` I guai di produzione 2014 si estendono alla Francia

Europa

I guai di produzione 2014 si estendono alla Francia

Agosto 3, 2015
Di Alice Alech

Notizie recenti

L'association Française L'Olive, (AFIDOL) l'associazione interprofessionale francese, ha tenuto il suo incontro estivo annuale ad Aix en Provence.

Dalla sua fondazione nel 1999, Afidol ha cercato di unire i professionisti dell'olio d'oliva, per migliorare e sviluppare la produzione e la commercializzazione dell'olio d'oliva e delle olive francesi.

Abbiamo perso tutti, gli olivicoltori, i proprietari del frantoio e gli agenti di marketing.- Oliver Nasles, Afidol

Nel suo discorso all'assemblea generale, Oliver Nasles, presidente di Afidol, ha analizzato le condizioni attuali del settore e presentato misure che l'organizzazione privata potrebbe adottare per migliorare la situazione.

Nasles ha detto all'assemblea che l'industria francese dell'olio d'oliva ha perso più di 30 milioni di euro, soldi persi da coltivatori e proprietari di mulini che, in 2014, non avevano solo una quantità limitata di olio da trattare, ma pochissimo olio da vendere.

"Abbiamo perso tutti, gli olivicoltori, i proprietari del frantoio e gli agenti di marketing ", ha detto un deluso Nasles.

pubblicità

Oliver Nasles

Oggi, Afidol rappresenta 35,000 olivicoltori e 265 proprietari di frantoi che si rivolgono all'organizzazione per un aiuto nella gestione di boschi, pratiche di salute e sicurezza e progetti commerciali. I membri possono assistere a conferenze ed essere addestrati sull'analisi e l'interpretazione di olive e olio d'oliva.

Dati di produzione per il 2014

Non è stato un anno brillante per la Francia con solo circa 5,000 tonnellate di olio d'oliva prodotte. La produzione di olive da tavola ha mostrato risultati negativi simili: una resa totale di tonnellate 1,200 che era di tonnellate 230 inferiori rispetto a 2013.

Comunicazione

Riconoscendo la necessità di una comunicazione efficace, Afidol ha a nuovo sito web per promuovere le olive e l'olio d'oliva dal sud della Francia. I consigli pratici sul sito includono:

  • Alla scoperta di frantoi, produttori e musei nelle regioni dell'olio d'oliva
  • Informazioni sull'olio d'oliva e la dieta mediterranea
  • Una guida ai ristoranti: ristoranti gourmet che mettono in risalto l'olio d'oliva del sud della Francia.
  • 113 ha provato e testato ricette che incorporano olive e olio d'oliva.

Incorporato con Facebook, il sito vanta 8,000 fan.

Formazione scolastica

La campagna per informare meglio i consumatori sull'origine e la diversità dell'olio d'oliva francese continua nel sud della Francia. I mercati provenzali sono la stagione ideale per esperti e produttori per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della tracciabilità, del terroir e della diversità dell'olio d'oliva francese.

Dodici presentazioni in aree turistiche popolari sono state organizzate la scorsa estate per rispondere a domande sulla garanzia dell'origine, le differenze tra AOC (denominazione di origine controllata) e DOP (denominazione di origine protetta) e il significato di "UE "sull'etichetta.

concorsi

Frantoi e produttori di olio d'oliva alla ricerca dell'eccellenza partecipano a concorsi regionali e nazionali per l'olio d'oliva e le olive da tavola organizzati da Afidol.

Promozione degli oli d'oliva provenzali nel Regno Unito

La prima campagna di marketing commerciale dell'olio d'oliva rivolta a rivenditori e chef britannici si è tenuta a Londra presso Le Cigalon, il ristorante francese. All'evento di degustazione svoltosi l'anno scorso, distributori, scrittori di cibo e chef hanno ricevuto cinque importanti marchi di olio d'oliva dalla Provenza, tra cui Moulin Castelas (Baux de Provence), Moulin Cornille (Baux de Provence), La Maison Codefa (Marsiglia), La Lieutenante (Baux de Provence) e Vignolis (Nyons).

L'anno scorso i francesi hanno consumato 108,000 tonnellate di olio d'oliva. Il girasole è l'olio più consumato in Francia.



Related News