il Dipartimento dell'Agricoltura renda gli storni cacciabili il più presto possibile ", ha detto Epifani, "e, con un'azione congiunta degli eurodeputati pugliesi, i legislatori europei correggono definitivamente questo errore causando molti problemi agli agricoltori italiani ".

Nel frattempo, c'è poco sollievo in questo "Anno nero ”per l'olio d'oliva italiano con sfide che sembrano volare da ogni direzione.


Related News

Feedback / suggerimenti