` Vivai del Fondo comune per servire da modello per le nuove tecnologie - Olive Oil Times

Vivai di fondi comuni da servire come modelli per le nuove tecnologie

19 novembre 2012 12:49 EST
Naomi Tupper

Notizie recenti

Un nuovo progetto pilota di vivaio di ulivi, progettato per aumentare la produttività e la qualità, è stato approvato dal Fondo comune per i prodotti di base in Tunisia, Algeria, Marocco ed Egitto.

In ciascuno di questi quattro paesi, saranno istituiti vivai pilota di olive, con l'obiettivo di aumentare il reddito e la produttività degli olivicoltori in queste regioni, attraverso una migliore propagazione delle olive. Si spera che questo obiettivo venga raggiunto attraverso la dimostrazione di tecniche moderne, la formazione nella gestione del vivaio e la propagazione delle piante, la promozione delle risorse genetiche di olive autoctone e il monitoraggio e la supervisione in corso.

Ogni vivaio deve avere la capacità di produrre almeno 25,000 piante di olivo ogni anno e si concentrerà sull'utilizzo di tecniche moderne per coltivare piante di olivo che producono un alto rendimento. Le varietà locali, che sono ben adattate alla loro posizione in termini di ambiente, clima e tipo di suolo, saranno coltivate in ciascuna delle quattro località, con le piante distribuite agli agricoltori locali dopo la propagazione per una tariffa relativamente bassa. Il ricavato delle vendite sarà utilizzato per aumentare e ampliare i servizi per i vivai e gli agricoltori di tutta la regione.

Tutte le piante propagate nei vivai verranno coltivate utilizzando innesti, talee o metodi in vitro da alberi madre, in modo che gli agricoltori possano essere sicuri del ceppo di piante che stanno ricevendo in un modo che potrebbe non essere stato in passato. La distribuzione di piante da una fonte certificata può anche essere utile nella gestione del raccolto e nell'attuazione di tecniche agricole rispettose dell'ambiente.

Insieme ai benefici ambientali, la propagazione del vivaio delle piante di olivo può influenzare le prestazioni economiche dell'intera catena produttiva. Consentendo la conservazione sicura dello stock genetico, nonché avvalendosi di nuove tecnologie e tecniche di propagazione, i vivai hanno la capacità di fornire piante adatte per modernizzare le tecniche di olivicoltura. Questo combinato con una maggiore sostenibilità può tradursi in un maggiore vantaggio economico.

Con la domanda di olio d'oliva in costante aumento in tutto il mondo, si spera che una maggiore quantità e qualità di olive propagate, in combinazione con lo sviluppo delle competenze degli agricoltori e l'educazione sull'importanza di ottenere materiale vegetale certificato e di buona qualità, giocherà un ruolo nel soddisfare questa esigenza.

pubblicità

La superficie globale dell'olivicoltura è aumentata del 22 percento negli ultimi dieci anni, quindi se questo tasso di aumento dovesse continuare, oltre 40 milioni di alberi dovrebbero essere prodotti ogni anno. Questo livello di produzione è di gran lunga superiore ai livelli attuali e si spera che progetti di questo tipo possano aiutare a fornire piante per far fronte al continuo aumento della domanda.

Il progetto vivaio è una collaborazione tra il Common Fund For Commodities (CFC) e il Consiglio oleicolo internazionale, ed è la seconda parte del progetto completato intitolata "Conservazione, caratterizzazione, raccolta e utilizzo delle risorse genetiche nell'olivo. ”La prima parte del progetto ha consentito la conservazione di varie varietà di olive mediterranee.

Il progetto durerà quattro anni, con un costo di 1.7 milioni di dollari, dopodiché si prevede che i gestori dei vivai aumenteranno le vendite delle piante a tassi più commerciali.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti