`Il gruppo industriale spinge ad adottare lo standard australiano per l'olio d'oliva in Sud Africa

Mondo

Il gruppo industriale spinge ad adottare lo standard australiano per l'olio d'oliva in Sud Africa

Novembre 15, 2011
Curtis Cord

Notizie recenti

L'associazione industriale dei produttori di olio d'oliva sudafricano, ha deciso di sostenere l'adozione dello stesso standard dell'olio d'oliva recentemente introdotto in Australia.

Andries Rabie, presidente della South African Olive Industry Association (SA Olive), ha dichiarato che il governo sudafricano ha istituito un comitato per esaminare la raccomandazione.

il colore del pollice Standard australiano per gli oli di oliva e di sansa di oliva, che è stato approvato a luglio da Standards Australia, ha stabilito nuove linee guida volontarie sull'etichettatura e la chimica dell'olio d'oliva come nessun altro mercato al mondo. Parole fuorvianti come "Luce "e "Pure "non sono stati ammessi e sono stati sanzionati nuovi metodi di prova per determinare la qualità e il grado dell'olio d'oliva.

Il Consiglio oleicolo internazionale, i cui paesi membri producono oltre il 95 percento dell'olio d'oliva mondiale, ha criticato la mossa australiana, definendolo una possibile barriera commerciale che faciliterebbe l'adulterazione.

Ma il nuovo standard ha i suoi sostenitori. Compagni emergenti in California, SA Olive, e persino il rettore dell'Università di Jaén, Manuel Paras Rosa, si sono radunati attorno, secondo il presidente della Australian Olive Association Paul Miller chi ha intenzione di formare un "nuova alleanza mondiale ” basato in parte sul nuovo standard.

Il Sudafrica produce circa il 3 percento del vino mondiale, collocandolo tra i primi dieci produttori, ma la sua produzione di olio d'oliva di tonnellate 1,500 è a malapena sui radar. E con un consumo annuo stimato da Rabie in tonnellate 7,000, i sudafricani rappresentano meno di un quarto dell'uno percento del consumo globale di olio d'oliva.

Rabie sottolinea, tuttavia, che il consumo di olio d'oliva è stato di appena 1,800 tonnellate 10 anni fa, e il paese è considerato tra i produttori emergenti del Nuovo Mondo che sfidano i modi consolidati dell'industria dell'olio d'oliva e il dominio di lunga data dei produttori europei.

"Per molti anni abbiamo saputo che alcuni marchi dell'UE mescolavano oli raffinati nel loro extra vergine per abbassare il prezzo ", ha detto Rabie Olive Oil Times"Ma non potremmo mai provarlo."

Quindi, come le loro controparti negli Stati Uniti e in Australia, SA Olive ha effettuato alcuni test. "Abbiamo prelevato 30 campioni a caso dagli scaffali dei rivenditori. Abbiamo trovato risultati scioccanti. Solo il 24% è risultato essere extra vergine secondo i criteri IOC ”, ha affermato Rabie.

Il Willow Creek di Rabie è il più grande produttore di olio d'oliva in Sudafrica, con circa 280 ettari e 173,000 alberi. La tenuta appartiene alla sua famiglia dalla fine dei 18 annith secolo.

Con il mondo prezzi dell'olio d'oliva che rasentano i minimi storici, innumerevoli produttori in ogni regione sono in bilico sull'orlo della redditività. La situazione in Australia è particolarmente disastrosa, secondo fonti.

Incapace di competere contro i produttori europei sovvenzionati che esportano prodotti di bassa qualità, spesso fraudolenti, i produttori del Nuovo Mondo sono diventati sempre più aggressivi. Test di qualità altamente pubblicizzati, riforma degli standard e gruppi come l'alleanza di Miller sono visti come sforzi per invertire la tendenza e persino il punteggio.

"Se potessimo scegliere la qualità, potremmo livellare il campo di gioco in Sudafrica ", Rabie Said, "Abbiamo quindi deciso di supportare lo standard australiano e di adottarlo qui. ”

Related News