`VN Dalmia offre un controllo della realtà dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

VN Dalmia offre un controllo della realtà dell'olio d'oliva

Dicembre 4, 2011
Curtis Cord

Notizie recenti

asia-vn-dalmia-offers-an-olive-oil-reality-check-olive-oil-times-vn-dalmia-chairman-of-dalmia-continental-producer-of-the-leonardo-olive-oil-brand

Mentre il dibattito vortica su come garantire la qualità dell'olio extravergine di oliva negli Stati Uniti, in Europa e altrove, i consumatori in India stanno ricevendo un messaggio completamente diverso.

In un nuova campagna lanciato dal più grande rivenditore di olio d'oliva del paese, è il minore grado commestibile - uno che non può nemmeno essere legalmente chiamato "olio d'oliva "nella maggior parte dei luoghi - a cui gli indiani dovrebbero rivolgersi per una dieta più sana: introduzione dell'unica grande campagna al mondo per promuovere sansa di oliva olio.

È tutto sotto la direzione di VN Dalmia, 57, figlio di l'industriale pioniera Ramkrishna Dalmiae il presidente di Dalmia Continental, la compagnia dietro Leonardo Olive Oil.

È il presidente della Indian Olive Association, un ex presidente della Camera di commercio indo-americana, un trustee presso la Darden School of Business dell'Università della Virginia e un Knight Commander of Italy per il suo contributo allo sviluppo di amichevoli relazioni. "Sono consapevole delle mie responsabilità e valuto attentamente le mie parole mentre parlo ”, ha detto Olive Oil Times.

Dalmia è stato criticato per aver scelto di concentrare gli sforzi di marketing sul livello di olio più basso, ma afferma che i suoi critici hanno sbagliato tutto. "La critica è mal concepita e mostra una mancanza di comprensione delle realtà del mercato indiano ", ha detto.

"Abbiamo varie aziende, associazioni, consorzi e persino il CIO che cercano di presentare nuove 'Diete mediterranee e altre diete, nuovi gusti, ecc. E che ci dicono contemporaneamente gusti (extra vergini) 'meglio.' È come portare l'olio di cocco in Italia o in Spagna e dire loro che il loro cibo avrebbe un sapore migliore se cucinato in olio di cocco o, se è per questo, olio di senape in Francia e proponendogli lo stesso! Un buon marketing consiste nel determinare e dare al cliente ciò che vuole e di cui ha bisogno, piuttosto che cercare di ficcargli il prodotto in gola e dirle cosa è meglio per lei ".

Dopo aver spremuto le olive nell'olio, ciò che rimane è il residuo chiamato sansa: i resti solidi dell'oliva tra cui bucce, polpa, semi e gambi. La quantità di olio rimasta nella sansa è talmente ridotta che non può essere estratta mediante pressatura, ma solo tramite raffinazione industriale che include l'uso di solventi chimici (come l'esano), calore estremamente elevato e deodorizzazione.

L'olio di sansa di oliva è utilizzato da servizi di ristorazione istituzionali, ristoranti e pizzerie. Viene spesso raccolto da acquirenti inconsapevoli influenzati dalla confezione romantica con la sua formulazione fuorviante e il prezzo basso - ignari del fatto che non stanno affatto comprando olio d'oliva.

È il grado di sansa di oliva che Dalmia sottolinea in a nuova campagna per il mercato di massa in India sotto lo slogan "Vai a Indiano. "

"Abbiamo deciso di concentrarci sulla cucina indiana e sull'uso quotidiano perché è da lì che verrebbe il volume. Abbiamo introdotto l'olio di sansa di oliva Leonardo a causa del modo in cui viene preparato il cibo indiano ", ha detto Dalmia. "Il cibo indiano quotidiano prevede la cottura ad alta temperatura. L'olio extravergine d'oliva presentava problemi con la frittura: era instabile alle alte temperature e conferiva un sapore di oliva al cibo e quindi cambiava il gusto. Di conseguenza, le persone che l'hanno provato hanno concluso che l'olio d'oliva non era adatto alla cucina indiana e lo hanno abbandonato. L'olio di sansa di oliva non presentava nessuno di questi problemi ".

Abbandonato ha ragione. In un Intervista del 2008, Dalmia ha previsto che il consumo di olio d'oliva in India avrebbe raggiunto 25,000 tonnellate nel 2010 e 42,000 tonnellate nel 2012, previsioni che si sono rivelate molto lontane. L'anno scorso il totale era di 4,000 tonnellate, quest'anno potrebbe essere 6,000 - numeri incredibilmente bassi per 1.2 miliardi di persone. Sarebbe pari a circa 1/4 di cucchiaio per anno per l'indiano medio, o circa One-Ten millesimo di ciò che consuma il tipico greco - o meno di un centesimo dell'americano medio.

Jean-Louis Barjol, direttore esecutivo dell'International Olive Council, ha definito i risultati in India a "delusione ", e da allora ha messo i dollari promozionali limitati del CIO a lavorare altrove.

Nel frattempo, Dalmia Continental ha annunciato un piano per spendere Rs. 60 crores ($ 13 milioni) per spargere la voce, e sta invitando gli investitori a venire per la corsa. "Abbiamo diverse offerte per la partecipazione al nostro capitale di crescita e stiamo valutando le proposte. Presto faremo annunci ", ha detto VN Dalmia.

La campagna di 13 milioni di dollari di Dalmia fa impallidire gli 1.7 milioni di dollari che il Consiglio oleicolo internazionale spera avranno un impatto nel più grande mercato del mondo. E le differenze diventano più nette da lì.

Il CIO Campagna promozionale per l'olio d'oliva nordamericano è stato lanciato in un piccolo servizio fotografico del Lincoln Center che ha coinciso con la Mercedes Benz Fashion Week di New York, con cocktail EVOO e un messaggio ambizioso che ha paragonato l'olio d'oliva al "vestitino nero."

Mentre in India, la campagna ha lo scopo di convincere le persone a passare da oli di semi malsani spiegando che l'olio di oliva non deve essere costoso: usando l'olio di sansa di oliva e "riutilizzandolo fino a tre volte ", i famosi benefici per la salute dell'olio d'oliva possono essere ottenuti in modo economico e senza alterare il gusto dei piatti tradizionali dell'India, il tono va avanti.

"Non dovremmo sprecare tempo ed energia nel criticare i diversi gradi di olio d'oliva o l'un l'altro ", ha suggerito Dalmia. "I puristi dell'olio d'oliva, nel loro zelo per promuovere i benefici e il gusto dell'extravergine, perdono il punto, ha detto. "Il battibecco internazionale non servirà a far crescere il mercato mondiale. "

Olive Oil Times lo scrittore contribuente Vikas Vij ha riconosciuto i diversi segmenti di mercato e ciò che guida le loro decisioni: "La salute è la preoccupazione principale degli indiani urbani e avranno bisogno di una garanzia scientifica che almeno l'olio di sansa di oliva lo sia 'non peggio "dei loro oli da cucina esistenti in termini di salute", ha detto Vij di Delhi aggiungendo, "tuttavia, gli indiani rurali e meno ricchi possono optare per l'olio di sansa di oliva a causa di compulsioni economiche se è effettivamente più economico di altri oli da cucina ".

Nidhi Jhingan, una professionista di 39 anni e madre sposata di due bambini a Delhi, si chiede se l'approccio impiegato da Dalmia e altri possa rivelarsi miope: "L'olio di sansa di oliva può inizialmente essere venduto a causa della confusione dei consumatori sulla differenza tra oli di sansa e gradi superiori. Questa non è una strategia sostenibile a lungo termine. È meglio presentare dati scientifici e confronti con altri oli da cucina tradizionali indiani e lasciare che il consumatore faccia una scelta informata. L'educazione dei consumatori sugli oli extra vergini e di sansa è fondamentale per qualsiasi produttore indiano di olio d'oliva responsabile e per il governo. "

Naturalmente con grandi rischi arrivano grandi ricompense. "Siamo d'accordo sul fatto che il consumo di olio d'oliva in questo paese gigante è minuscolo ma siamo incoraggiati dal potenziale ", ha detto Dalmia, ma ha ammesso di non essere solo: "Questa nozione che si possa guadagnare velocemente importando un contenitore di olio d'oliva è stata la strada sicura per la rovina per molti e crea scompiglio nel mercato. Tuttavia, è in atto un lento processo di consolidamento, alcuni marchi stanno guadagnando importanza e mi aspetto che molti marchi cadranno nel dimenticatoio nei prossimi 2 anni ".

Nel frattempo, l'India è un disastro quando si tratta di salute e VN Dalmia pensa che l'olio di sansa di oliva sia un prodotto in grado di invertire la tendenza mortale:  "L'India si classifica come il numero 1 al mondo nei pazienti cardiaci. Più di 100 milioni di persone in India soffrono di malattie cardiache. Il 31 percento degli indiani urbani è in sovrappeso o obeso. 140 milioni di persone in India hanno la pressione alta ", ha detto Dalmia. "Oltre il 40 per cento degli indiani urbani ha alti livelli di lipidi. L'India è la capitale mondiale del diabete con circa 51 milioni di persone colpite. La situazione è già un'emergenza nazionale. Abbiamo bisogno di un olio sano. L'olio d'oliva, compreso l'olio di sansa di oliva, è l'olio commestibile più sano del mondo ".

Olive Oil Times: Gli indiani sono interessati all'olio d'oliva. Lo sappiamo perché circa il 10 percento dei lettori di Olive Oil Times sono in India. Perché pensi che ci sia questo alto livello di interesse?

VN Dalmia: Esiste una super élite altamente istruita e colta in India che, sebbene una percentuale infinitamente piccola, finisce per comprendere un 'grande 'numero dato la nostra popolazione totale di 1.2 miliardi.

La ragione sta nel fatto che con il crescente potere d'acquisto, l'istruzione e i viaggi nel mondo, gli indiani stanno diventando sempre più esposti a nuovi concetti in materia di salute e cucina. L'Occidente è passato all'olio d'oliva nel 'anni 90. Poiché gli indiani viaggiavano sempre più all'estero, era una questione di tempo prima che si rendessero conto dei benefici dell'olio d'oliva.

La situazione sanitaria nazionale sta anche facendo aumentare l'interesse delle persone verso oli alimentari sani.

Sei coinvolto in qualche progetto di coltivazione dell'olivo in India? Cosa ne pensi di queste iniziative?

No. Non siamo agricoltori e l'olivicoltura richiederebbe una grande integrazione a ritroso. La fase successiva per noi nei collegamenti a ritroso sarebbe il confezionamento o l'imbottigliamento. Dopo di che sarebbe stato il raffinamento e la miscelazione, quindi la pressatura e successivamente la crescita. La mia azienda è una società di marketing e distribuzione.

Tuttavia, sostengo fortemente la coltivazione dell'olivo in India e sono molto entusiasta del progetto in Rajasthan.

Descrivi il tuo rapporto con il Consiglio oleicolo internazionale.

In qualità di presidente della Indian Olive Association, sono invitato alle riunioni del comitato consultivo del CIO. L'Indian Olive Association è firmataria dell'Accordo sul controllo della qualità del Consiglio oleicolo internazionale e, quindi, anch'io partecipo a queste riunioni.

Quando abbiamo visto la tua prima volta "Go Indiano ”, siamo rimasti sorpresi nel vedere l'olio nella foto era l'olio di sansa di oliva. Sei stato criticato per aver promosso l'olio di sansa di oliva più di altri tipi (ad esempio il "olio di oliva "grado). Puoi spiegare perché hai deciso questa strategia?

Leonardo ha due vergini extra - normale e oro - e un olio d'oliva, che promuoviamo per indirizzare i clienti attraverso mezzi e canali adeguati. L'olio di sansa di oliva è stato selezionato per la campagna dei mass media. Questi sono i primi giorni. La campagna si svilupperà.

La critica è in realtà mal concepita e mostra una mancanza di comprensione delle realtà del mercato indiano. Leonardo è stato il primo a riconoscere le effettive esigenze del consumatore indiano.

Quando siamo entrati nel mercato nel 2003, le importazioni totali erano appena 500 tonnellate e principalmente olio d'oliva. I marchi erano tutti importati e venduti ai consumatori per il massaggio del corpo o, in misura minore, per la cucina italiana. Non c'era promozione o educazione sul prodotto o sull'utilizzo.

Quando Leonardo è entrato, abbiamo deciso di concentrarci sulla cucina indiana e sull'uso quotidiano perché è da lì che sarebbe venuto il volume. Abbiamo introdotto l'olio di sansa di oliva Leonardo per il modo in cui viene preparato il cibo indiano. Il cibo indiano quotidiano prevede la cottura ad alta temperatura. L'olio extravergine d'oliva presentava problemi con la frittura: era instabile alle alte temperature (punto di fumo 180 ° C) e conferiva un sapore di oliva al cibo e quindi cambiava il gusto. Di conseguenza, le persone che l'hanno provato hanno concluso che l'olio d'oliva non era adatto alla cucina indiana e lo hanno abbandonato. L'olio di sansa di oliva non presentava nessuno di questi problemi.

Il consumatore indiano usa l'olio per cucinare, non per aromatizzare. L'olio di sansa di oliva ha un sapore neutro e un punto di fumo elevato (238 gradi C). In India, l'olio va prima nella padella come mezzo di cottura di base. Gli oli di semi che trovano il favore degli indiani sono molto più economici persino dell'olio di sansa di oliva. Mentre cerchiamo di istruire gli indiani sull'uso degli oli d'oliva da 1/3 a 1/2 della quantità di altri oli, il differenziale di costo è ancora così alto che gli indiani esitano a cambiare. L'olio di sansa di oliva costa già 3-4 volte il costo degli oli di semi più comuni utilizzati nelle case della classe media come l'olio di girasole, ad esempio. Chiedere loro di passare all'olio d'oliva, da 6 a 7 volte più costoso, per l'uso quotidiano, significherebbe proporre l'impossibile ai consumatori e rifiuterebbero una proposta del genere a prima vista.

Leonardo ha lanciato l'olio d'oliva (punto di fumo 220 ° C) quasi due anni dopo per la cucina occidentale e il massaggio del corpo. Quindi, Leonardo ha proposto una chiara segmentazione del prodotto: extravergine di alta gamma per uso crudo come condimento e aroma, olio d'oliva intermedio per cotture leggere come nella cucina occidentale e per il massaggio del corpo e l'olio più economico, olio di sansa di oliva, per l'uso quotidiano in cucina. Questa segmentazione ha trovato accettazione e definisce il mercato indiano oggi.

La strategia dei prezzi di Leonardo era molto chiara. Ridurremmo i prezzi al consumo per espandere il mercato. Prima di noi, gli importatori vendevano vari marchi con un margine molto elevato e avevano volumi bassi. Il nostro obiettivo era rendere il prodotto accessibile per espandere il mercato. Quindi, al lancio, abbiamo abbassato i prezzi sul mercato come segue:

• 1 litro. extra vergine da Rs. 750 a Rs. 530 (da $ 10.37 a $ 14.68)

• 1 litro. olio d'oliva puro (due anni dopo) da Rs.650 a Rs.460 ($ 9.00 a $ 12.72)

• 1 litro. olio di sansa di oliva da Rs.500 a Rs.270 ($ 5.28 a $ 9.78)

Successivamente, i prezzi sono oscillati secondo i prezzi globali e le strategie di marketing.

Ci sono altri problemi: abbiamo diverse aziende, associazioni, consorzi e persino il CIO che cercano di introdurre nuovi 'Dieta mediterranea e altre diete, nuovi gusti, ecc. E che ci dicono contemporaneamente che i gusti EV "meglio". Questo è simile a portare l'olio di cocco in Italia o in Spagna e dire loro che il loro cibo avrebbe un sapore migliore se cucinato in olio di cocco o, se del caso, olio di senape in Francia e proponendo loro lo stesso! Un buon marketing consiste nel determinare e dare al cliente ciò che desidera e di cui ha bisogno piuttosto che cercare di spingerti il ​​prodotto in gola e dirle cosa è meglio per lei.

Inoltre, come i tuoi lettori sanno, ne sono certo, i nuovi standard australiani hanno vietato l'uso del termine 'Extra leggero'. Lo stesso IOC non ha una categoria come Extra Light. Extra Light è un termine immensamente fuorviante e porta il consumatore a credere che l'olio sia in qualche modo meno calorico e più leggero nel contenuto. Come ben sai, non è così. Come saprai, Extra Light è semplicemente un olio d'oliva con una percentuale inferiore al normale di una miscela vergine. Nonostante la minore percentuale di vergine, il prezzo dell'Extra Light non è molto più conveniente dell'olio di oliva. Mi chiedo perché tu ei tuoi lettori non vi pronunciate contro questa chiara etichettatura errata e la negligenza dei consumatori.

Sei stato il presidente della Camera di commercio indo-americana, sei un fiduciario di Darden e un uomo d'affari internazionale. Devi sapere che se provassi a promuovere l'olio di sansa di oliva negli Stati Uniti, non otterresti una risposta favorevole. La vinaccia è migliore di quella usata dagli indiani, ma non è salutare come gli altri gradi, il che sarebbe adatto anche per la cucina indiana. È tutta una questione di costi? Perché gli indiani dovrebbero cucinare con un grado inferiore rispetto agli americani, agli europei o agli australiani?

Sono anche Commendatore o Cavaliere Comandante d'Italia. Sono consapevole delle mie responsabilità e soppesare attentamente le mie parole mentre parlo.

Gli oli da cucina più comuni utilizzati in India sono gli oli di semi. L'olio di sansa di oliva ha una composizione di grassi notevolmente migliore rispetto agli oli di semi. Ha lo stesso alto contenuto di grassi monoinsaturi dell'olio d'oliva e dell'olio vergine, lo stesso basso contenuto di grassi saturi e le stesse percentuali di acido oleico con gli stessi benefici per la salute. L'unica differenza è che è estratto con solvente, ma lo sono anche tutti gli oli di semi. Quindi, se stai confrontando con gli oli di semi, l'olio di sansa di oliva è un enorme miglioramento.

La maggior parte degli oli di semi, inoltre, ha un basso contenuto di grassi monoinsaturi, alto contenuto di grassi polinsaturi e più alto contenuto di grassi saturi rispetto a tutti i gradi di olio d'oliva. Gli oli ad alto contenuto di PUFA sono più vulnerabili alla perossidazione lipidica (irrancidimento). Ciò è particolarmente importante alle alte temperature come in India. Gli oli ad alto contenuto di PUFA presentano anche problemi in qualsiasi frittura prolungata. Gli oli ad alto contenuto di MUFA sono molto più stabili in termini di irrancidimento e necessità di frittura.

Leonardo non propone l'olio di sansa di oliva come sostituto dell'olio extravergine o dell'olio d'oliva. L'olio di sansa di oliva è un sostituto degli oli di girasole, senape, arachidi e altri semi.

In realtà, l'olio di sansa di oliva viene esportato in quantità decenti anche negli Stati Uniti. Ho potuto accertare i numeri, ma diverse società mi hanno detto che rappresentava più del 10 per cento delle loro esportazioni negli Stati Uniti. Più di 100,000 tonnellate di olio di sansa di oliva vengono prodotte ogni anno in tutto il mondo e la quantità consumata in India è solo una piccola percentuale della produzione mondiale. Lo sai che anche in un paese produttore essenzialmente extravergine come la Grecia, il 17% del loro consumo interno di olio d'oliva di marca è olio di sansa d'oliva? In Italia, l'olio di sansa di oliva viene utilizzato per la preparazione di 'taralli 'e 'focaccia ', una tipica pizza meridionale, e da friggere. È solo questione se lo si guarda dall'alto verso il basso o dal basso verso l'alto, cioè come un aggiornamento dagli oli di semi o un down-grade da un vergine.

Leonardo è il primo leader in India, ma il consumo totale di olio d'oliva di questo gigantesco paese è ancora molto piccolo. Qual è la più grande sfida che devi affrontare per diffondere l'uso dell'olio d'oliva tra gli indiani?

Le sfide sono le seguenti:

- Per superare l'impressione che l'olio d'oliva sia essenzialmente un olio da massaggio. Per educare i consumatori che si tratta di un olio commestibile.

- Educare i consumatori che è adatto alla cucina indiana.

- Educare i consumatori ai benefici per la salute.

- Per superare la resistenza dei consumatori a un prezzo notevolmente più alto.

Siamo d'accordo sul fatto che il consumo di olio d'oliva in questo gigantesco paese è minuscolo ma siamo incoraggiati dal potenziale. In termini di numeri, non siamo d'accordo con gli aggregati di 300 milioni di persone per un universo target della popolazione della classe medio-alta (UMC) e della classe alta (UC) in India bandita dalla Banca mondiale e simili. Le nostre stime dell'UMC e della UC indiane, più o meno coerenti con diversi studi seri, sono molto più realistiche e prudenti. Stimiamo attualmente la popolazione UMC e UC a circa 55 milioni. Definiamo il nostro segmento UMC in una fascia di reddito compresa tra $ 10,000 e 20,000 all'anno e la nostra UC superiore a $ 20,000 all'anno. L'olio di marca, come percentuale di tutti gli oli venduti in India, rappresenta solo il 10-12% del mercato e la domanda di oli di marca sta crescendo di circa il 10% all'anno. Il consumo pro capite di olio commestibile in India è di soli 10 kg all'anno. L'olio d'oliva è una percentuale infinitamente piccola di olio di marca e il suo potenziale è, quindi, vasto.

Supponendo che l'olio d'oliva per scopi commestibili, consumato sia dalle istituzioni che dai singoli consumatori sia di 2,000 tonnellate o 2 milioni di litri (il 50% delle importazioni totali nel 2010, il resto è una stima dell'olio per massaggi) e ipotizzando che il consumo medio delle famiglie di L'olio d'oliva nelle famiglie UMC e UC è di 1 litro al mese o 12 litri all'anno, attualmente l'olio d'oliva è utilizzato da 166,667 famiglie o 833,333 persone. Su base conservativa, questo è il numero di consumatori di olio d'oliva in India e questo numero è vergognosamente piccolo!

Per il futuro, Leonardo concorda con il tasso di crescita, previsto dagli stessi studi seri, delle famiglie UMC al 18% e delle famiglie UC al 21.5%. Il nostro universo target attualmente è di 55 milioni di persone o 10 milioni di famiglie. Il nostro obiettivo è avere il 20% di questo universo o 11 milioni di persone o 2 milioni di famiglie che consumano olio d'oliva. Ad un tasso di 12 litri all'anno per famiglia, ciò si traduce in una domanda di 24 milioni di litri o 24,000 tonnellate all'anno, una dimensione davvero rispettabile. Ma possiamo raggiungere questo obiettivo solo attraverso uno sforzo sostenuto e unito se lavoriamo tutti insieme.

Gli indiani stanno affrontando una crisi sanitaria, come in altri paesi, a causa dello stress moderno e della mancanza di esercizio fisico. Sei preoccupato per questa tendenza? Cosa si dovrebbe fare al riguardo?

L'India è al primo posto al mondo nei pazienti cardiopatici con il 1% della popolazione colpita. Gli Stati Uniti e l'Europa sono insieme al numero 10 con il 2% ciascuno. L'OMS prevede che le malattie cardiache saranno il singolo più grande killer in India entro il 7. Più di 2015 milioni di persone in India soffrono di malattie cardiache. La più alta crescita di malattie cardiache è tra i giovani dirigenti aziendali. Inoltre, il 100% degli indiani urbani è in sovrappeso o obeso. 31 milioni di persone in India hanno la pressione alta. Oltre il 140 per cento degli indiani urbani ha alti livelli di lipidi. 40 milioni di persone in India hanno la pressione alta: il 140% dei pazienti nel mondo e il 14% della popolazione indiana. Oltre il 26 per cento degli indiani urbani ha alti livelli di lipidi. L'India è la capitale mondiale del diabete con circa 40 milioni di persone colpite. La situazione è già un'emergenza nazionale. Abbiamo bisogno di un olio sano. L'olio d'oliva (compreso l'olio di sansa di oliva) è l'olio commestibile più sano del mondo.

Le malattie cardiache, in larga misura, sono una malattia dello stile di vita così come il diabete e l'ipertensione. Poiché la situazione sanitaria nazionale è già un'emergenza, la necessità del momento è promuovere uno stile di vita preventivo presso il pubblico in generale. Ciò che è richiesto è un'istruzione a livello di massa, a partire dalla scuola primaria, sulle malattie legate allo stile di vita, sulle loro cause e sui metodi di prevenzione. Uno stile di vita preventivo include dieta ed esercizio fisico. Un componente significativo di qualsiasi dieta sana è un olio ad alto contenuto di MUFA. Il Ministero della Salute sta parlando di una campagna per combattere le malattie legate allo stile di vita. Anche i governi statali devono essere coinvolti. I pasti forniti dal governo ai bambini devono essere preparati con oli sani. Devono essere lanciate campagne pubblicitarie ed educative estese. L'olio d'oliva deve essere incluso in campagne come un olio sano e ricco di MUFA.

Stai invitando gli investitori a partecipare alle tue iniziative di espansione. Come sta andando così lontano?

Ottimo. Abbiamo diverse offerte per la partecipazione al nostro capitale di crescita e stiamo valutando le proposte. Faremo annunci a breve.

Borges è il tuo più grande concorrente? Come stai andando contro di loro?

No, Borges non lo è. Ce ne sono altri che sono stati stabiliti in India da più tempo di Borges. Tuttavia, accogliamo con favore concorrenti degni come Borges. Poiché sono corporatizzati, appartengono al settore organizzato. Le loro iniziative di marketing, come la nostra, serviranno a far crescere il mercato. Sono i piccoli importatori che importano per guadagnare velocemente che finiscono per rovinare il mercato. Ogni importatore e suo cugino ricevono il "idea intelligente di importare olio d'oliva. Poiché è difficile elencare un nuovo marchio nel commercio moderno a causa delle pesanti commissioni di quotazione o inserirlo nella vendita al dettaglio tradizionale a causa della non accettazione di un marchio sconosciuto, non sono in grado di vendere il loro prodotto e finiscono per liquidare le scorte a sconti folli, in effetti vendendo anche sottocosto. L'idea che si possa guadagnare velocemente importando un contenitore di olio d'oliva è stata per molti la strada sicura verso la rovina e crea scompiglio nel mercato. Tuttavia, è in atto un lento processo di consolidamento, alcuni marchi stanno guadagnando importanza e mi aspetto che molti marchi cadranno nel dimenticatoio nei prossimi 2 anni. Con la graduale mercificazione, anche i margini si ridurranno e si verificherà un consolidamento.

Collaboriamo con Borges e altri nella Indian Olive Association. Al momento, Leonardo è di gran lunga il maggiore importatore di olio d'oliva nel segmento commestibile (al contrario del segmento dei massaggi).

Signore, cosa diresti ai nostri lettori: persone in tutto il mondo che sono consumatori di olio d'oliva, appassionati di cucina sana e professionisti del settore olivicolo?

Vorrei sottolineare ai miei colleghi del settore e ai vostri lettori che la vera sfida in India è far crescere il mercato. Non dovremmo sprecare tempo ed energia nel criticare i diversi gradi di olio d'oliva o l'un l'altro. Il consumo è stato di appena 4,000 tonnellate l'anno scorso e si prevede che quest'anno sarà di 6,000 tonnellate, salvo eventi economici imprevisti. Questi numeri sono semplicemente troppo piccoli e non degni di una nazione come l'India. Una volta che il consumo totale cresce a un livello rispettabile e una volta che una proporzione rispettabile della nostra popolazione di 1.2 miliardi è a conoscenza dell'olio d'oliva, forse possiamo iniziare a promuovere gradi diversi, deridere i prodotti degli altri e aggiornare i consumatori a gradi più alti di olio d'oliva. In questo momento è troppo presto nello sviluppo del nostro mercato per perdere tempo a combatterci.

Inoltre, la produzione totale di olio d'oliva nel mondo è di oltre 3 milioni di tonnellate. Il consumo totale di olio commestibile nella sola India è superiore a 15 milioni di tonnellate. Puoi immaginare qual è il consumo totale di olio commestibile nel mondo, compresa la Cina. La sfida è davvero quella di diffondere la consapevolezza dei benefici dell'olio d'oliva in modo che il consumo mondiale di questo olio commestibile sano e abitudini di cucina sane cresca e che l'olio d'oliva diventi una percentuale maggiore di olio di uso generale.

I puristi dell'olio d'oliva, nel loro zelo per promuovere i benefici e il gusto dell'Extra Vergine, perdono l'obiettivo. I produttori in Spagna stanno già soffrendo perché non sono in grado di vendere i loro prodotti. Quest'anno ci saranno aumenti della produzione in Turchia, Tunisia, Argentina e altri. Mentre la produzione in Grecia e in Italia dovrebbe diminuire, la produzione totale crescerà. I litigi interni non serviranno a far crescere il mercato mondiale.

Olive Oil Times sta facendo un lavoro da yeoman nel diffondere la parola. Incoraggio te e i tuoi lettori a portare avanti e diffondere una visione illuminata oltre al quadro generale.

Related News

Feedback / suggerimenti