` Dibattito politicizzato in Grecia sul proposto aumento delle quote tunisine da parte dell'UE - Olive Oil Times

Dibattito politicizzato in Grecia sul proposto aumento dell'UE nelle quote tunisine

Novembre 30, 2015
Lisa Radinovsky

Notizie recenti

Dopo mesi di relativo silenzio sulla Commissione europea (CE) proposta di aumento Le importazioni esenti da dazio di olio d'oliva tunisino nell'UE di 35,000 tonnellate all'anno in 2016 e 2017, i sindacalisti e i politici greci hanno iniziato a discutere la questione. La domanda non è se sostenere la proposta, dal momento che quasi nessuno lo fa, ma chi è la colpa per averla sostenuta.

Dalla fine di novembre, due linee di discussione hanno dominato il dibattito. Una parte sostiene che l'aumento della quota di importazione avvantaggia l'industria della standardizzazione dell'olio d'oliva in Italia e Spagna riducendo i prezzi del petrolio con un'infusione di olio d'oliva più economico proveniente dalla Tunisia, danneggiando così gli agricoltori greci (e europei).

La principale preoccupazione del governo è la protezione del mondo agricolo e la ricostruzione produttiva del paese.- Nikos Papadopoulos

Questa parte si oppone all'aumento delle quote e critica il governo greco per presunta mancata opposizione, sostenendo che gli agricoltori greci stanno già lottando abbastanza con una crisi economica, ritardando i pagamenti delle sovvenzioni dell'UE e le aspettative di drastici aumenti delle tasse.

Molti indicano il recente forte calo dei prezzi dell'olio d'oliva in Grecia, Spagna e Italia come prova che questa argomentazione è valida. In Grecia, alcuni leader e politici del sindacato agricolo critici nei confronti della coalizione di governo composta dalla sinistra SYRIZA e dai Greci indipendenti di destra, o ANEL, hanno fatto affermazioni del genere.

Il presidente dell'Unione delle cooperative agricole di Heraklion, Creta, Andreas Stratakis, si è spinto fino al punto di chiedere la rimozione del ministro dell'agricoltura e dell'alimentazione, Evangelos Apostolou, che molti accusano di aver sostenuto o almeno di non averlo fortemente opporsi alla proposta.

D'altra parte, i sostenitori della coalizione di governo e del ministro Apostolou offrono diversi argomenti a suo sostegno, ma non a sostegno dell'aumento della quota tunisina. I suoi sostenitori sottolineano che Apostolou non era alla riunione di settembre dove questa proposta è stata approvata per la prima volta; piuttosto, un membro del governo provvisorio ha partecipato alla riunione in quel periodo pre-elettorale.

Inoltre, la discussione della quota tunisina a quel punto non riguardava principalmente questioni agricole sotto la giurisdizione di Apostolou, ma l'assistenza umanitaria per un paese vittima del terrorismo jihadista.

Due recenti comunicati stampa del Ministero dell'agricoltura e dell'alimentazione hanno sottolineato che Apostolou ha contestato in diverse occasioni la proposta e il fatto che sia stata redatta senza consultare i ministri dell'agricoltura, nonché espresso preoccupazione per il suo effetto sugli agricoltori. I comunicati stampa hanno aggiunto che finora non è stata presa alcuna decisione definitiva sull'aumento delle quote e che finora non è stato registrato alcun aumento delle importazioni di petrolio tunisino nell'UE.

Apostolou lo ha avvertito "quelli che per motivi di meschino confronto politico coltivano un'atmosfera di panico tra i produttori stanno giocando il gioco degli speculatori che cercano un crollo del prezzo dell'eccezionale olio d'oliva greco ", esortandoli a stare attenti.

Panayotis Karantonis, membro del comitato consultivo del Consiglio oleicolo internazionale (CIO) e direttore di ESVITE, ha detto Olive Oil Times che considerava la questione da una prospettiva regionale e globale. Ha riconosciuto quel greco "gli agricoltori si trovano ad affrontare una situazione molto difficile, senza dubbio. Se lo consideri solo su base agricola, dovresti stare con gli agricoltori greci, ma se consideri il quadro più ampio, devi riconsiderare ".

Karantonis ha sottolineato che la proposta è stata avanzata dai ministri degli esteri che guardavano oltre il settore agricolo alle preoccupazioni sui terroristi in Nord Africa, cercando un modo per dimostrare solidarietà al governo tunisino laico e dimostrare che "Gli europei sono con il popolo musulmano che non sono jihadisti radicali ”.

Soprattutto da quando il primo ministro tunisino Habib Essid è stato direttore esecutivo del CIO dal 2004 al 2010 - come sarà un altro tunisino, Abdellatif Ghedira, a partire dal 1 ° gennaio - potrebbe essere sembrata un'offerta per aumentare le importazioni esenti da dazi di una delle principali esportazioni del paese. come un ragionevole gesto di solidarietà. Poiché la maggioranza dei paesi dell'UE a favore dell'aumento ne garantisce virtualmente l'approvazione, Karantonis raccomanda che anche la Grecia voti a suo favore, per coltivare il suo rapporto con la Tunisia.

Tuttavia, Agronews ha riferito che il parlamentare di SYRIZA Nikos Papadopoulos ha suggerito "che la principale preoccupazione del governo è la protezione del mondo agricolo e la ricostruzione produttiva del paese ", in modo che il governo si opponga alla proposta, nonostante l'obiettivo originale di "proteggere [ing] l'economia tunisina a seguito dei recenti attacchi terroristici ".

Karantonis sostiene che la ridotta produzione di olio d'oliva della Tunisia quest'anno significa che non esporterà più di 110,000 tonnellate, il che difficilmente potrebbe rappresentare una vera minaccia per gli agricoltori europei. Ciò è particolarmente vero poiché è già possibile per paesi come l'Italia e la Spagna importare legalmente grandi quantità di materie prime da trasformare ed esportare (anziché circolare nell'UE) in base agli accordi di perfezionamento attivo. L'unica differenza con la nuova proposta è che nel mercato dell'UE possono circolare ulteriori 35,000 tonnellate esenti da dazio, ma "35,000 tonnellate [metriche] non distruggeranno gli agricoltori greci ”o "risolvere i problemi dei processori italiani.

Alla luce di questi fattori, Karantonis sostiene che l'aumento delle quote di importazione esente da dazi in Tunisia ha un "un effetto più psicologico che reale sui prezzi dell'olio d'oliva, che sarebbero comunque diminuiti, vista la maggiore produzione di Spagna e Italia quest'anno. Lo ammette "questa discussione ha sicuramente influenzato il clima del mercato ”e forse ha accelerato il ritmo della caduta dei prezzi.

Karantonis avverte inoltre che le stime del raccolto del prossimo anno dovrebbero essere osservate attentamente, poiché un aumento delle quote potrebbe diventare un problema nel 2017 se si prevedono rese molto elevate per il raccolto del prossimo anno. In tal caso, l'offerta della CE di riconsiderare le quote dovrebbe essere accolta. L'altra cosa da guardare è il file "discussione in corso tra i paesi del Mediterraneo e l'UE su un'area di libero scambio ”, che è già stata firmata dall'UE e dal Marocco, rendendo i prodotti marocchini esenti da dazi all'importazione. "Se la Tunisia lo firmasse, TUTTA la sua produzione potrebbe entrare nell'UE esente da dazi. Questa è una vera minaccia e dobbiamo stare attenti e cercare di fermarla ". Ma questo non ha nulla a che fare con l'attuale proposta di aumento delle quote.

Sembra che un prezzo basso dell'olio d'oliva ora sembri una minaccia maggiore per gli agricoltori greci rispetto ai terroristi jihadisti, ma il sostegno del governo tunisino e del popolo attraverso un aumento temporaneo delle quote potrebbe non ferire gli agricoltori greci tanto quanto temono.


Related News

Feedback / suggerimenti