`Congresso medico: olio d'oliva, nutrizione e salute - Olive Oil Times

Congresso medico: olio d'oliva, nutrizione e salute

Gennaio 30, 2012
Olivarama

Notizie recenti

Il nostro paese è all'avanguardia nella ricerca sul legame tra olio d'oliva e salute. Negli ultimi anni, i nostri scienziati sono riusciti a dimostrare che alcuni componenti presenti in questo prodotto alimentare contribuiscono a prevenire la comparsa e lo sviluppo di alcune delle malattie più comuni nel mondo occidentale. Per la prima volta nella storia, la medicina spagnola ha coinciso in un unico forum offrendo la possibilità di condividere le conoscenze acquisite fino ad oggi e trasmetterle ai professionisti della nutrizione.

Il sapere popolare, tramandato di generazione in generazione, da secoli attribuisce all'olio d'oliva infinite proprietà salutari. Le persone del bacino del Mediterraneo hanno tradizionalmente utilizzato questo prodotto naturale nel tentativo di risolvere più o meno immediatamente ogni sorta di dolori e dolori, spesso dovuti a condizioni dermatologiche o intestinali.

Tuttavia, nonostante potessimo già averlo capito intuitivamente, l'efficacia terapeutica e medicinale dell'olio d'oliva non è stata scientificamente dimostrata fino a tempi relativamente recenti.

In questo senso, la maggior parte dei benefici riscontrati si osservano in seguito all'assunzione prolungata e continua di oli vergini ed extravergini, che esercitano un effetto protettivo contro lo sviluppo di patologie come infarto miocardico, ictus, diabete, alcuni tipi di cancro e, anche obesità, tra molti altri.

Sempre più pagine sulla salute, sia della stampa specializzata che di quella generale, riflettono i nuovi progressi compiuti in questo settore, sebbene prima d'ora non fosse stato trovato alcun contesto in cui potessero essere analizzati e discussi tutti.

Spagna: leader nella ricerca e nella produzione

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Oltre ad essere considerata il principale produttore mondiale, la Spagna è anche posizionata in prima linea nella ricerca scientifica sull'olio d'oliva. Con l'obiettivo di condividere tutte le conoscenze acquisite fino ad oggi e rendere possibile uno scambio di esperienze, il I Congresso Medico: Olio di Oliva, Nutrizione e Salute è stato recentemente organizzato dall'Interprofesional del Aceite de Oliva Español, insieme alla Fundación Patrimonio Comunal Olivarero e la Fundación Dieta Mediterránea; con il cofinanziamento del Consiglio oleicolo internazionale.

Questo incontro si è svolto presso la sede dell'associazione medica professionale, Ilustre Colegio Oficial de Médicos de Madrid, il 4 e 5 novembre. L'occasione per le figure di spicco coinvolte nelle principali linee di ricerca attualmente aperte di incontrarsi e condividere le loro scoperte con un target composto principalmente da medici, nutrizionisti, studenti di medicina e operatori sanitari.

Ultime linee di ricerca

L'occasione ha rappresentato un'occasione unica per ascoltare, dalla bocca degli stessi protagonisti, gli ultimi progressi che collegano i benefici dell'olio d'oliva con la salute e l'alimentazione.

In questo contesto, il professor Eduard Escrich, che abbiamo intervistato nell'edizione nº 4 di OLIVARAMA, ha evidenziato i punti più rilevanti di un ampio studio di ricerca che è stato diretto negli ultimi 28 anni dal Dipartimento di Biologia Cellulare e Immunologia della Facoltà di Medicina della Universidad Autónoma de Barcelona. I risultati ottenuti in questo studio dimostrano che quei pazienti con una dieta ricca di olio d'oliva tendono a sviluppare una forma di cancro al seno meno maligna e aggressiva.

Da parte loro, i medici Ramón Estruch e Miguel Ángel Martínez hanno approfittato del loro intervento per rivelare i dettagli del macrostudio Predimed che hanno coordinato negli ultimi 7 anni al fine di scoprire gli effetti della Dieta Mediterranea sulla prevenzione primaria di malattie cardiovascolari. Tra le loro conclusioni c'è il fatto che le persone che utilizzano questo ingrediente nella loro dieta presentano un minor rischio di diabete, ipertensione, depressione e, soprattutto, malattie cardiovascolari.

Questi stessi effetti sono stati osservati anche negli studi di ricerca che il dottor Jaime Masjuan, dell'Ospedale Ramón y Cajal di Madrid, ha presentato nel campo della prevenzione dell'ictus. Questo studio, condotto in Francia e noto come "Le tre città ”, ha mostrato chiaramente che le persone che consumano regolarmente olio d'oliva hanno meno probabilità di avere un incidente cerebrovascolare. Masjuan ha anche rivelato che attualmente sono in corso lavori per dimostrare l'influenza di questo prodotto su malattie come il Parkinson o l'Alzheimer.

José López Miranda, a nome dell'Unità Lipidi dell'Università di Córdoba, uno dei centri più all'avanguardia nel nostro paese in questo campo della medicina, ci ha ricordato i risultati che mostrano gli effetti positivi dell'olio d'oliva sull'endotelio, il rivestimento dei tessuti l'interno dei vasi sanguigni. In questo senso, il consumo di questo prodotto protegge la struttura del suddetto tessuto dall'infiammazione ossidativa, che tende a dare origine a molteplici dolori e dolori.

Per riassumere, il dottor Francisco Pérez Jiménez, dell'Ospedale universitario Reina Sofía di Córdoba, come il resto dei suoi colleghi, ha sostenuto le prove scientifiche che l'olio d'oliva è salutare, soprattutto nella prevenzione delle malattie più diffuse tra la popolazione dei paesi sviluppati .

Una richiesta comune

Detto questo, anche i partecipanti al Congresso hanno espresso il loro malcontento di fronte alla normativa europea che, a differenza di quella nordamericana, non ha ancora autorizzato l'etichettatura degli oli extravergine di oliva e vergini come prodotti salutari.

Per questo motivo hanno chiesto alle autorità competenti di accelerare questo processo decisionale al fine di permetterci di tenere presto in mano una bottiglia che ci permetta di leggere che si tratta di un alimento ricco di acidi grassi monoinsaturi e polifenoli che aiutano a prevenire lo stress ossidativo .



Gli articoli di Olivarama compaiono anche sulla rivista Olivarama e non sono modificati do olive oil Times.

Related News

Feedback / suggerimenti