` Una nuova molecola di antiossidante dell'oliva potrebbe ridurre la trasmissione dell'HIV - Olive Oil Times

La nuova molecola di antiossidante verde oliva potrebbe ridurre la trasmissione dell'HIV

Giu. 23, 2012
Naomi Tupper

Notizie recenti

La ricerca condotta presso l'Istituto Carlos III in Spagna ha portato allo sviluppo di una nuova molecola dall'idrossitirosolo, un potente antiossidante presente nelle olive. Si spera che le proprietà antivirali e antinfiammatorie della nuova molecola agiscano da microbicida per ridurre la trasmissione dell'HIV.

L'idrossitirosolo si trova in alte concentrazioni nella foglia dell'olivo e in quantità minori nell'olio extravergine di oliva, e agisce in combinazione con altri composti fenolici nelle olive per dare il caratteristico sapore amaro delle olive e dell'olio d'oliva. La nuova molecola, sviluppata e brevettata dalla società spagnola Seprox, è il risultato della modifica chimica ed enzimatica dell'idrossitirosolo per aumentarne la potenza e potenziarne le proprietà antivirali e antinfiammatorie.

Il nuovo microbicida differisce da altri prodotti attualmente disponibili in quanto, anziché impedire al virus di entrare nell'organismo, il composto impedisce l'integrazione dei geni del virus in quelli della persona infetta, impedendo così al virus di replicarsi e diffondersi. Un virus deve integrarsi nei geni dell'ospite per sopravvivere, quindi impedire questo processo di integrazione porta alla morte del virus.

Il nuovo composto conferisce anche altri vantaggi rispetto agli attuali microbicidi grazie alle maggiori proprietà antinfiammatorie. Ci sono alcune prove che il rischio di infezione da virus HIV aumenta nei casi in cui è presente un'infiammazione vaginale. Si spera che riducendo questa infiammazione, la nuova molecola riduca ulteriormente la trasmissione del virus.

Il progetto finanziato dalla Commissione Europea ha già mostrato un tasso di successo del 100% nei test in vitro e il test sui primati dovrebbe iniziare nei prossimi mesi. Se questi test indicano una maggiore protezione di almeno il 50%, seguiranno prove umane, tuttavia i project manager sperano di raggiungere una cifra più vicina a un aumento dell'80% della protezione. Se questo livello è dimostrato, il prodotto in gel sarà sul mercato entro cinque anni. A causa dei bassi costi di sintesi della molecola, il prezzo del prodotto potrebbe competere con quello dei preservativi.

Non è la prima volta che l'olio d'oliva è stato indicato come potenzialmente utile nella lotta contro l'HIV. I ricercatori dell'Università di Granada hanno dimostrato che l'acido maslinico, un prodotto naturale estratto dall'olio di sansa di oliva nei frantoi, potrebbe rallentare la diffusione del virus HIV in tutto il corpo fino all'80%.



Related News

Feedback / suggerimenti