`Problemi di qualità dell'olio d'oliva sollevati durante la riunione del gruppo consultivo europeo - Olive Oil Times

Problemi di qualità dell'olio di oliva sollevati durante la riunione del gruppo consultivo europeo

Giu. 29, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

L'importanza di affrontare i potenziali contaminanti nell'olio d'oliva - come l'olio minerale - è stata una delle questioni sollevate nella riunione di questo mese a Bruxelles del gruppo consultivo della Commissione europea su olive e prodotti derivati.

L'incontro ha anche discusso le prossime riforme del settore in Europa; preoccupazioni per gli standard di qualità negli Stati Uniti, in Australia e in Brasile; timori sulla liberalizzazione del commercio con la Tunisia; e discrepanze nei totali di produzione dichiarati dall'Italia.

Qualità dell'olio d'oliva

Secondo un progetto di relazione sulla riunione, tenutosi il 4 giugno, un altro dei nove punti all'ordine del giorno era il "state of play ”sulla qualità dell'olio d'oliva.

"Le discussioni sono state principalmente sui parametri chimici, con l'idea di aumentare l'elemento di sicurezza e di identificare i parametri migliori per salvaguardare la qualità. La Commissione ha anche affermato che, per quanto riguarda le miscele di olio d'oliva, il CIO sta preparando un metodo per l'individuazione di attività fraudolente ".

"La Commissione intende inoltre intraprendere iniziative per lo sviluppo di un progetto di ricerca 'Rilevamento dell'aggiunta di oli estranei agli oli di oliva commestibili ", afferma il progetto di rapporto.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Si è discusso anche sull'etichettatura e sullo stoccaggio degli oli d'oliva, sui metodi di prelievo dei campioni e sulla necessità di maggiori informazioni da trasmettere al settore, afferma anche il rapporto, ma non fornisce ulteriori dettagli.

Contaminanti dell'olio d'oliva

All'incontro è stata raccontata l'importanza di affrontare la questione dei contaminanti.

"Gli oli minerali sono uno dei contaminanti degli oli d'oliva che rappresentano un problema multiplo, in quanto possono contaminare l'olio d'oliva al momento della produzione, durante il processo e dopo quello, nell'imbottigliamento o anche durante il trasporto ", afferma il rapporto.

"La Commissione ha informato che non esistono livelli massimi di olio minerale negli oli di oliva. C'era solo un livello massimo di residui per l'olio di girasole dall'Ucraina, che era un livello di incidenza. A seguito di questo incidente è stata effettuata una valutazione del problema e nei giorni successivi a questo incontro sarebbe stato pubblicato il parere dell'EFSA sugli oli minerali. Le discussioni inizieranno a settembre per stabilire se sia necessario adottare un livello massimo di oli minerali negli alimenti ".

Mercato dell'olio d'oliva

I rappresentanti dei produttori hanno fornito all'incontro aggiornamenti sulle loro ultime previsioni.

"In Spagna la prossima campagna non sembra molto buona, visto che ci sono quantità di pioggia inferiori rispetto all'anno precedente. Pertanto, la produzione dovrebbe essere circa il 50 per cento di quella dell'anno precedente ”afferma il rapporto.

"Si registra un aumento delle importazioni oltre che delle esportazioni, mentre il consumo in Spagna è stabile (anche se si può osservare un leggero aumento per quanto riguarda l'olio di oliva vergine). Per quanto riguarda i prezzi degli oli d'oliva, nel 20 è stato osservato un calo di circa il 2011% ".

"In Grecia, le stime sono difficili da fare al momento, poiché la stagione è ancora aperta. Tuttavia, i prezzi sono molto bassi e le misure annunciate per rafforzare il settore sono piuttosto contraddittorie ".

La produzione e il consumo sono stabili in Francia, dove è previsto un piccolo aumento della produzione per il 2012/2013, e il Portogallo deve affrontare un leggero calo della produzione a causa dei bassi livelli di pioggia e consumi interni. "sta diminuendo a causa della crisi economica ".

Il rapporto afferma che la CE ha presentato i suoi documenti statistici raggruppando i dati nazionali dichiarati dagli Stati membri dell'UE.

"Per quanto riguarda l'Italia, si è discusso della differenza tra la quantità di produzione dichiarata dai produttori (480,000 tonnellate) e la quantità dichiarata dallo Stato membro (397,000 tonnellate) ”osserva il rapporto.

Commercio di olio d'oliva con Stati Uniti, Australia, Brasile, Tunisia e Marocco

Il Consiglio oleicolo internazionale ha fornito un aggiornamento sulle iniziative degli Stati Uniti, dell'Australia e del Brasile relative alla qualità degli oli d'oliva "e i conseguenti problemi per le esportazioni in quei paesi ".

"Un rappresentante del settore aggiornato sulle nuove regole in Brasile, ricordando che potrebbero essere un ostacolo per i produttori stranieri che vorrebbero entrare nel mercato brasiliano. Il governo brasiliano ha accettato di accettare le importazioni di oli d'oliva nel paese solo se questi prodotti hanno un certificato da un laboratorio autorizzato ".

"Pertanto, il governo brasiliano chiederà un elenco di laboratori accreditati per testare l'olio d'oliva.

"La Commissione (CE) ha commentato questo argomento e ha specificato che per il momento la questione è stata seguita da vicino e con cautela dalla Commissione ”afferma il rapporto.

In un punto separato dell'ordine del giorno sulla liberalizzazione del commercio dell'UE con la Tunisia e il Marocco, alcuni membri del settore hanno espresso timori sull'impatto di "aprire le porte ai produttori esterni ... soprattutto perché il settore (sta) attraversando un periodo difficile. "

Modifiche ai fondi CE per la promozione

La CE ha delineato proposte di riforma mirate a "a una politica di promozione più accattivante e assertiva, una gestione più semplice, un valore aggiunto europeo più elevato e una maggiore sinergia tra i diversi strumenti di promozione ".

"Un rappresentante dei lavoratori ha sottolineato che le campagne di comunicazione sugli oli d'oliva dovevano essere svolte a livello multinazionale in modo che campagne diverse con lo stesso obiettivo non fossero messe in atto da paesi diversi.

"Tuttavia, un rappresentante dei produttori ha sottolineato che questi programmi multinazionali potrebbero causare alcuni problemi poiché i paesi che dovrebbero collaborare hanno punti di vista e approcci diversi.

"La Commissione ha sottolineato che la riforma incoraggerà una gestione multinazionale che crei sinergie tra / tra i paesi dell'UE ".

Gruppi consultivi CE

Il gruppo consultivo sulle olive e sui prodotti derivati ​​si riunisce solitamente ogni giugno e novembre. La CE avverte che le opinioni espresse dal gruppo di lavoro rappresentano i punti di vista delle parti interessate del settore e non possono essere attribuite alla CE.



Related News

Feedback / suggerimenti