` La Dalmia cita la crescente domanda indiana di olio d'oliva

Asia

La Dalmia cita la crescente domanda indiana di olio d'oliva

Novembre 12, 2012
Di Vikas Vij

Notizie recenti

VN Dalmia (file OOT)

Presidente della Indian Olive Association VN Dalmia ha annunciato che i volumi delle importazioni di olio d'oliva nel paese dovrebbero raggiungere le 10,000 tonnellate quest'anno, con un balzo di quasi il 45 percento rispetto all'anno precedente. L'aumento delle importazioni deriva dalla forte crescita del consumo di olio d'oliva nelle principali città indiane come New Delhi e Hyderabad, ha osservato.

Nell'esercizio finanziario 2011-12, il volume totale delle importazioni di olio d'oliva in India ammontava a tonnellate 6,900, circa il X percento delle quali provenivano da Spagna e Italia. Per il trimestre aprile-giugno in 80, le importazioni sono state di 2012 tonnellate, il che ha dato l'ottimismo alla crescente domanda di olio d'oliva.

Mentre le importazioni di olive da tavola erano sostanzialmente stabili l'anno scorso, hanno mostrato una crescita significativa in 2012. Le importazioni di olive da tavola in 2011 sono state pari a 625 tonnellate, ma hanno già raggiunto le tonnellate 616 nei primi otto mesi di 2012.

Secondo Dalmia, l'India del Nord è un mercato chiave che vede una forte crescita della domanda di olio d'oliva. "A grandi linee, l'India del Nord è il maggiore consumatore di olio d'oliva e la divisione è 50:50 tra Delhi e il resto dell'India del Nord. È seguito dall'India del sud, dove Hyderabad è il maggiore consumatore seguito da Bangalore e Chennai. Nell'India occidentale, Mumbai è il maggiore consumatore ", ha affermato.

Nonostante l'incoraggiamento, 10,000 tonnellate sono una quantità incredibilmente piccola per una popolazione così immensa - circa 1 1/2 cucchiaini all'anno per ogni persona - e la maggior parte del "olio d'oliva "importato nel paese non è tecnicamente olio d'oliva, è oliva vinacce olio.

L'olio di sansa di oliva è il più basso grado di olio commestibile derivato dai sottoprodotti della produzione di olio di oliva nello stesso processo di raffinazione utilizzato per produrre olio di colza e altri oli di semi. Gli standard internazionali non lo classificano come un tipo "olio d'oliva "- è nella sua classe. Mentre olio di sansa di oliva sarebbe ancora un passo avanti per gli indiani che hanno tradizionalmente usato oli di semi malsani come oli di cocco e di arachidi (e di conseguenza hanno il più alto tasso di malattie cardiovascolari al mondo), ci sono critici che sostengono che gli indiani meritano di meglio.

pubblicità

Spagna, Italia e Turchia sono le tre fonti primarie per le importazioni di olio d'oliva e di sansa d'India in India. Grecia, Siria e Tunisia hanno quote minori.

Leonardo, Figaro e Borges (incluso Cesar) sono tre marchi leader che rappresentano oltre il 60 percento delle vendite al dettaglio annuali in tutto il paese. RS, Bertolli, Del Monte, Fragata, Colavita e Athena sono alcuni degli altri marchi più venduti sul mercato indiano.



Per saperne di più su