`Le previsioni del Consiglio oleicolo sono aumentate Olive Oil Proriduzione per il 2010-11 - Olive Oil Times

Le previsioni del Consiglio oleicolo sono aumentate Olive Oil Proriduzione per il 2010-11

Ottobre 11, 2010
Daniel Williams

Notizie recenti

Secondo le stime del Consiglio oleicolo internazionale, olive oil prosi prevede che la produzione in tutto il mondo aumenterà in modo significativo nella prossima campagna stagionale.

Il CIO prevede che il leader mondiale in Spagna rimarrà probabilmente a circa 1.4 milioni di tonnellate di olio d'oliva nella prossima stagione, anche se avverte che il dato finale potrebbe rivelarsi più elevato in attesa di condizioni meteorologiche favorevoli. Questa cifra è stata annunciata dal direttore esecutivo del CIO, Mohammed Ouhmad Sbitri, all'inaugurazione di 8th Corso di degustazione di olio d'oliva di Expert che si è svolto a Jaén, in Spagna.

Oltre agli 1.4 milioni di tonnellate di olio d'oliva spagnolo che si prevede di produrre, c'è ancora una quantità significativa di olio d'oliva che rimane puntellata nei magazzini nel tentativo di aumentare i prezzi mondiali limitando l'offerta. Gli esperti del settore prevedono che questa cifra sia di circa 200,000 tonnellate al minimo.

business-olive-council-prevede-aumento-produzione-di-olio-d'oliva-201011-tempi-olio-d'oliva-mohammed-ouhmad-sbitri - tempi-olio-oliva
Sbitri

Il rapporto del CIO prevede aumenti simili in olive oil proproduzione altrove: si prevede che la Grecia produrrà circa 336,000 tonnellate nella prossima campagna, un aumento del 5% rispetto alla scorsa stagione, 9,000 tonnellate per Israele, (aumento del 157%), 60,000 tonnellate per l'Algeria (aumento del 126%), Iran circa 8,000 tonnellate, (aumento del 50%), Albania per raggiungere 7,000 tonnellate (aumento del 40%), Siria circa 193,500 tonnellate (aumento del 29%), Turchia 160,000 tonnellate (aumento del 9%) e 15,500 tonnellate per l'Argentina, che equivale a un 9 % di aumento della produzione.

L'unico paese destinato a diminuire la produzione è la Tunisia, le cui 120,000 tonnellate equivalgono a un calo della produzione del 20% rispetto ai dati della scorsa stagione. Rispetto ad altri produttori internazionali, Sbitri ha negato le previsioni poiché queste stime sarebbero meno precise e sono ancora in fase di valutazione.

Questi livelli record di produzione sono una preoccupazione crescente tra gli olivicoltori internazionali perché dal gennaio 2005, poiché la produzione globale di olio d'oliva ha continuato a salire, i prezzi alla stalla in tutto il mondo hanno continuato a diminuire.

Il signor Sbitri ha spiegato che la domanda globale di olio d'oliva è aumentata costantemente di pari passo con questi aumenti della produzione. Crede che esista ancora un equilibrio relativo tra domanda e offerta mondiale, che attribuisce agli sforzi promozionali e di marketing che si stanno svolgendo in paesi con livelli storicamente bassi di consumo di olio d'oliva come Russia e India.

Inoltre, il signor Sbitri sottolinea che il consumo americano di olio d'oliva è aumentato costantemente negli ultimi dieci anni, raggiungendo 260,000 tonnellate all'anno. Prevede che gli Stati Uniti mostreranno una tendenza di consumo simile in futuro con aumenti da 4,000 a 6,000 tonnellate di olio d'oliva all'anno.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti