Varietà di olive

Il Consiglio dell'Olio d'Oliva considera le nuove denominazioni di origine 80

Giu. 27, 2010
Di Daniel Williams

Notizie recenti

Di Daniel Williams
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Barcellona

Il Consiglio internazionale dell'olio d'oliva (IOOC) ha rilevato la possibilità di creare 80 nuove denominazioni di origine per l'olio d'oliva e le olive in tutto il mondo secondo il direttore e capo della divisione di studio e valutazione, Jean Louis Barjol. La maggior parte di queste nuove denominazioni si applicherebbe alle nazioni produttrici di olio d'oliva al di fuori dell'Unione Europea, come l'Argentina e la Palestina.

Gli studi sono iniziati nell'ottobre 2009 quando l'IOOC ha creato un comitato di monitoraggio composto da esperti provenienti da Tunisia, Marocco, Israele e Unione Europea. L'obiettivo era avviare un'analisi dettagliata delle attuali denominazioni di origine
nel mondo e identificare nuove olive e olio d'oliva che non rientrano nelle denominazioni esistenti.

Le denominazioni di origine vengono inserite come etichette per olive o olio d'oliva che soddisfano i requisiti specifici delle normative di produzione. Indicano la posizione geografica in cui l'olio d'oliva o le olive sono state prodotte ed elaborano la composizione del prodotto che deve raggiungere determinati standard precisi, spesso dettagliati a livello legislativo.

La prima fase di questo progetto di nuove denominazioni è giunta alla conclusione quando il comitato ha analizzato le basi giudiziarie dei paesi membri IOOC e di altri soggetti terzi coinvolti nel processo di produzione. Anche la seconda parte dello studio è stata finalizzata ed è stata la causa di un recente incontro del gruppo di lavoro dell'IOOC a Madrid. Questa fase ha dettagliato i requisiti, le norme e le specifiche per ciascuna denominazione di origine recentemente proposta. Le restanti conclusioni e proposte del gruppo di lavoro saranno rese note in un seminario in Italia che l'IOOC terrà a ottobre.

pubblicità

L'analisi ha determinato che attualmente esistono 120 denominazioni di origine nei settori internazionali delle olive e dell'olio di oliva. Tutti appartengono a paesi all'interno dell'Unione Europea ad eccezione di 3 in Turchia e 1 in Marocco. Jean Louis Barjol ha affermato che la chiave per lo sviluppo di queste nuove denominazioni di origine risiede nella specificità del prodotto, nel "terroir" o nella personalità di ciascuna regione, nei metodi di produzione, nell'esistenza di una domanda da parte del settore economico e un impulso da parte delle autorità politiche.