La stima finale per la resa dell'olio di oliva 2019 in Spagna è stata di 1.2 milioni di tonnellate, circa l'8% inferiore alla media mobile a cinque anni, secondo i dati ottenuti e analizzati da Oleorevista.

I dati provengono da varie organizzazioni di produttori di olio d'oliva e da vari governi regionali.

L'Andalusia, che è di gran lunga la più grande regione produttrice di olio d'oliva nel paese, si aspetta un raccolto di circa 984,000 tonnellate. Questa cifra rappresenta una riduzione del 32 per cento rispetto al raccolto record dell'anno scorso e una diminuzione del sette per cento rispetto alla media mobile a cinque anni.

La stima finale per il raccolto 2019 è stata costantemente rivista verso l'alto, in parte a causa delle buone condizioni meteorologiche in autunno. In estate, le organizzazioni di produttori stimavano che la produzione sarebbe stata di circa un milione di tonnellate.

Si prevede che molte nazioni produttrici di olio d'oliva nel bacino del Mediterraneo avranno buoni raccolti in 2019, che probabilmente aumenterà il consistente stock di olio d'oliva della Spagna a due milioni di tonnellate.


© Olive Oil Times | Fonte dei dati: Consiglio oleicolo internazionale


"[Dobbiamo] vendere molto più petrolio per garantire che la produzione e il consumo rimangano equilibrati e, da quel punto di vista, abbiamo un prezzo [sostenibile]", ha dichiarato l'Associazione spagnola dei giovani agricoltori e allevatori (Asaja) in risposta all'ultima previsione del raccolto .




Commenti

Altri articoli su: , , ,