Salute

UC Davis Researcher consiglia "Opt Out of Olive Oil"

Un membro della facoltà dell'Università della California, Davis School of Medicine ha scritto un post sul blog del suo dipartimento invitando le persone a evitare l'uso di olio d'oliva.
Può. 19, 2016
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Una ricercatrice dell'Università della California a Davis e un membro di facoltà del suo Medical Center hanno invitato i lettori a a post sul blog per il dipartimento di medicina integrativa della scuola "rinunciare all'olio d'oliva ", sostenendo, "i grassi di cui abbiamo bisogno dovrebbero venire nella confezione originale della natura. "

Rosane Oliveira, un medico veterinario brasiliano e direttore fondatore di Medicina Integrativa presso la UC Davis, ha scritto: "la dieta mediterranea è salutare nonostante l'olio d'oliva, non per questo! ”

La linea di fondo è che i grassi di cui abbiamo bisogno dovrebbero arrivare nella confezione originale della natura: cibi vegetali interi!- Rosane Oliveira, UC Davis

Per sostenere la sua posizione, Oliveira ha attinto in modo selettivo dagli studi che ha dimostrato "l'olio d'oliva ha un ruolo sia nel danneggiare i vasi sanguigni che nella formazione di placche aterosclerotiche. "

"Se vuoi un valore nutrizionale, lo troverai mangiando l'intera oliva, non consumandola nella sua forma di olio estratto quasi irriconoscibile ”, ha scritto Oliveira, respingendo innumerevoli studi che hanno dimostrato che non è così. "Come qualsiasi altro olio, l'olio d'oliva è un estratto di grasso concentrato e trasformato e quindi ha perso gran parte del valore nutrizionale della sua forma originale (l'oliva stessa). "

L'olio extra vergine di oliva, nel frattempo, non è più elaborato del succo di qualsiasi altro frutto. Mary Flynn, ricercatrice della Brown University e professore associato di medicina clinica, ha detto Olive Oil Times, "l'olio extra vergine di oliva, per definizione, contiene composti fenolici, che hanno dimostrato di avere numerosi benefici per la salute ".

pubblicità

Nel presentare la sua causa per evitare l'olio d'oliva, Oliveira ha citato a "1999 studio la misurazione dell'afta epizootica (dilatazione mediata dal flusso) dopo l'ingestione di pasti ricchi di grassi ha riportato a 'Declino di 3 ore nell'afta epizootica dopo che i soggetti hanno ingerito un pasto tradizionale a base di hamburger e patatine fritte o cheesecake. È stato scoperto che l'olio d'oliva ha lo stesso deterioramento della funzione endoteliale del resto di questi pasti ricchi di grassi. " ”

La citazione non è uno studio, ma un articolo su "Ultrasuoni dell'arteria brachiale e funzione endoteliale ”, ha affermato Flynn. E mentre i ricercatori hanno scoperto che l'olio d'oliva ha la stessa compromissione della funzione endoteliale di altri pasti ad alto contenuto di grassi, la compromissione è stata completamente eliminata quando sono state somministrate vitamine C ed E. Come con l'integrazione di vitamine antiossidanti, l'olio d'oliva, consumato con aceto su un'insalata, per esempio, non ha compromesso la funzione endoteliale.

Oliveira ha anche citato il punto di riferimento Studio PREDIMED, in cui le persone 7,447 a rischio di malattie cardiovascolari sono state inserite in gruppi. Ad un gruppo è stato detto di seguire una dieta mediterranea con olio extra vergine di oliva, un altro ha seguito una dieta mediterranea con noci e al terzo è stato detto di ridurre l'assunzione di grassi.

Dr. Rosane Oliveira

"Dopo cinque anni ", ha scritto Oliveira, "le conclusioni furono sbalorditive; non c'erano differenze tra i gruppi. Nessuna differenza di peso, circonferenza della vita, pressione sistolica e diastolica, glicemia a digiuno o profilo lipidico. E nessuna differenza nel numero di infarti o decessi per malattie cardiovascolari; quelli nel gruppo EVOO hanno subito altrettanti attacchi di cuore e malattie cardiovascolari quanti quelli nel gruppo di controllo. "

A tale argomento, Flynn ha risposto: "Non si fa menzione del cambiamento di queste variabili durante il periodo di studio, quindi questo autore sta dicendo 'tutti i gruppi erano simili al basale ", ma facendolo sembrare come se non ci fossero cambiamenti con gli interventi".

"Questo è stato uno studio abbastanza ampiamente segnalato, quindi per (Oliveira) perdere questo è un po 'sospetto ", ha detto Flynn, chiamando la supervisione "decisamente bizzarro. ”Lo studio ha mostrato una riduzione del 30% degli eventi cardiovascolari maggiori primari per il gruppo EVOO rispetto al gruppo di controllo a basso contenuto di grassi (il gruppo che riceveva frutta a guscio aveva una diminuzione simile negli eventi CVD). Implicare che non c'erano differenze dopo gli interventi, "è probabilmente la falsa dichiarazione più eclatante in (post di Oliveira) e l'autore ha una spaventosa incapacità di leggere un articolo di giornale ", ha detto Flynn.

A sostegno della sua affermazione "studi per misurare gli effetti della dieta mediterranea sulla funzione endoteliale hanno mostrato una compromissione dell'afta epizootica dopo pasti ricchi di olio d'oliva " studio unico con i partecipanti 10.

Ma i risultati dello studio hanno suggerito che il pasto EVOO ha ridotto l'afta epizootica del 31 percento, mentre gli altri no. In effetti, come ha sottolineato Flynn, l'autore dello studio aveva affermato che il meccanismo sembrava essere lo stress ossidativo perché la riduzione dell'afta epizootica era ridotta del 71 percento dalla somministrazione concomitante di vitamine C ed E. "Quindi, questo non avrebbe potuto essere usato olio extra vergine di oliva ", ha suggerito Flynn, "poiché EVOO è ricco di antiossidanti e l'aggiunta di vitamina C ed E non migliorerebbe quindi la capacità antiossidante ".

Eppure Oliveira ha persistito, "Questi risultati sono stati confermati in un altro studio dimostrando che l'aggiunta di verdure a un pasto grasso può ripristinare (almeno parzialmente) la funzione arteriosa e il flusso sanguigno ", citando una ricerca che ha esaminato i partecipanti dopo un pasto di 2 salsicce (80 g), 6 fette di pane (90 g), un uovo piccolo (40 g), burro (15 g) e olio d'oliva (5 g).

"Esplorare i miei studenti che nessuno studio conferma nulla. Può supportare, aggiungere prove, ma non può confermare ", ha avvertito Flynn. "Ciò non verrebbe utilizzato per sostenere l'argomentazione secondo cui EVOO riduce la funzione endoteliale con o senza aggiunta di verdure ".

Infine, Oliveira ha ripensato a uno studio 26 di un anno che ha dimostrato che la riduzione di tutti i grassi ha fermato la crescita delle lesioni coronariche.

Flynn ha affermato che lo studio ha effettuato richiami di ora 24 nei punti temporali, li ha analizzati per i nutrienti e li ha usati per confrontare i cambiamenti negli angiogrammi. Hanno osservato i grassi polinsaturi, monoinsaturi e saturi.

La principale fonte di grassi monoinsaturi nella dieta americana è la carne rossa, ha osservato Flynn. "Quindi, se stai guardando i nutrienti, l'assunzione di grassi monoinsaturi rifletterebbe l'assunzione di carne rossa certamente negli anni '1980 (quando lo studio ha avuto luogo), ma anche ora è un problema, e non olio d'oliva. È interessante notare che il rapporto di probabilità per PUFA era 3 volte l'OR per MFA, quindi le persone con una maggiore assunzione di olio di semi vegetali (ricco di PUFA) hanno fatto anche peggio degli altri gruppi. ”

La visione apparentemente estrema di "opt out ”di ciò che è considerato tra i cibi più benefici del mondo ha suscitato sorpresa tra alcuni lettori del blog di Oliveira e di questa pagina, in particolare sotto il logo dell'Università della California a Davis, che è la sede del UC Davis Olive Center, un centro di ricerca di fama internazionale che produce il proprio EVOO dagli alberi coltivati ​​nel campus della Central Valley.





Il direttore esecutivo dell'Olive Center Dan Flynn ha affermato che il post del blog del suo collega deve essere valutato rispetto al corpus di ricerche che hanno supportato l'inclusione dell'olio d'oliva in una dieta salutare. "Le università ospitano una vasta gamma di pensatori indipendenti e accogliamo con favore il dialogo. Le prove scientifiche a favore dei benefici per la salute dell'olio d'oliva sono molto più forti delle citazioni offerte nel blog ”, ha osservato.


Related News