`Gli agricoltori aiutano a combattere il coronavirus in Spagna

Notizie in breve

Gli agricoltori aiutano a combattere il coronavirus in Spagna

Marzo 21, 2020
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

L'effetto drammatico del romanzo coronavirus in Spagna, dopo aver causato più di 1,300 vite umane al momento della stesura di questo articolo, i contadini spagnoli colpiscono nuovamente le strade - non per farlo protesta, ma per aiutare con i loro trattori e attrezzature contenere la diffusione della pandemia, ha affermato Asaja, l'associazione agraria dei giovani agricoltori.

Gli agricoltori in molte aree del paese, collaborando con le autorità locali, hanno caricato i serbatoi dei loro trattori con una soluzione disinfettante (acqua e ipoclorito) e hanno iniziato a spruzzare strade, piazze, parchi e altri luoghi pubblici.

"Gli agricoltori e gli allevatori non sono ignari dei tempi difficili che tutta la società sta attraversando e vogliamo contribuire con il nostro granello di sabbia. Andremo dove siamo necessari per combattere questo virus che ci ha colpiti tutti ", ha affermato Pere Roque, presidente di Asaja-Lérida.

"Con trattori e atomizzatori, è destinato a fermare la diffusione del virus, poiché l'uso di questo tipo di macchinario è molto più efficiente del trattamento effettuato [a mano] ”, ha aggiunto.

Nel frattempo, le restrizioni in Spagna dovute al blocco parziale del paese hanno reso difficile il pendolarismo quotidiano per i lavoratori agricoli e degli impianti.

pubblicità

Come ha spiegato Emilio Terrón, il segretario per l'agricoltura e la movimentazione di frutta e verdura dell'associazione UGT-FICA, i lavoratori terrestri e quelli che lavorano nelle strutture di movimentazione dei prodotti agricoli erano soliti condividere un veicolo con i colleghi per spostarsi, ma le nuove misure richiedono che ogni veicolo trasporta solo una persona (il conducente) per prevenire la diffusione del virus, rappresentando una seria sfida per la maggior parte dei lavoratori che non dispongono di una patente di guida o di un'auto propria.

Inoltre, Terrón ha affermato che alcuni lavoratori hanno riferito a UGT-FICA che i loro datori di lavoro li hanno minacciati con a "ritiro volontario "in caso di mancanza di lavoro a causa di limitazioni del traffico.



Related News