Salute

L'olio d'oliva può proteggere dalla degenerazione maculare legata all'età

Un recente studio francese ha riportato un rischio ridotto di AMD tardiva tra gli utenti di olio d'oliva, "dopo aggiustamento per più potenziali confondenti".

Agosto 3, 2016
Di Negar Jamshidi

Notizie recenti

Nei paesi sviluppati, la causa principale della cecità negli anziani è la degenerazione maculare legata all'età (AMD). I fattori di rischio per l'AMD sono multifattoriali e collegati alle abitudini di vita come fumo, cattiva alimentazione e attività fisica, nonché fattori genetici.

Secondo The Lancet Global Health la pubblicazione, da 2020 a 2040, si prevede che il carico AMD aumenterà di circa il 40 percento a livello globale.
Guarda anche: Benefici per la salute dell'olio d'oliva
La mancanza di modalità di trattamento efficaci per l'AMD avanzata ha riorientato gli sforzi dei ricercatori nello sviluppo di strategie preventive per lo sviluppo o la progressione dell'AMD, finalizzate a fattori di rischio reversibili come le pratiche di nutrizione e stile di vita.

L'aumentata evidenza clinica ha associato l'adesione a dieta mediterranea (MD) ricco di olio d'oliva con rischio ridotto di progressione AMD; lo studio più recente sull'MD ha riscontrato che il rischio di sviluppo di AMD nella fase avanzata si è ridotto fino al 26 percento negli anziani.

Nonostante ampi studi epidemiologici sul ruolo potenziale della nutrizione, in particolare dei grassi alimentari nella prevenzione dell'AMD, ci sono pochissimi studi pubblicati sull'associazione diretta di olio d'oliva e AMD.

I risultati di a recente studio da ricercatori francesi ha rivelato un legame diretto tra il consumo di olio d'oliva e la ridotta incidenza di AMD in un gruppo di anziani volontari francesi.

pubblicità

Il design dello studio francese e alcuni dei loro risultati erano notevolmente simili a quelli di grandi dimensioni Studio australiano, l'unica altra ricerca clinica pubblicata su un'associazione diretta tra l'assunzione di olio d'oliva e la ridotta presenza di AMD in ritardo.

Tuttavia, i risultati francesi hanno rivelato un maggiore consumo regolare di olio d'oliva da parte dei partecipanti francesi (73.2 per cento) rispetto alla popolazione di studio australiana (53.6 per cento). Inoltre, gli investigatori hanno confrontato altri oli e burro rispetto ad AMD e non hanno trovato alcuna associazione.

Sebbene il componente principale dell'olio d'oliva sia l'acido oleico, il ruolo degli acidi grassi monoinsaturi nella dieta (MUFA) e il suo legame con l'AMD sono altamente discutibili a causa di rapporti pubblicati contraddittori.

I ricercatori francesi hanno dedotto che l'effetto protettivo dell'olio d'oliva potrebbe essere probabilmente dovuto componenti fenolici come oleocanthal, idrossitirosolo e oleuropeina tutti precedentemente segnalati per esibire significative attività anti-infiammatorie e antiossidanti.

Un plausibile meccanismo protettivo, secondo gli autori, è attraverso oleocanthal, che ha effetti antinfiammatori comparabili a una bassa dose di ibuprofene, per cui si abbassa lo stress ossidativo naturalmente nel tempo riducendo la progressione della AMD negli anziani.

È interessante notare che precedenti studi in vitro hanno dimostrato che l'attività antiossidante di idrossitirosolo impartiva una notevole protezione dei mitocondri all'interno delle cellule della retina degli occhi dal danno antiossidante. Pertanto, resta da determinare l'azione del meccanismo sinergico dei componenti bioattivi dell'olio d'oliva.

Il gruppo francese ha anche mostrato che altri fattori confondenti come la dieta, lo stato socioeconomico e l'IMC hanno avuto un'influenza trascurabile sulla connessione tra l'uso di olio d'oliva e la tarda AMD.

Gli autori hanno concluso che sono necessari studi più ampi per stabilire se l'olio d'oliva riduce il rischio genetico negli adulti affetti da AMD. Inoltre, ulteriori studi chiariranno il meccanismo protettivo sottostante dei fitonutrienti dell'olio d'oliva sull'insorgenza e la progressione tardive dell'AMD.



Related News