` Il Consiglio prevede un calo del consumo di olio d'oliva - Olive Oil Times

Consiglio prevede di immergere nel consumo di olio d'oliva

Dicembre 6, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Una leggera riduzione del consumo mondiale di olio d'oliva e un calo del 20% della produzione sono le attuali previsioni del Consiglio oleicolo internazionale (CIO) per la stagione 2012/13.

Secondo i dati aggiornati ma provvisori presentati al 40th riunione del Comitato consultivo del CIO sull'olio d'oliva e le olive da tavola, tenutasi il 14 e 15 novembre, si prevede che il consumo globale scenderà da circa 3.2 milioni di tonnellate nel 2010/11 a 3.1 milioni in questa stagione.

I maggiori produttori spagnoli, italiani e greci - entrambi duramente colpiti dalla crisi finanziaria - prevedono tutti un calo dei consumi interni. Tra i principali consumatori mondiali di olio d'oliva, l'Italia dovrebbe passare da 724,500 tonnellate a 695,000, la Spagna da 582,100 a 550,000 e la Grecia da 212,500 a 208,000. Nel frattempo, gli Stati Uniti dovrebbero rimanere a tonnellate 294,000.

Il consumo supera la domanda, le scorte diminuiscono

Si prevede tuttavia che il consumo supererà i previsti 2.71 milioni di tonnellate nella produzione mondiale in questa stagione (da ottobre a settembre), in calo rispetto ai 3.40 milioni del 2011/12.

Mentre stime più elevate fino al 70% sono state fatte ultimamente dai gruppi agricoli spagnoli, il CIO stima che il raccolto della Spagna quest'anno - umiliato dal clima rigido dopo 3 raccolti eccezionali - scenderà del 49% rispetto all'anno precedente, a sole 820,000 tonnellate. .

Si prevedono anche cali in Marocco, da 120,000 a 110,000, Portogallo da 76,200 a 68,600, e Argentina da 32,000 a tonnellate di 17,000.

Il CIO ritiene che il mondo abbia iniziato la stagione 2012/13 con 916,500 tonnellate di scorte di riporto, ma lo finirà con solo circa 387,000 tonnellate.

Importare la crescita in 2011 / 12

Secondo la newsletter del mercato di novembre del CIO, pubblicata il 5 dicembre, le importazioni di olio d'oliva e olio di sansa d'oliva nel 2011/12 sono cresciute del 38% in Cina, del 21% in Giappone, del 15% in Russia e del 9% in Brasile e Stati Uniti. C'è stato un calo dell'1% in Canada.

Prezzi ex-mill

Rispetto allo stesso periodo della stagione precedente, i prezzi alla produzione dell'olio extravergine di oliva hanno iniziato a salire bruscamente in Spagna alla fine di giugno, raggiungendo 2.64 € / kg entro la penultima settimana di settembre, afferma la newsletter del CIO.

"Hanno poi cambiato rotta nell'ultima settimana di ottobre, raggiungendo 2.40 € / kg entro la penultima settimana di novembre. Sebbene questo rappresenti un calo del 9% rispetto al picco di settembre, è ancora del 27% superiore rispetto alla stagione precedente ".

"Questi movimenti di prezzo devono essere visti in un contesto in cui le stime per il 2012/13 stanno diventando più accurate con l'avanzare del raccolto. Va anche ricordato che i prezzi sono stati molto bassi in Spagna negli ultimi due anni di raccolto e questo aumento li ha portati al livello di marzo 2008. "

Dopo essere passati nell'arco di due mesi da € 2.38 / kg, nella prima settimana di agosto, a € 2.90 / kg, nella prima settimana di ottobre, i prezzi alla produzione in Italia sono scesi improvvisamente a un livello intermedio di € 2.62 / kg, ma ancora in crescita del 3% rispetto alla stagione precedente.

In Grecia, dove i prezzi sono aumentati del 15 per cento negli ultimi tre mesi, l'aumento è stato più uniforme e più lento, da € 1.82 / kg (fine luglio) a € 2.24 / kg (seconda ultima settimana di novembre).

Il divario tra il prezzo dell'olio di oliva raffinato e dell'olio extra vergine di oliva è attualmente di circa € 0.06 / kg in Spagna e € 0.18 / kg in Italia.



Related News

Feedback / suggerimenti