`'El Olivo' raffigura il legame tra una famiglia spagnola e il loro ulivo - Olive Oil Times

'El Olivo' raffigura il legame tra una famiglia spagnola e il loro olivo

Marzo 23, 2016
Alexis Kerner

Notizie recenti

La prima cosa che un produttore di olive potrebbe dirti è il numero di generazioni che la sua famiglia ha coltivato la loro tenuta e l'età del loro albero più vecchio. La maggior parte dei produttori ammette anche di essere nel settore per ragioni più importanti del guadagno. Per molti spagnoli, un olivo rappresenta non solo frutta, olio e legno; sono le loro radici, eredità e parte della loro anima. Sono anche oltre 2,000 anni di storia che molti stanno lottando per continuare.

Tuttavia, quando i paesaggisti di lusso e le grandi aziende offrono 12,000, 15,000 o anche 30,000 euro per un albero millenario, può essere difficile rifiutare. Ci sono bocche da sfamare e conti da pagare.

Lo sceneggiatore, Paul Leverty, e il regista, Icíar Bollaín, attingono a questo dilemma dei tempi moderni "El Olivo ”(The Olive Tree), che uscirà nelle sale spagnole il 6 maggioth.

Il film condivide la storia emotiva di una famiglia di Castellón che deve affrontare difficoltà economiche e decide di lasciare il business dell'olio d'oliva per avviare un allevamento di pollame. Quando la famiglia decide di vendere anche il suo ulivo di 2,000 anni a una compagnia energetica tedesca, il nonno ribatte che l'olivo è la sua vita. Sradicare l'albero è come portargli via la vita. Nonostante la sua richiesta, l'albero viene spedito a Dusseldorf e il nonno smette di parlare e mangiare.

Dodici anni dopo, sua nipote di 20 anni, Alma (che si traduce in "anima "in spagnolo), decide che deve recuperare l'albero per salvare suo nonno. Ci vuole determinazione con l'aiuto di suo zio, collega, amici e l'intero villaggio spagnolo per trovare l'albero.

In un'intervista su RTVE (Società radiotelevisiva spagnola), il regista, Icíar Bollaín, ha parlato del film. Ha ammesso che lanciare il perfetto olivicoltore non è stato facile. Non sono molti gli attori che hanno le mani e il viso di un uomo che ha lavorato negli uliveti per tutta la vita. Tuttavia, non appena ha individuato un coltivatore di olive, Manuel Cuccala, scendere dal suo trattore un giorno, ha detto: "È lui. ”Cuccala ha avuto poca esperienza nella recitazione. Tuttavia, Bollaín ha osservato, "Non ha avuto problemi a identificarsi con il personaggio. C'è una scena in cui dicono che devono vendere l'olivo e lui si emoziona molto perché ha davvero un albero dal quale non potrebbe mai separarsi ".

Nell'intervista il regista spiega anche che non è stato facile creare la scena in cui l'albero viene sradicato. Ovviamente non potevano sradicare un vero albero perché sarebbe andato contro ciò che il film rappresentava. L'unica soluzione era costruire una replica dell'albero, un processo che ha richiesto sei mesi.

Bollaín sottolinea che il concetto del film può essere estrapolato a molte situazioni odierne in Spagna. Ha continuato dicendo che gli spagnoli devono prendersi cura e valorizzare le loro comunità, il patrimonio e i paesaggi. Queste tre cose, alla fine, sono gli spagnoli. Nel prenderci cura di loro, ci prendiamo cura di noi stessi.

La Catalogna e Valencia hanno già avviato varie iniziative, sia di base che legali, lavorando per salvare ulivi secolari. C'è uno sforzo crescente in Spagna, soprattutto in Andalusia, per celebrare il patrimonio e la storia della cultura dell'olivo.

Con il rilascio di "El Olivo ”, il 6 maggio, il pubblico spagnolo e internazionale ha potuto acquisire maggiore consapevolezza dell'inestimabile eredità che è stata piantata da mani romane e che rimane profondamente radicata nel suolo spagnolo.


El Olivo

Società di produzione: Morena Films, The Match Factory, El Olivo la Pelicula

Cast: Javier Gutierrez, Anna Castillo, Pep Ambros, Manuel Cucala, Miguel Angel Aladren

Regista: Iciar Bollain

Sceneggiatore: Paul Laverty



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti