`Aiuti agli olivicoltori andalusi che combattono la mosca della frutta - Olive Oil Times

Aiuto per gli agricoltori andalusi che combattono la frutta

Settembre 8, 2010
Sarah Schwager

Notizie recenti

Di Sarah Schwager
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Buenos Aires

Gli olivicoltori nella provincia spagnola di Jaén riceveranno 1.1 milioni di euro (1.4 milioni di dollari) per affrontare una devastante piaga della mosca delle olive.

Uno dei peggiori nemici dell'oliveto, i coltivatori Jaén temono che l'insetto possa causare perdite di milioni di euro se non combattuto prima del prossimo raccolto, che inizierà a dicembre.

Il finanziamento del Consiglio dell'Andalusia e del governo spagnolo andrà a favore di una campagna di controllo dei danni da infestanti e fumigazione iniziata a luglio e che proseguirà fino a novembre.

La campagna si rivolge alle mosche della frutta delle olive nelle colture che si estendono per 275,000 ettari (679,500 acri). Gli stessi agricoltori sono responsabili della campagna, attraverso gruppi integrati di gestione dei parassiti, gruppi di produzione integrati o commissioni di regolamentazione per la designazione dell'origine.

Per ridurre la popolazione delle mosche, la campagna utilizza due tipi di trappole: trappole cromotropiche gialle e appiccicose progettate per attirare le mosche e i pigliamosche. I trattamenti di fumigazione sono effettuati anche da aerei e attraverso terra dove il terreno lo consente.

La mosca della frutta mediterranea si trova in tutte le province dell'Andalusia. Provoca una significativa riduzione del volume della polpa del frutto, la caduta prematura del frutto prima del raccolto e la perdita di qualità dell'olio d'oliva, poiché la frutta danneggiata che viene conservata per più di pochi giorni innesca un aumento dei livelli di acidità.

Secondo il Center for Invasive Species Research dell'Università della California, in alcune parti del mondo la mosca della frutta dell'olivo, che ha avuto un impatto sulla produzione di olive dai tempi biblici, è responsabile di perdite fino al 80% del valore del petrolio e 100% di varie cultivar usato come olive da tavola.

La specie depone le uova in frutti di tutte le dimensioni ma predilige olive verdi grandi. I vermi si nutrono quindi della polpa del frutto e si impupano durante l'estate o sul terreno a fine estate e autunno. [1] Si trovano nell'Africa meridionale dove si sono evoluti, nel Medio Oriente, nell'Europa meridionale e in California.

business-europe-south-america-aid-for-andalusian-olive-farmers-battling-fruit-fly-olive-oil-times-whitefly - olive-oil-timesDall'altra parte del mondo, le esportazioni di olive del Perù hanno sofferto quest'anno a causa di una piaga di mosche bianche che uccidono i raccolti e di condizioni meteorologiche estreme.

L'esportazione di olive da tavola, fiore all'occhiello della regione del Perù di Tacna, è diminuita del 57% nella prima metà dell'anno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, secondo la divisione di statistica agricola del dipartimento agricolo regionale di Tacna.

Fabio Salas, Portogallo, della Divisione Statistica, afferma che le tonnellate di olive 1,720 sono state esportate nel primo semestre rispetto alle tonnellate 3,984 dell'anno scorso.

Dice che tra i fattori che causano questo declino c'è una piaga della mosca bianca che è migrata dalla Valle di Azapa, nel nord del Cile, e si è riversata su terreni agricoli a La Yarada e Los Palos appena oltre il confine peruviano, che ospita principalmente colture di ulivi. Il cambiamento climatico è stato un altro fattore, ha detto.

.

[1] Centro per la ricerca sulle specie invasive Università della California - Riverside

Foto di olive fly di Marshall W. Johnson

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti