`Lo scandalo dell'olio d'oliva in Libano porta a richieste di riforma - Olive Oil Times

Lo scandalo dell'olio d'oliva in Libano porta a richieste di riforma

Marzo 29, 2011
Umut Egitimci

Notizie recenti

Nonostante tutti i benefici dell'olio d'oliva, può essere ancora rischioso mangiare in Libano, dove recentemente il Ministero dell'Agricoltura e dei Consumatori Libano ha riferito che c'erano diversi marchi di olio d'oliva sul mercato contenenti sostanze chimiche tossiche. Confermati anche dal capo dei Consumatori Libano, Zuheir Berro, sono state segnalazioni che mostrano una mancanza di monitoraggio nella legge libanese che ha causato la questione del falso olio d'oliva nel mercato. Zuheir Berro ha affermato che diversi produttori di olio d'oliva in Libano stavano aggiungendo alcuni ingredienti chimici come il benzopirene e l'acroleina durante la fase di estrazione della produzione di olio d'oliva, che creano un grande rischio per la salute umana.

La dichiarazione rilasciata dal Comitato nazionale per gli oli e i grassi (NCOF) in Libano indicava che i rischi delle sostanze chimiche tossiche utilizzate negli oli d'oliva contaminati potrebbero aumentare le possibilità di cancro. NCOF ha avvertito il pubblico affermandolo "il cervello dei bambini può essere permanentemente danneggiato dal consumo di tali prodotti petroliferi perché i grassi presenti in tali oli sostituiranno, a lungo termine, i grassi sani del cervello ”.

Mentre sia NCOF che Consumers Lebanon hanno chiesto al ministero dell'Agricoltura di monitorare da vicino i prodotti petroliferi importati e prodotti localmente, il membro del Parlamento Atef Majdalani ha tenuto una conferenza stampa sulla questione del falso olio d'oliva. Majdalani ha invitato a presentare un progetto di legge sulla sicurezza alimentare a causa di "i pericolosi scandali sui prodotti alimentari in Libano, in particolare gli oli di oliva contraffatti che presentano alti rischi di malattie tumorali. Questo progetto di legge ordina di formare una commissione indipendente per controllare il ciclo di produzione alimentare in tutte le sue fasi. "

Nel frattempo, la Daily Star ha riferito oggi che nuove leggi sull'etichettatura dell'olio d'oliva saranno effettivamente introdotte in risposta allo scandalo.  "Tutti [gli agricoltori e i produttori di olio d'oliva] che non si affrettano a registrare le presse e le fabbriche saranno considerati [violando la legge] ", ha detto in una conferenza stampa il ministro dell'agricoltura Hajj Hassan.

La proposta di legge richiederebbe imballaggi in vetro, etichettatura di origine e data di imbottigliamento. Verrà istituito un nuovo insieme di standard e un programma di certificazione. Nonostante l'ampio sostegno tra le parti, le riforme non dovrebbero essere ratificate fino a quando un nuovo governo non avrà luogo entro la fine dell'anno.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti