`Con l'aumento dei prezzi dell'olio d'oliva, preoccupazioni per il calo dei consumi - Olive Oil Times

Con i prezzi in aumento dell'olio di oliva, preoccupazioni per il consumo in calo

Ottobre 8, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

I prezzi al dettaglio dei famosi marchi spagnoli di olio d'oliva Carbonell e Koipe sono aumentati di un mese fino a un euro ($ 1.30) in alcuni casi, poiché i consumatori iniziano a sentire gli effetti del recente aumento dei prezzi all'ingrosso.

Il gigante alimentare Deoleo - che potrebbe presto diventare il primo produttore mondiale di olio d'oliva se una presunta fusione con Hojiblanca va avanti - sembra essere il primo a passare in aumento e gli occhi ansiosi sono ora sui consumatori per vedere come reagiscono.

Prezzi aumentati di oltre un terzo

Il costo di una bottiglia da un litro di olio d'oliva raffinato del marchio Carbonell di Deoleo è ora di quasi 4 € in vari negozi di Barcellona. Al supermercato El Corte Inglés vende a 3.99 € - in aumento di oltre un terzo rispetto al prezzo di 2.95 € alla fine del mese scorso - e, ironia della sorte, più dell'olio di oliva vergine Carbonell di qualità superiore, ancora a 3.05 €.

L'olio d'oliva raffinato Koipe, anch'esso della stalla Deoleo, è salito di un euro a 3.85 €. Un litro del popolare olio di girasole Koipesol, nel frattempo, costa meno di € 2.

Altre marche da seguire

Gli aumenti non stanno ancora mordendo in tutti i negozi, in tutte le marche o in tutti i tipi di olio d'oliva, ma il flusso è considerato inevitabile e imminente.

A maggio, i prezzi alla produzione in Spagna erano al minimo da 2009, con EVOO sceso a € 1.77 / kg. Ma con condizioni meteorologiche avverse che dovrebbero dimezzare la produzione di olio d'oliva in questo raccolto, sono aumentati fortemente da luglio e il prezzo all'ingrosso EVOO di oggi dal sistema di informazioni sui prezzi della Spagna POOLred è l'equivalente di quasi € 2.60 / kg.

Preoccupazioni Il consumo di olio d'oliva spagnolo diminuirà

Molti spagnoli associano Carbonell allo slogan "en casa de toda la vida ”(“ l'abbiamo sempre usato a casa ”). Ma come ha detto il produttore spagnolo di olio d'oliva Rafael Muela Olive Oil Times, il problema ora è quanto saranno fedeli i consumatori.

Muela, comproprietaria e vicepresidente marketing senior di Mueloliva con sede a Córdoba, prevede che tutti i prezzi al dettaglio dell'olio d'oliva aumenteranno in Spagna entro poche settimane.

"La grande domanda è se in un periodo di grave crisi finanziaria e disoccupazione i consumatori spagnoli saranno disposti a pagare circa il 35% in più per un articolo di base nel loro carrello ".

"Si è verificata una situazione simile qui circa sette anni fa, quando il prezzo di scaffale dell'extravergine è aumentato a quasi 6 € / L. Non c'era crisi finanziaria allora e il consumo interno di olio d'oliva è sceso del dieci percento ".

Anche le esportazioni sono a rischio

"Anche i distributori internazionali di olio d'oliva sono preoccupati per questi prezzi elevati perché pensano che a questo livello il consumo in Asia e Sud America diminuirà, quindi penso che avremo un problema lì in futuro, forse "ha detto Muela.

A causa di fattori quali i tempi di spedizione e le scorte di magazzino esistenti, si aspetta che ci vorranno circa 3 - 4 mesi prima che i prezzi al dettaglio aumentino anche negli Stati Uniti o nel Regno Unito.

Muela, che stava spendendo lui stesso oggi cercando di decidere su nuovi prezzi, ha affermato che la sua principale preoccupazione ora era come i mercati di esportazione avrebbero reagito agli aumenti.

"Se penalizziamo le vendite internazionali, sarà difficile aumentarle ”.

Fusione Deoleo-Hojiblanca capovolta

Nel frattempo, il portale di notizie spagnolo elEconomista.es riferisce che Hojiblanca, la più grande cooperativa spagnola di olio d'oliva, è in trattativa per acquistare 30 percento di Deoleo, che si dice stia cercando nuovi investitori per il suo prossimo periodo di crescita.

"Se l'accordo andrà a buon fine, e sembra che lo farà, Deoleo crescerà e diventerà il primo produttore di petrolio al mondo, superando i titani nella sempre più forte industria petrolifera italiana ”, riferisce.

La possibile fusione è vista da alcuni nel settore dell'olio d'oliva spagnolo come probabile che aumenti la spinta delle esportazioni spagnole, ma altri sostengono che la concentrazione nel segmento extra vergine sarebbe anticoncorrenziale.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti