`L'Australia guida una nuova spinta per aumentare il limite del campesterolo per l'olio d'oliva

Affari

L'Australia guida una nuova spinta per aumentare il limite del campesterolo per l'olio d'oliva

Gennaio 22, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

I produttori del Nuovo Mondo stanno rinnovando un'offerta per innalzare il limite di campesterolo nell'olio d'oliva per fermare ciò che dicono che costituisce una barriera commerciale e discrimina i loro autentici oli d'oliva vergini.

Guidati dall'Australia e con il sostegno dell'Argentina, degli Stati Uniti e della Nuova Zelanda, affermano che il limite dovrebbe essere aumentato dal 4 al 4.8 per cento in modo da non escludere ingiustamente oli che lo superano per ragioni stagionali, varietali o geoclimatiche.

In un documento di discussione per la riunione del Comitato del Codex sui grassi e gli oli (CCFO) che si terrà in Malesia dal 25 febbraio al 1 marzo, affermano che il valore più elevato "comprenderebbe la grande maggioranza degli oli prodotti dalla Barnea, Arbequina, Koreneiki, Cornicabra e simili varietà ad alto contenuto di campesterolo, indipendentemente da dove nel mondo sono coltivate. "

"La produzione e il commercio di oli d'oliva vergini provenienti da paesi emergenti che producono olio d'oliva stanno aumentando sostanzialmente. È quindi fondamentale che CCFO esamini l'evidenza che mostra chiaramente il limite attuale per campesterterolo che agisce come barriera tecnica per il commercio di oli di oliva vergini ”, afferma il documento.

pubblicità

Il limite per il campesterolo (uno dei numerosi steroli presenti nell'olio d'oliva) non è rilevante per la salute pubblica ma mira a rilevare sofisticazioni degli oli di oliva con altri oli commestibili.

Degli 888 campioni raccolti in Australia in diversi anni e una serie di stagioni e varietà, un terzo aveva un livello di colesterolo superiore al 4 percento. Tuttavia, studi condotti lì hanno scoperto che la genetica e l'ambiente svolgono un ruolo importante nei livelli di campesterolo e hanno escluso l'adulterazione o la scarsa qualità dell'olio come fattori causali.

Il documento dice questo "in contrasto con la controargomentazione, secondo cui aumentare il limite di campolo aumenterebbe il rischio di adulterazione, il limite di un altro fenolo, lo stigmasolo (livelli eccessivi di cui aumenta la presenza di olio di soia). Il Codex stanÂdard consente efficacemente fino a 3.9 per cento di stimolo in olio di oliva, ma è proposto un massimo massimo di 1.9 per cento.

"Mentre i paesi dell'UE, la Siria, la Tunisia, la Turchia e il Marocco rimarranno probabilmente i principali esportatori di oli d'oliva nel prossimo futuro, una notevole espansione della produzione in numerosi altri paesi (ad esempio Argentina, Israele, Brasile, Repubblica del Sudafrica, Cina e Australia) probabilmente cambierà gli schemi commerciali nel medio termine. "

Quando emergono diverse varietà e la produzione avviene in nuove condizioni geo-climatiche, i parametri nello standard Codex (in vigore da 1981) dovrebbero essere standardizzati di conseguenza. dice il giornale.

CIO studia anche il colesterolo

Nell'ultima riunione del CCFO, tenutasi nel febbraio 2011, una proposta di avvio dei lavori per la modifica del livello di campesterolo non è riuscita a ottenere sostegno, ma la porta è stata lasciata aperta per nuovi dati che giustificano il passaggio da presentare nel 2013.

Secondo il rapporto del direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale (CIO) Jean-Louis Barjol sulla riunione, "Per quanto riguarda ... il colesterolo, tutte le delegazioni del CIO hanno concordato di dichiarare che erano in corso studi sul CIO e che era prematuro che il Codice agisse. "

"L'obiettivo di rinviare le discussioni su ... campesterolo fino al 2013 è stato raggiunto. Tra adesso e poi il CIO dovrà intraprendere studi per assemblare un database funzionante ... ed esplorare strade realistiche per soluzioni ", ha scritto.

Un incontro pubblico per fornire informazioni e ricevere commenti pubblici sulle posizioni statunitensi per il prossimo Comitato del Codex su grassi e oli si terrà nel Maryland il 5 febbraio.



Related News