`Il progetto 'Oli-PHA' sviluppa imballaggi più verdi dai rifiuti del frantoio - Olive Oil Times

Il progetto 'Oli-PHA' sviluppa imballaggi più ecologici da rifiuti di olive

Giu. 26, 2012
Naomi Tupper

Notizie recenti


Il progetto Oli-PHA è stato lanciato nelle strutture IRIS, a Castelldefels, Barcellona, ​​l'11 giugnoth e 12th, 2012

Il lancio di un nuovo progetto di ricerca che indaga sulla produzione di bioplastiche dalle acque reflue del frantoio promette un uso ecocompatibile per i 30 miliardi di litri di acque reflue generate in tutto il mondo ogni anno.

Il progetto Oli-Pha è il risultato di una fusione di industrie, strutture di ricerca e università delle principali regioni produttrici di olio d'oliva in Europa e America Latina.

Rappresentanti dei settori della lavorazione delle olive, della plastica, dell'imballaggio, dell'ingegneria alimentare e dell'ambiente si sono uniti per realizzare l'impresa, che è stata lanciata nel Parco mediterraneo della tecnologia di Castelldefels a Barcellona a metà giugno di quest'anno.

Si spera che il progetto affronterà le sfide affrontate dai produttori di olio d'oliva nello smaltimento di acque reflue pericolose, fornendo al contempo una fonte di reddito aggiuntiva attraverso la generazione di bioplastiche.

Il progetto si basa su un approccio ambientale olistico denominato "MaxiUse ", che mira ad aumentare la sostenibilità di materiali e processi.

Il concetto prevede che le acque reflue del frantoio vengano utilizzate come terreno di coltura per la generazione della sostanza poliidrossialcanoato (PHA), un tipo di bioplastica. PHA è prodotto da batteri fotosintetici, noti come cianobatteri, che sono tradizionalmente coltivati ​​su materie prime raffinate come il glucosio nella produzione di PHA.

L'uso delle acque reflue del frantoio come mezzo di coltura presenta tuttavia una soluzione più sostenibile che riduce l'impatto ambientale ed evita la concorrenza con le fonti alimentari. Il processo può anche essere ottimizzato attraverso l'ingegneria genetica dei cianobatteri e la creazione di bioreattori che forniscono l'ambiente ideale per il processo.

Non solo la generazione di questo materiale andrà in qualche modo ad alleviare le difficoltà di smaltimento delle acque reflue affrontate dai trasformatori di olive, ma si prevede anche che avrà un risultato positivo per i settori della plastica e degli imballaggi, fornendo un prodotto economico, biodegradabile e rinnovabile che può essere utilizzato per imballaggi alimentari.

Si spera che questa alternativa più ecologica alla plastica prodotta da polimeri fossili sia un'opzione praticabile per garantire una fornitura a lungo termine di prodotti in plastica e che soddisfi la crescente domanda dei consumatori di alternative di plastica più sostenibili ed ecocompatibili che offrano la stessa qualità dei fossili versioni basate su come rigidità e flessibilità.

Verranno inoltre condotte ricerche sugli effetti di altri composti trovati nelle acque reflue, come i polifenoli, che sono potenti antiossidanti. Queste sostanze resistenti ai batteri, che in precedenza hanno creato problemi nello smaltimento dei rifiuti in quanto non possono essere scomposti dai batteri utilizzati nel normale trattamento dei rifiuti, possono in effetti essere utili se incorporate nel bio-imballaggio, portando a caratteristiche come la durata di conservazione prolungata dei prodotti imballati negli alimenti e potenzialmente in altri settori come i cosmetici.

Il progetto Oli-Pha è un'impresa di tre anni finanziata dal Settimo programma quadro EC'c.



Related News

Feedback / suggerimenti