` Unione Europea per vietare le ampolle di olio di oliva ricaricabili nei ristoranti

Europa

L'Europa mette al bando le ampolle di olio di oliva ricaricabili nei ristoranti

Può. 16, 2013
Di Julie Butler

Notizie recenti

L'olio d'oliva a disposizione dei consumatori nei punti di ristoro nell'Unione europea dovrà essere confezionato in contenitori adeguatamente etichettati e non riutilizzabili dal prossimo anno e le etichette dell'olio d'oliva devono indicare la descrizione e l'origine del prodotto in modo più visibile e leggibile .

Le misure rientrano tra i vari emendamenti previsti per le norme di commercializzazione dell'UE per l'olio d'oliva e progettati per proteggere e informare meglio i consumatori garantendo al contempo la qualità e l'autenticità degli oli d'oliva.

Sono tra i cambiamenti derivanti dal piano d'azione del commissario europeo all'Agricoltura Dacian Cioloş per il settore dell'olio d'oliva dell'UE, pubblicato per la discussione lo scorso giugno.

Si spera che impediranno pratiche come i ristoranti che servono olio d'oliva dei clienti che viene tagliato con oli più economici e le etichette che confondono o inducono in errore i consumatori.

pubblicità

Nove paesi si sono opposti ai cambiamenti

Quando le misure sono state messe ai voti martedì in una riunione del Comitato di gestione per l'organizzazione comune dei mercati agricoli a Bruxelles, non sono riuscite a ottenere ciò che è noto sotto il sistema di voto ponderato dell'UE come maggioranza qualificata.

Secondo fonti di Bruxelles, ci sono stati 195 voti a favore, 94 contrari e 53 astensioni. Uno stato membro era assente dalla riunione del comitato, che comprende esperti agricoli della CE e dei 27 stati membri dell'UE.

Tra i paesi che hanno votato a favore c'erano Cipro, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, Spagna, Slovenia, Slovacchia, Polonia e Portogallo. Resta inteso che anche la Repubblica ceca, la Lettonia, la Lituania e la Romania hanno sostenuto le mosse stavolta avendo votato contro di loro con un voto indicativo a febbraio.

Nove paesi hanno votato contro le mosse - Austria, Bulgaria, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi e Svezia - e Belgio, Regno Unito e Ungheria si sono astenuti.

Sebbene il risultato sia classificato come a "non opinione ", la Commissione ha il potere di adottare le misure e afferma che saranno pubblicate entro la metà di giugno ed entreranno in vigore il prossimo 1 gennaio.

Gli emendamenti erano stati precedentemente rinviati al Comitato sugli ostacoli tecnici agli scambi dell'Organizzazione mondiale del commercio, che ha aperto un periodo di commenti di 60 giorni che scade il 20 aprile. Non sono pervenuti commenti.

sanzioni

Gli Stati membri dovranno effettuare controlli per garantire la conformità al regolamento e stabilirne i propri "appropriate "sanzioni nazionali, che devono essere "efficace, proporzionato e dissuasivo ". I prodotti conformi alle norme vigenti che sono stati fabbricati, etichettati o importati nell'UE e in circolazione prima del 2014 possono essere venduti fino all'esaurimento delle scorte.

Cosa dicono gli emendamenti previsti

Divieto di ampolle:

- Gli oli messi a disposizione del consumatore finale in hotel, ristoranti e pub e bar devono essere imballati in contenitori dotati di un sistema di apertura che non può essere risigillato dopo la sua prima apertura, insieme a un sistema di protezione che ne impedisce il riutilizzo una volta che il contenuto indicato sull'etichetta sono stati completati

pubblicità

Informazioni più chiare sull'etichetta:

- I dettagli obbligatori devono essere raggruppati nello stesso campo visivo, sulla stessa etichetta o su più etichette attaccate allo stesso contenitore o direttamente sul contenitore. I caratteri nel testo devono essere uguali o superiori a 2 mm, se il volume nominale del contenitore è uguale o inferiore a 25 cl; 3 mm, se il volume nominale del contenitore è maggiore di 25 cl ma uguale o inferiore a 100 cl; 4 mm, se il volume nominale del contenitore è superiore a 100 cl.

Per i dettagli di queste e altre modifiche pianificate, vedere il modifiche del regolamento (UE) n. 29/2012 relativo alle norme di commercializzazione dell'olio d'oliva.

Vedi anche Europa più vicina alla messa al bando delle ampolle di olio d'oliva ricaricabili nei ristoranti

Related News