`Il consumo globale di olio d'oliva scende del 7% - Olive Oil Times

Consumo di olio di oliva globale Scivola percentuale 7

Dicembre 8, 2015
Gaynor Selby

Notizie recenti

I prezzi più alti e la forte concorrenza hanno portato a un calo del 7% del consumo globale di olio d'oliva, secondo il ultime cifre pubblicato dall'International Olive Council (IOC).

Il consumo mondiale per la campagna 2014/15 è stato stimato a 2.85 milioni di tonnellate, mentre in Europa il consumo è diminuito dell'11% a 1.5 milioni di tonnellate, rappresentando la maggior parte della flessione. 

Il consumo è rimasto stabile nella maggior parte degli altri paesi membri del CIO ad eccezione della Turchia dove è cresciuto del 40% e in Algeria dove è aumentato del 33%. 

Il Giappone ha registrato un aumento del 9% dell'utilizzo rispetto all'anno precedente grazie alle campagne di marketing e promozionali in corso che, ha affermato il CIO, stanno guidando le vendite.

Il Consiglio dei membri si è riunito di recente a Madrid per timbrare i bilanci mondiali dell'olio d'oliva per le stagioni dei raccolti 2014/15 e 2015/16.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Per quanto riguarda la produzione, il CIO ha confermato la triste produzione di un anno record in calo che ha visto la produzione mondiale scendere a 2.4 milioni di tonnellate - o circa 450,000 tonnellate in meno rispetto al mondo consumato - con il risultato di scorte basse e prezzi più alti che caratterizzano il mercato attuale.

La produzione di olio d'oliva dell'UE è stata valutata a 1.4 milioni di tonnellate, registrando un calo del 42% rispetto alla stagione precedente.

La Spagna è stata il maggiore produttore di olio d'oliva con tonnellate 841,200, seguita da Tunisia (340,000), Grecia (300,000), Italia (220,000), Turchia (170,000), Marocco (120,000), Siria (105,000), Algeria (69,500), Portogallo ( 61,000 tonnellate), Giordania (23,000), Egitto e Libano (21,000 tonnellate ciascuno), Israele (17,500), Libia (15,500), Albania (11,000), Cipro (6,200), Argentina (6,000) e Iran (4,500), Francia ( 1,900), Croazia (1,000) e Slovenia (200).

Per quest'anno (2015/2016), il CIO ha stimato che la produzione raggiungerà 2,988,500 tonnellate, un aumento del 22%. "Questa previsione posiziona la produzione a metà strada tra i livelli del 2014/15 e del 2013/14 ". ha detto. 

"Ulteriori dettagli mostrano previsioni di produzione di 1.3 milioni per la Spagna, 350,000 ton per l'Italia, 300,000 ton per la Grecia e 82,000 ton per il Portogallo. Si prevedono tonnellaggi inferiori per il resto dei produttori dell'UE ".

Altrove in altri paesi membri del CIO come Turchia, Tunisia, Israele, Libano e Albania, le prospettive sono più sfavorevoli con previsioni di una diminuzione complessiva della produzione dell'8% rispetto al 2014/15.

Si prevede che la produzione siriana aumenterà a 215,000 tonnellate, in Marocco 130,000 tonnellate, in Algeria 73,500 tonnellate, in Giordania 29,000 tonnellate, in Argentina e in Egitto a 25,000 tonnellate.




  • Newsletter XCUMX del CIO di novembre (PDF)

Related News

Feedback / suggerimenti