`La controversia sul glifosato continua mentre un nuovo rapporto conclude che l'erbicida non è cancerogeno - Olive Oil Times

La controversia sul glifosato continua poiché un nuovo rapporto conclude che l'erbicida non è cancerogeno

Agosto 24, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Una recente progetto di relazione presentato all'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha concluso che glifosato non è cancerogeno. I risultati hanno causato molto disagio tra gli attivisti per la salute e l'ambiente.

"Il glifosato non può essere classificato come cancerogeno", l'Assessment Group of Glyphosate (AGG), autore del rapporto per conto del Commissione europea, Ha detto. "Il farmaco può causare gravi danni agli occhi, ma non è cancerogeno, non ha effetto sulle cellule sessuali e non influisce sulla riproduzione”.

Questa nuova analisi scientifica mostra ancora una volta che la pretesa dell'Unione Europea di avere la procedura di autorizzazione dei pesticidi più rigorosa al mondo deve essere presa con le pinze.- Angeliki Lyssimachou, scienziata ambientale, Health and Environment Alliance

I risultati sono arrivati ​​sulla scia di un'intensa attività di lobbying da parte dei produttori di erbicidi a base di glifosato, tra cui Bayer, per estendere l'uso del glifosato oltre il 2022 nell'Unione europea.

Vedi anche: L'Europa fissa nuovi limiti al cadmio in frutta e verdura

Il glifosato è uno degli erbicidi più utilizzati a livello globale ed è stato etichettato dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Organizzazione mondiale della sanità come "probabilmente cancerogeno per l'uomo” nel 2015. Ciò ha portato ad alcuni paesi europei vietare l'erbicida.

I risultati della IARC concordavano con le precedenti analisi di esperti in materia di salute e ambiente, secondo cui il glifosato presentava rischi significativi per la salute, inclusa la possibilità di causare cancro. Questo è stato oggetto di numerose cause legali che Monsanto, che Bayer ha acquistato nel 2018, ha combattuto dal 2016.

Dopo il divieto, la Monsanto ha negato il legame tra glifosato e cancro e ha fatto pressioni per un rinnovo di 15 anni. Finalmente, dopo due anni di scandali e polemiche, l'erbicida ha ottenuto una nuova approvazione da parte dell'UE, ma solo per cinque anni. Tuttavia, molti ambientalisti e organizzazioni di agricoltori hanno criticato la decisione.

Di fronte al permesso dell'UE per il glifosato in scadenza nel 2022, un consorzio di otto produttori di glifosato - comunemente noto come Glyphosate Renewal Group - ha presentato una richiesta nel 2019 per approvare un rinnovo.

In risposta, quattro Stati membri (Ungheria, Svezia, Francia e Paesi Bassi) sono stati nominati dalla Commissione europea per esaminare la richiesta di rinnovo dell'approvazione. I quattro stati formarono l'AGG.

Dopo aver valutato il dossier presentato dai produttori di glifosato, l'AGG ha ritenuto che non vi fossero prove sufficienti per dimostrare un rischio cronico o acuto per i consumatori quando le colture sono trattate con glifosato purché utilizzato secondo le istruzioni del produttore.

L'AGG ha aggiunto che l'erbicida non provoca il cancro. Tuttavia, hanno sostenuto che il glifosato è tossico per la vita acquatica, come hanno indicato studi precedenti.

business-europe-glifosato-controversia-continua-come-nuovo-rapporto-conclude-il-erbicida-non-è-cancerogeno-tempi-dell'olio-d'oliva

Roundup è un marchio di erbicida contenente glifosato prodotto da Monsanto.

Il 15 giugno 2021, l'AGG ha presentato i suoi risultati all'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e all'Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA). L'EFSA e l'ECHA inizieranno ora il processo di revisione tra pari prima di approvare o negare il rinnovo. Entrambe le agenzie dovrebbero invitare il pubblico a esprimere le proprie opinioni sulla questione nel settembre 2021.

Il GRG ha celebrato le nuove scoperte affermando che queste conclusioni erano in linea con altre importanti agenzie in tutto il mondo, inclusa l'Agenzia per la protezione dell'ambiente negli Stati Uniti.

Tuttavia, le organizzazioni sanitarie e le società civili sono indignate, sostenendo che le informazioni su cui si basa l'AGG sono distorte in quanto si basano sugli studi dei produttori di glifosato.

"Questa nuova analisi scientifica mostra ancora una volta che la pretesa dell'Unione europea di avere il maggior numero di autorizzazione rigorosa dei pesticidi procedura nel mondo deve essere presa con le pinze", ha affermato Angeliki Lyssimachou, uno scienziato ambientale presso la Health and Environment Alliance, un'organizzazione senza scopo di lucro.

"La procedura di autorizzazione in atto evidentemente non è abbastanza rigorosa per rilevare errori nell'esecuzione degli studi regolatori che sono considerati ciecamente il gold standard", ha aggiunto. "Eppure questi erano al centro dell'approvazione del mercato UE del glifosato nel 2017 e ora sono stati presentati di nuovo nel tentativo di annacquare le prove scientifiche che il glifosato può causare il cancro ed è un pericolo per la salute umana".





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti