`La storia dell'olio d'oliva Golden Bless (finora) - Olive Oil Times

La storia di Golden Bless Olive Oil (finora)

Dicembre 27, 2011
Gus Kolias

Notizie recenti

Theodoros Karras e Gus Kolias

Sono nato in Canada da immigrati greci e trascorrevo le mie estati in Grecia con i miei genitori. La mia storia dell'olio d'oliva inizia ad Astros - un po ' villaggio sul mare nel Peloponneso provincia della Grecia. È lì che ho incontrato per la prima volta mio cugino, Theodoros Karras, che non parlava inglese e potevo parlare solo poche parole di greco. Da allora ho imparato a parlare greco e lui ha imparato a dire due o tre parole in inglese.

Gli anni passavano, io andavo a scuola e lui lavorava ai suoi ulivi. Dopo la laurea ho lavorato nell'azienda di famiglia di gestione immobiliare e lui ha lavorato sui suoi ulivi. Sono diventato uno sviluppatore immobiliare e ha lavorato sui suoi ulivi. Ogni estate andavo in Grecia e portavo a casa del suo fantastico olio d'oliva. All'inizio era una bottiglia di coca cola da 1.5 litri riempita, in seguito ho riportato una valigia piena di bottiglie da 1.5 litri per me e per i miei amici.

L'olio extravergine di oliva Golden Bless è la passione di una vita di Theodoros. Coltiva minuscole olive verdi chiamate Manakia sulle colline della tenuta di famiglia. Sono raccolti e poi pressati a freddo in un olio burroso leggero e unico. I livelli di acidità sono bassissimi e il valore nutritivo è alto. L'olio d'oliva non ha bruciore o amarezza come molte altre varietà hanno. Il sogno di mio cugino era quello di imbottigliare il suo olio d'oliva e portarlo in America.

Molto probabilmente il suo olio è arrivato in America in un'etichetta di bottiglia di "prodotto dell'Italia ”come sarebbero venuti gli italiani per acquistare tutto il petrolio suo e dei suoi vicini. Afferma di essere nato sotto un ulivo e spera di morire anche lì.

10 anni fa sono andato in pensione e ho trascorso più tempo ad Astros. Theodoros mi chiedeva costantemente di aiutarlo a portare il suo petrolio in America. Aveva studiato tutti i tipi di fatti e cifre sul mercato nordamericano. Ho cercato di evitarlo, ma quando ha iniziato a presentarsi al mio ritrovo - Jack's Taverna, si è approfittato di me nei miei momenti più deboli, quando bevevo. È così tenace che ora l'ho soprannominato Teddy Harass. Aveva trovato un nome per il suo olio d'oliva, Golden Bless.

Ingresso alla Golden Bless America Estate ad Astros

Ho detto che non mi piaceva il nome e abbiamo assunto una società di marketing. Ci è costato 3,000 euro sapere che Golden Bless era il nome perfetto. La storia dietro il nome è che nei tempi antichi l'olio d'oliva era "benedetto ”e Ipocriti lo definirono liquido "oro." Dopo qualche seria considerazione (3 o 4 drink) mi venne in mente il nostro nome aziendale "Golden Bless America. " Volevo God Bless America, ma era già stato preso. Sono state progettate e stampate etichette, riempite bottiglie e barattoli e caricato un contenitore. Il petrolio salpò per il Canada.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Il container finalmente è arrivato a Calgary a maggio, ho aperto la porta e sono stato subito battezzato con l'olio che versava. Abbiamo caricato il container alla rinfusa, le scatole impilate dal pavimento al soffitto senza pallet. Circa ¼ dei barattoli si erano rovesciati, piegati, rotti e svuotati. L'olio si riversava dappertutto nel parcheggio del nostro magazzino. Mi veniva da piangere, ma mi rassicurai che dopotutto avevamo un'assicurazione. Sono stati informati e mi è stato detto di fare molte foto e un perito marittimo sarebbe venuto a ispezionare. Il container doveva essere svuotato per evitare ulteriori disastri ambientali.

Una degustazione di olio d'oliva Golden Bless

Il container è stato scaricato, eravamo tutti inzuppati d'olio d'oliva. Abbiamo trascorso 3 giorni a recuperare tutto quello che potevamo. Ci è voluta una settimana per pulire i barattoli integri che erano coperti di olio. Il perito marittimo dopo 6 giorni è arrivato e ha concluso che era colpa dell'imbottigliatore che aveva caricato il container in modo improprio, il che significava che l'assicurazione non copriva la nostra perdita. Il recupero delle nostre perdite con l'imbottigliatore non è andato bene e ora stiamo usando un nuovo imbottigliatore. Le spedizioni successive sono state tutte effettuate utilizzando pallet.

La storia di Golden Bless non finisce qui, in realtà è solo l'inizio. In questo momento devo caricare il file Goldenblessmobile e guidare 700 chilometri da Calgary a Saskatoon per consegnare 70 casi al nostro nuovo cliente. Potrei spedirli, ma sento che su quante più consegne possibile, specialmente la prima, significa molto per i nostri clienti avere quel tocco personale, e inoltre posso ritirare l'assegno. Ho percorso migliaia di miglia per cercare clienti in Canada che possono apprezzare un incredibile olio d'oliva a un prezzo speciale. Quello che ho imparato durante i miei viaggi è che se riesco a convincerli a provarlo, lo compreranno.

Related News

Feedback / suggerimenti