`La biomassa dell'olivo è una promettente alternativa ai combustibili fossili - Olive Oil Times

Biomassa di ulivo un'alternativa promettente al combustibile fossile

Può. 16, 2012
Naomi Tupper

Notizie recenti

La ricerca condotta dall'Università di Jaén e presentata alla recente conferenza Bioptima ha evidenziato la grande promessa della biomassa dell'olivo nella generazione di etanolo come biocarburante, così come altri prodotti potenzialmente utili.

La ricerca, guidata dal Dott. Eulogio Castro, è durata diversi anni, a cominciare dalla prima dimostrazione della produzione di etanolo da residui di olivo. I progetti successivi si sono estesi al concetto di bioraffineria basata su questa biomassa. L'etanolo è un importante biocarburante, già aggiunto alle forniture di carburante in Spagna e in tutto il mondo, e una valida sostituzione parziale dei combustibili fossili. La sua produzione è quindi un'area di grande interesse e una consistente ricerca sull'argomento viene finanziata in tutto il mondo.

Il processo di produzione di etanolo dalla biomassa di olivo è un processo semplice composto da quattro fasi principali. L'albero è composto da una serie di composti, di cui gli zuccheri sotto forma di cellulosa ed emicellulosa sono i più importanti. Questi zuccheri sono tenuti insieme da un composto chiamato lignina. La prima fase del processo prevede la degradazione di questa lignina 'cemento », seguito dalla solubilizzazione dell'emicellulosa. Si verifica quindi l'idrolisi enzimatica, mediante la quale la cellulosa viene attaccata dagli enzimi e scomposta nelle unità di glucosio più semplici. Questo passaggio è essenziale poiché solo le singole molecole di zucchero possono essere convertite in etanolo - non è possibile nascondere direttamente la cellulosa. Viene quindi eseguita la fermentazione di questo glucosio da parte del lievito o di altri microrganismi per generare etanolo. Infine, l'etanolo viene separato per essere utilizzato come biocarburante.

Il dottor Castro ha affermato che l'uso della biomassa dell'olivo in questo processo aveva un enorme vantaggio rispetto ad altre fonti primarie in quanto si trattava di un prodotto di scarto prodotto in enormi quantità ogni anno (3 tonnellate per ettaro nei 2.4 milioni di ettari di uliveti nella sola Spagna) , senza usi industriali. Oltre a questo è essenziale rimuovere questa biomassa dai campi per prevenire la diffusione di malattie vegetali. Attualmente i rifiuti degli alberi vengono bruciati, quindi piuttosto che spendere soldi per lo smaltimento dei rifiuti, ha senso utilizzarli per convertire i residui in un prodotto utile.

L'etanolo prodotto dalla biomassa dell'olivo è definito biocarburante di seconda generazione, poiché viene prodotto da una fonte che non è utilizzabile per altri usi. Questo lo rende preferibile a quelli noti come di prima generazione, che sono prodotti da materie prime che hanno applicazioni alimentari o mangimi, come i cereali. È quindi una fonte ideale da cui generare sostituzioni parziali di combustibili fossili. Oltre alla produzione di etanolo, il team di Castro ha dimostrato la generazione di altri prodotti utili dalla biomassa dell'olivo come un composto che mostra capacità antiossidanti e oligosaccaridi, che potrebbero essere utilizzati rispettivamente nell'industria alimentare e farmaceutica.

Nonostante i vantaggi di questo tipo di produzione di biocarburanti, esistono ancora diversi ostacoli che ostacolano un ulteriore sviluppo. Lo spiega il dott. Castro "nel caso specifico della biomassa olivicola, ottenuta per potatura, la logistica è una delle principali preoccupazioni. Serve un sistema di raccolta in grado di trasportare grandi quantità di biomassa dai campi agli impianti di trasformazione, con efficienza economica ". Ha anche affermato che le attuali questioni tecnologiche affrontate comportano il miglioramento dei rendimenti in tutte le fasi del processo e che, come sempre, i finanziamenti in corso da parte di organizzazioni pubbliche e private sono essenziali per la ricerca continua su questa potenziale fonte di carburante.

Fonte:

L'informazione
Dott. Eulogio Castro Galiano

Related News

Feedback / suggerimenti