`L'Italia ha superato la Spagna come il più grande fornitore di olio d'oliva negli Stati Uniti, i dati mostrano - Olive Oil Times

L'Italia ha superato la Spagna come il più grande fornitore di olio d'oliva negli Stati Uniti, mostrano i dati

Può. 28, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Consumo di olio d'oliva e le importazioni negli Stati Uniti continuano a crescere, rendendo il paese uno dei mercati più redditizi al mondo per i venditori di olio d'oliva.

Le stime per la campagna 2020/21 mostrano entrambi i dati in lieve calo rispetto ai massimi record fissati nel 2019/20, ma continuando a confermare la tendenza al rialzo dei tre decenni precedenti.

Vedi anche: La domanda degli Stati Uniti aiuterà a salvare la nostra industria. Ma ci vorrà un po '.

Il CIO prevede che gli Stati Uniti consumeranno 357,000 tonnellate nell'anno di raccolto in corso, il secondo totale più alto mai registrato. Anche le importazioni dovrebbero diminuire leggermente, scendendo a 350,000 tonnellate da 391,000 tonnellate nel 2019/20.

Le tariffe aggiuntive del 25% hanno interessato l'olio d'oliva prodotto e imbottigliato in Spagna. Le nostre esportazioni dirette sono diminuite dell'80%.- Rafael Pico Lapuente, direttore esecutivo, Asoliva

Tuttavia, la fonte da cui provengono queste importazioni sta iniziando a cambiare. L'annata 2019/20, l'ultima per la quale sono disponibili i dati, ha mostrato che l'olio d'oliva italiano e olio di sansa di oliva le esportazioni negli Stati Uniti hanno superato le spedizioni spagnole per la prima volta dal 2014/15.

Più specificamente, i dati del CIO mostrano che l'Italia ha esportato 119,736 tonnellate nel 2019/20, rispetto alle 112,406 tonnellate della stagione precedente. Le esportazioni spagnole negli Stati Uniti sono scese a 101,175 tonnellate, circa un terzo in meno rispetto alle 153,386 tonnellate della campagna precedente.

Tuttavia, la la crescita più forte è stata mostrata dalla Tunisia, da cui le esportazioni verso gli Stati Uniti sono aumentate da 29,748 tonnellate nel 2018/19 a 85,905 tonnellate nella campagna successiva. La crescita ha consolidato la posizione della Tunisia come terzo grande esportatore di olio d'oliva negli Stati Uniti

Vedi anche: Notizie commerciali

L'olio d'oliva spedito da Italia, Spagna e Tunisia rappresenta il 77.3% di tutte le importazioni di olio d'oliva degli Stati Uniti.

Uno dei motivi principali per cui gli esperti vedono dietro la riduzione delle esportazioni spagnole è il danni causati dalle tariffe statunitensi imposto nell'ottobre 2019 e temporaneamente sospeso lo scorso marzo.

"Le tariffe aggiuntive del 25% hanno interessato l'olio d'oliva prodotto e imbottigliato in Spagna. Le nostre esportazioni dirette è sceso dell'80%", Rafael Pico Lapuente, direttore esecutivo di Associazione dell'industria e degli esportatori di olio d'oliva spagnolo (Asoliva), ha detto Olive Oil Times.

Mentre le tariffe hanno influenzato il modo in cui operavano le società spagnole, secondo Asoliva, le vendite complessive non sono diminuite.

"Queste tariffe aggiuntive imposte dagli Stati Uniti ci hanno costretto a lavorare con olio d'oliva prodotto in altri paesi e quindi evitare questa tariffa aggiuntiva sproporzionata e ingiusta ", ha affermato Pico Lapuente. "Se analizziamo le esportazioni dalla Spagna verso gli Stati Uniti, indipendentemente dall'origine delle merci, le esportazioni verso gli Stati Uniti non sono diminuite ".

Al contrario, Pico Lapuente ha aggiunto che il 2020 è stato un anno record per gli esportatori spagnoli.

"Il progetto Pandemia di covid-19 ha portato a un aumento del consumo domestico di olio d'oliva, "Ha detto. "I consumatori sanno bene che gli oli d'oliva sono gli oli più sani, il che ha portato a un aumento dei consumi internazionali. "

Inoltre, Asoliva prevede che le esportazioni spagnole negli Stati Uniti e, in generale, continueranno ad aumentare.

"Gli esportatori vogliono continuare a esportare oli d'oliva prodotti in Spagna ", ha affermato Pico Lapuente. "Negli ultimi 45 anni siamo andati alla grande campagne promozionali nel mondo e negli Stati Uniti

"D'altra parte, la Spagna produce una media di 1.5 milioni di tonnellate di oli d'oliva ogni anno e il secondo più grande produttore al mondo è l'Italia con 300,000 tonnellate ", ha aggiunto. "Se qualcuno vuole consumare olio d'oliva, deve comprarlo dalla Spagna perché è lì che si producono quantità e qualità ".

Mentre i dazi statunitensi hanno avuto un ruolo nel cambiare la provenienza delle esportazioni spagnole negli Stati Uniti, hanno avuto un impatto anche sulle esportazioni italiane. Tuttavia, gli esperti ritengono che dovrebbero essere considerati anche altri fattori.

"La buona presentazione dei nostri prodotti sul mercato internazionale durante la pandemia ha radici più profonde ", Anna Cane, presidente del Associazione Italiana dell'Industria Olearia (Assitol), ha detto Olive Oil Times. "Consumo domestico è stato alimentato dalle forti limitazioni dovute all'emergenza sanitaria, non solo in Italia ma anche in tutta Europa e America ”.

"Per combattere la noia e l'angoscia innescate dalla pandemia, molti si sono affidati agli effetti benefici della cucina, utilizzando anche maggiori quantità di olio d'oliva ”, ha aggiunto.

I dati di Assitol hanno mostrato che le esportazioni dall'Italia verso il resto dell'Unione Europea sono cresciute del 20 per cento nel 2020. Le esportazioni verso il resto del mondo sono cresciute analogamente del 16.7 per cento nello stesso periodo.

"Covid-19 ha cambiato l'approccio alla nutrizione ", ha detto Cane. "I consumatori preferiscono tutto ciò che è buono per la loro salute e i loro programmi sanitari quotidiani sono iniziati quasi naturalmente, incluso l'olio extravergine di oliva ".

Secondo Assitol, il fascino della dieta mediterranea ha anche alimentato la popolarità dell'olio d'oliva. Questo dovrebbe essere sostenuto, ha anche osservato Cane, "con un'ampia campagna comunicativa in grado di promuovere i valori di una sana alimentazione legata all'olio di oliva. "

"Negli Stati Uniti, i consumatori giornalieri di olio extravergine di oliva lo sono millennial," lei ha aggiunto. "E questa è una buona notizia, coloro che consumano questo prodotto in gioventù continueranno a consumarlo da adulti e questo alimenta le migliori speranze per il futuro ".





Related News

Feedback / suggerimenti