` Deoleo segnala tempi duri per le vendite globali di olio d'oliva - Olive Oil Times

Deoleo annuncia un periodo difficile per le vendite globali di olio d'oliva

Aprile 29, 2013
Julie Butler

Notizie recenti


Deoleo, la più grande azienda di olio d'oliva del mondo, afferma che i consumatori americani hanno contribuito a compensare un calo delle vendite a causa del restringimento delle cinture da parte delle famiglie spagnole e italiane.

Nel suo ultimo rapporto annuale e nei risultati del primo trimestre per 2013, la società con sede a Madrid ha anche rivelato piani per seguire l'apertura del proprio ufficio vendite in Cina lo scorso mese con altri in India, Malesia e Colombia.

E ha detto che il prossimo raccolto in Spagna è in linea per essere un "straordinariamente buono ”.

Primo trimestre: vendite in calo ma utile in crescita

Nelle informazioni rilasciate la scorsa settimana, Deoleo ha affermato che i primi tre mesi di 2013 sono stati difficili. Le terribili situazioni economiche in Spagna e in Italia stavano avendo un grande impatto e avevano visto diminuire i consumi.

pubblicità

Tuttavia, nonostante uno scivolone nelle vendite, Deoleo registrato un aumento dei suoi guadagni del primo trimestre.

Il suo utile netto di € 4.4 milioni ($ 5.7m) per gennaio-marzo è stato ben al di sopra degli € 700,000 prenotati nello stesso trimestre di un anno fa, sebbene le vendite siano diminuite del 4.4 percento a € 198 milioni ($ 258m).

Il suo EBITDA (utili prima di interessi, imposte, deprezzamenti e ammortamenti - un indicatore generale della salute finanziaria di un'azienda) è sceso del 22.6 percento a € 15.1 milioni, e il suo margine EBITDA è sceso dal 9.4 percento nel primo trimestre di 2012 al 7.6 percento.

Stati Uniti e Canada: mercati forti e importanti

Una suddivisione regionale mostra che il Nord America rappresentava quasi il 55 percento dell'EBITDA totale di Deoleo nel primo trimestre del 2013, rispetto a solo il 24 percento nello stesso trimestre dell'anno scorso e circa il 41 percento per il 2012 in pieno.

Deoleo ha detto che le cifre mostrano il "forza e importanza ”di questo mercato.

I mercati internazionali hanno reagito all'aumento dei prezzi con il solito rallentamento della crescita. "Ma, negli Stati Uniti, consumo di olio d'oliva è aumentato del due percento in volume, secondo Nielsen, nonostante l'aumento dei prezzi. Ciò dimostra che il consumo di olio d'oliva si sta consolidando lì ", ha detto nei commenti sui risultati del primo trimestre.

L'anno scorso, Deoleo ha riferito che il suo marchio Bertolli aveva guadagnato quote di mercato in Nord America mentre i suoi marchi Carapelli e Carbonell avevano detenuto la loro. "Grazie alla capacità di mantenere i prezzi premium, unitamente a un'ottimizzazione dei costi operativi, questa regione offre il miglior margine EBITDA nel gruppo aziendale ”, ha poi affermato.

I mercati emergenti e in crescita compensano la crisi in quelli maturi

Il marchio Carbonell di Deoleo ha registrato una crescita molto forte lo scorso anno in Brasile, il marchio Bertolli è stato la chiave per aumentare le vendite in Giappone e in India il suo marchio forte era l'etichetta Figaro.

Nel rapporto sull'ultimo trimestre, intitolato "Brutti tempi, buone basi ”, ha detto Deoleo l'apertura dei propri uffici di vendita nei principali mercati emergenti faceva parte della sua nuova strategia di espansione internazionale, da cui la nuova sede in Cina e l'apertura programmata in India, Malesia e Colombia.

"Il nostro investimento nei mercati emergenti e in crescita ci consentirà di mitigare gli effetti della crisi in quelli maturi ", ha affermato.

Crisis aumenta le vendite del marchio in Spagna

In Spagna, un aumento delle tasse sulle vendite e del prezzo franco fabbrica dell'olio d'oliva alla fine dell'anno scorso ha spinto verso l'alto i prezzi al dettaglio e ha fatto sì che un maggior numero di acquirenti passasse al negozio di olio d'oliva di marca. I marchi dei negozi hanno guadagnato punti 10 in volume per detenere una quota di mercato del 70 percento, anche se questo è stato recuperato un po 'tardi.

Deoleo ha dichiarato che i suoi margini di vendita sono stati ridotti perché doveva offrire promozioni di vendita in mezzo a questa intensa concorrenza, che è stata particolarmente feroce il mese scorso in Spagna.

"Gli sforzi promozionali dell'azienda e il prezzo dei marchi dei negozi hanno iniziato ad aumentare questo mese, ci consentiranno di adattare il nostro spread per mantenere il profitto unitario nella gamma normale ", ha affermato.

"Come abbiamo visto in passato, i forti aumenti dei prezzi causano un calo iniziale dei consumi, ma in seguito si riprendono dopo che i consumatori hanno accettato il nuovo scenario, che è la situazione che si sta verificando ora. "

L'amministratore delegato di Deoleo Jaime Carbó è stato riportato sulla stampa spagnola la scorsa settimana in quanto stima che il consumo di olio d'oliva sia crollato del 6-7% in Spagna nei primi tre mesi dell'anno. "La domanda è molto debole e un calo dei consumi in Spagna e in Italia ha un grande impatto a livello globale ", ha affermato.

Gli ulivi spagnoli maturano per tornare ad alta produzione

Mentre la produzione record della Spagna di oltre 1.6 milioni di tonnellate nel 2011/2012 non è stata ripetuta in questa stagione, esso "sarà senza dubbio superato negli anni delle colture future ", afferma il rapporto annuale di Deoleo.

In effetti, dopo un lungo ciclo secco con scarse precipitazioni, il mese scorso è stata la marzo più piovosa in Spagna da quando i record delle precipitazioni sono iniziati lì in 1947. La pioggia costante e ben distribuita, senza acquazzoni torrenziali, dopo un inverno senza forti gelate, è andata bene per una stagione di successo, ha detto.

"Con gli alberi riposati e il recupero delle riserve idriche nella terra, a condizione che gli alberi fioriscano senza incidenti a maggio, e l'estate non è più calda del solito, le prossime stagioni dovrebbero essere straordinariamente buone. "

Tuttavia, lo scorso fine settimana la Spagna è stata colpita da un clima insolito con nevicate in varie parti del paese, comprese le zone dell'epicentro dell'olio d'oliva Jaén, che hanno suscitato preoccupazioni in merito al potenziale impatto sull'importante fase di fioritura.

Fusione Hojiblanca-Deoleo

Deoleo ha dichiarato che l'assemblea generale degli azionisti di maggio 27 dovrebbe approvare l'acquisizione dell'azienda del marchio di olio extra vergine di oliva Hojiblanca e dell'impianto di imbottigliamento di Malaga. Hojiblanca, il più grande produttore mondiale di olio extra vergine di oliva, aumenterà a sua volta la propria partecipazione in Deoleo all'10.3 percento con la ricezione di 109 milioni di nuove azioni ciascuna con un valore nominale di € 0.50.



Related News

Feedback / suggerimenti