`Prezzi ancora più bassi, olive nere a colazione negli ultimi dati del CIO - Olive Oil Times

Prezzi ancora più bassi, olive nere a colazione negli ultimi dati CIO

Novembre 13, 2011
Julie Butler

Notizie recenti

Lo scorso anno il commercio mondiale di olio d'oliva è aumentato dello 10 percento, un aumento di tonnellate 120,222, secondo la newsletter del mercato di ottobre dell'International Olive Council (IOC).

Per i dieci mesi fino a luglio 2011, le importazioni in Brasile hanno registrato un impressionante aumento del 23% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, e sono aumentate anche in modo significativo negli Stati Uniti (9%) e in Canada (7%). Ma in Australia e in Giappone hanno continuato a diminuire, rispettivamente del 9% e dell'11%.

EVOO prezzi di produzione

Mentre i prezzi dell'olio d'oliva spagnolo hanno goduto di un piccolo rally quando la Commissione europea ha annunciato un limite aiuto all'ammasso privato temporaneo di olio d'oliva vergine il 30 settembre, l'impatto non è durato. "I prezzi sono nuovamente diminuiti. Nell'ultima settimana di ottobre erano tornati al livello registrato nell'ultima settimana di settembre, ovvero 1.85 € / kg ”, ha osservato il CIO. Ha anche aggiunto che i prezzi in Italia sono diminuiti drasticamente (-24.7%) dopo aver raggiunto un livello record nella settimana 20 (€ 3.92 / kg).

Tuttavia, rispetto allo stesso periodo di un anno fa, i prezzi sono scesi del 6% in Spagna (1.85 € / kg) e del 4% in Grecia (1.95 € / kg) ma sono aumentati del 7% in Italia (2.95 € / kg).

Produzione spagnola 2010/11

Secondo i nuovi dati inclusi nel rapporto dell'Agenzia spagnola per l'olio d'oliva, alla fine della stagione 2010/11 (fine settembre 2011) la Spagna, il primo produttore mondiale, aveva prodotto 1,389,700 tonnellate di olio d'oliva. Le importazioni spagnole sono state pari a 45,800 tonnellate, in calo del 3% rispetto alla scorsa stagione, mentre il consumo interno (557,600 tonnellate) è aumentato del 5%. Secondo i dati provvisori, la Spagna ha esportato 824,100 tonnellate di olio d'oliva.

Profili del consumo di olive da tavola e di olio d'oliva in Turchia, Marocco e Spagna

La newsletter ha condiviso i dettagli dei recenti profili sul consumo di oliva e olio d'oliva. In Turchia, dove si consumano più olive da tavola (e prevalentemente la varietà nera) rispetto all'olio d'oliva, un sondaggio ha rilevato che il 58% dei consumatori li associa alla colazione. Nel 2010/11, la Turchia ha consumato il 12% di tutte le olive da tavola prodotte nel mondo, classificandosi al secondo posto dopo l'UE27.

I marocchini consumano 2.8 kg di olio d'oliva e 1.2 kg di olive da tavola (prevalentemente la varietà marocaina Picholine) pro capite ogni anno. Lo scorso anno il paese ha raddoppiato la sua produzione di olio d'oliva e l'attuale coltivazione di olive ammonta a 730,000 ettari, il 7% dei quali è irrigato.

In Spagna, dove le olive da tavola verdi sono le più popolari, il 4% della superficie totale di olivicoltura del paese (2.5 milioni di ettari) è dedicata alla coltivazione di olive da tavola, principalmente le varietà Hojiblanca e Manzanilla. Il sessanta per cento delle sue olive da tavola viene esportato. Lo spagnolo medio consuma 3.8 kg di olive da tavola all'anno e sono i catalani a mangiarne di più.

Clicca qui per visualizzare il PDF



Related News

Feedback / suggerimenti