` Confusione, polemiche all'avvicinarsi del referendum - Olive Oil Times

Confusione, polemica con il vicino Referendum

Giu. 3, 2015
Lisa Radinovsky

Notizie recenti

Dal rapporto sulla situazione politica ed economica della Grecia venerdì scorso, molti dei timori dei greci si sono realizzati: non c'era accordo tra il paese ei suoi creditori, la Grecia non è riuscita a effettuare un pagamento del prestito al Fondo monetario internazionale (FMI) che era previsto per il 30 giugno , la Banca centrale europea (BCE) ha smesso di sostenere le banche greche e di conseguenza sono stati introdotti controlli sui capitali in tutta la Grecia. Sorprendentemente, molto presto la mattina del 27 giugno, il primo ministro Alexis Tsipras ha annunciato un referendum per il 5 luglio in cui i greci voteranno se accettare o meno la proposta di prestito dei creditori del 25 giugno in cambio di ulteriore austerità e riforme. Tuttavia, poiché l'accordo di salvataggio è scaduto il 30 giugno, i greci voteranno su una proposta che molti leader europei dicono non è più sul tavolo.

Il governo di coalizione del partito di sinistra SYRIZA e del partito nazionalista di destra ANEL chiede un No come rifiuto dell'austerità punitiva che non ha migliorato la situazione del Paese, sostenendo che un No migliorerebbe la sua posizione negoziale nei confronti dei creditori , offrendo speranza piuttosto che ulteriore austerità, affermando al contempo il diritto democratico dei greci di decidere il proprio destino. Coloro che chiedono un voto sì (compresa l'opposizione centrista greca e la maggior parte dei leader europei) affermano che è necessario accettare di lavorare con i creditori per mantenere la Grecia nella zona euro, sostenendo che un voto no non migliorerebbe la posizione contrattuale della Grecia, ma probabilmente porterebbe a un ritorno alla dracma e creerebbe difficoltà economiche ancora peggiori in Grecia.

Il paese è nettamente diviso, con i recenti sondaggi che lasciano il risultato incerto. I sostenitori del No, o Ohi, fanno eco alla richiesta dell'orgoglio patriottico e dell'autodeterminazione che si celebra ogni ottobre nell'Ohi Day in riconoscimento del rifiuto del primo ministro Ioannis Metaxas di consentire alle truppe di Mussolini il libero passaggio attraverso la Grecia durante la seconda guerra mondiale - un rifiuto che ha avviato un periodo di forte resistenza al fascismo, e poi gravi sofferenze nella nazione.

I greci fanno scorta di cose essenziali prima del referendum domenicale

Durante i colloqui della scorsa settimana, i negoziatori hanno segnalato progressi, ma le riunioni sono state interrotte bruscamente dopo l'annuncio inaspettato del primo ministro. Immediatamente si formarono linee ai bancomat in tutta la Grecia, alcuni dei quali rimasero senza soldi nel cuore della notte. Da allora, le file sono continuate, tranne quando gli sportelli automatici finiscono i contanti. Prima dell'imposizione dei controlli sui capitali lunedì, che includono un limite di prelievo di € 60 per conto al giorno e restrizioni sui trasferimenti di denaro al di fuori della Grecia, i greci hanno tentato di ritirare quanto più denaro possibile cercando di fare scorta di beni essenziali.

Da lunedì, i greci hanno semplicemente cercato di ottenere abbastanza soldi per andare avanti. I visitatori in Grecia dovrebbero notare che i limiti di prelievo non si applicano ai titolari di conti stranieri, che sono liberi di prelevare qualunque cosa la loro banca consenta, a condizione che possano trovare un bancomat con denaro sufficiente.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Domenica scorsa la Commissione europea (CE) ha offerto alla Grecia un'altra proposta di riforma per i prestiti. Martedì, il primo ministro ha inviato una lettera ai leader della CE, della BCE e del FMI affermando che la Grecia era pronta ad accettare quella proposta, con alcune modifiche, come parte di un'estensione del programma di salvataggio in scadenza, e insieme a un nuovo prestito richiesto quel giorno anche dalla Grecia al meccanismo europeo di stabilità. Le richieste sono state respinte, con il cancelliere tedesco Angela Merkel e altri che hanno affermato che i negoziati non possono continuare fino a dopo il referendum.

Mercoledì, alcune banche hanno aperto per fornire ai pensionati solo 120 euro delle loro pensioni. Il primo ministro ha invitato i greci a votare no al referendum. Lo stesso giorno si è conclusa senza alcun accordo una riunione dei ministri delle finanze europei. Giovedì il FMI ha pubblicato un rapporto in cui imputava implicitamente il peggioramento dello stato dell'economia greca alle politiche del governo attuale e sottolineava esplicitamente che il paese avrà bisogno di alleggerimento del debito e di ulteriori prestiti nei prossimi anni.

Sebbene la Grecia non abbia pagato gli 1.6 miliardi di euro dovuti all'FMI martedì, non era tecnicamente inadempiente poiché l'FMI non è un prestatore privato. Il Paese ha anche chiesto una proroga dei tempi di pagamento. Tuttavia, Reuters riferisce che l'amministratore delegato dell'European Financial Stability Facility ha annunciato oggi che si è riservato il diritto di chiedere il rimborso anticipato dei 130.9 miliardi di euro che la Grecia gli deve, dato che il mancato pagamento da parte del paese di martedì scorso a causa del FMI gli consente di farlo. Nel frattempo, il capo dell'Associazione bancaria ellenica non garantisce che le banche greche avranno liquidità dopo lunedì mattina.

A Creta, le carenze non sono ancora visibili, poiché la mancanza di sebze yağıa sufficiente all'inizio della settimana è stata risolta. Ma secondo Jeff Daniels della CNBC, chiusure di banche e incertezze politiche hanno creato problemi per molti agricoltori ed esportatori greci. Molte aziende ora insistono sui pagamenti in contanti e, con la scarsità di liquidità, è probabile che i fertilizzanti, i pesticidi e il carburante importati diventino difficili da ottenere. Tuttavia, un importatore americano ha affermato che finora non c'erano stati problemi con le importazioni dalla Grecia.

Nikos Michelakis, consulente scientifico di SEDIK, l'associazione dei comuni di oliva cretese, ha detto Olive Oil Times che l'annuncio del referendum e le festività bancarie hanno interrotto le transazioni di olio d'oliva sfuso, sia perché i produttori preferiscono trattenere il loro olio (considerandolo una valuta più stabile e preziosa di qualsiasi altra ora disponibile), sia poiché i commercianti di olio d'oliva non hanno accesso al denaro necessario per fare acquisti. Tuttavia, le esportazioni di olio d'oliva in bottiglia e di marca all'estero continuano come al solito e Michelakis si aspetta che Creta produca circa 105,000 tonnellate di olio d'oliva quest'anno.

Michelakis sottolinea che i cretesi tradizionalmente consideravano l'olio d'oliva come una valuta buona quanto l'oro, una convinzione supportata dai suoi contributi alla sopravvivenza durante le carestie della seconda guerra mondiale. 

Yiorgos Dimitriadis, il produttore di Biolea, ha scritto in un'e-mail che molte valute diverse "sono venuti e se ne sono andati nella vita di 6,000 anni di olio d'oliva ", mentre "L'olio d'oliva stesso ha un valore nella sua forma più pura ", in grado di sostituire i contanti, come ha fatto più volte. Crea la famiglia Dimitriadis qui a Creta "tale valore allevando l'olivo con il nostro lavoro; sappiamo che quando arriverà la pioggia torneremo a raccogliere le nostre olive ancora una volta. L'olio d'oliva ha acquistato ripetutamente oro, argento, pietre preziose, dollari ed euro ". Qualunque sia l'esito, questa crisi non sconfiggerà gli uliveti.


Related News

Feedback / suggerimenti