` Il Consiglio prevede un aumento della domanda mondiale di olio d'oliva - Olive Oil Times

Il Consiglio prevede un aumento della domanda mondiale di olio d'oliva

Dicembre 13, 2010
Julie Butler

Notizie recenti

Di Julie Butler
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Barcellona

Si prevede che il consumo mondiale di olio d'oliva supererà leggermente la produzione - di circa 30,000 tonnellate - nell'anno vegetale 2010-11, che i produttori spagnoli sperano che i prezzi siano più alti per loro.

Nelle sue ultime stime, il Consiglio oleicolo internazionale prevede che il consumo internazionale aumenterà del 3.6%, raggiungendo 2.97 milioni di tonnellate. Nel frattempo, la produzione scenderà 2.5 percento, a 2.94 milioni di tonnellate.

Si prevede che il maggiore utilizzatore di olio d'oliva, l'UE, consumerà 1.8 milioni di tonnellate nel 2010-11, con un aumento del 2.7% rispetto ai dati provvisori per il 2009-10. Si prevede che gli Stati Uniti
restano i secondi più alti, con un consumo che dovrebbe aumentare solo dell'0.7%, raggiungendo le tonnellate 260,000.

Secondo le stime dell'UE del CIO, la produzione di olio d'oliva nella Spagna, leader mondiale, scenderà da quasi 1.4 milioni di tonnellate (2009-10 cifre provvisorie), a poco meno di 1.2 milioni di tonnellate nel 2010-11, con una diminuzione di circa il 14%. Al contrario, la produzione in Italia, il secondo produttore mondiale, dovrebbe aumentare del 4.3% nella prossima stagione, a 480,000 tonnellate, e la Grecia dovrebbe aumentare del 5%, a 336,000 tonnellate.

Tra i paesi extra UE previsti per aumentare la produzione vi sono la Siria, a tonnellate 193,500 (+ 29%), Algeria, tonnellate 48,000 (+ 81%) e Israele, tonnellate 9,000 (un forte salto di 157%). Dopo essere crollato a sole 5,500 tonnellate in 2009-10, la Palestina dovrebbe più che quadruplicare la produzione in tonnellate 24,000.

I paesi che stanno affrontando una riduzione della produzione includono Marocco, tonnellate 150,000 (in calo del 6.2%) e Tunisia, tonnellate 120,000 (in calo del 20%).

Commentando le aspettative del CIO di una diminuzione della produzione spagnola il prossimo anno, l'Associazione spagnola dei comuni olivicoli (AEMO) ha affermato in una dichiarazione che era di buon auspicio per un aumento del prezzo alla stalla dell'olio d'oliva. "Il che sarebbe un sollievo per gli olivicoltori dopo due anni di perdite ".

Le cifre sono state rilasciate dal CIO al suo 98th sessione del Consiglio dei membri, tenutasi a Madrid da novembre 22 - 26. Includono i saldi finali per l'anno di raccolto 2008-09, in cui il consumo globale di olio d'oliva, 2.8 milioni di tonnellate, ha superato la produzione di 162,000 tonnellate.

Durante l'incontro sono state anche discusse le campagne promozionali di prodotti olivicoli IOC in Cina e Russia e un'imminente campagna negli Stati Uniti e in Canada, la classifica prioritaria per le ricerche di mercato in Giappone, Corea del Sud e Australia in 2011 e il lavoro del CIO sugli standard commerciali nei prodotti olivicoli.

La riunione ha approvato una revisione dello standard commerciale per gli oli di oliva e di sansa di oliva e l'adozione di metodi di prova nuovi e rivisti, compreso l'uso della gascromatografia su colonna capillare per la determinazione della composizione e del contenuto di steroli e dialcoli triterpenici.

Il segretariato esecutivo è stato incaricato di elaborare i termini di riferimento per un'applicazione del progetto sulle tecniche di propagazione delle olive e di fornire una valutazione della raccolta mondiale del germoplasma di olive a Marrakech, in Marocco.

Il Consiglio ha inoltre deciso di includere Albania, Argentina, Montenegro e Turchia in RESGEN, un progetto volto a identificare, descrivere e conservare le risorse genetiche dell'olivo e che ora copre 17 paesi, e ha previsto un rinnovamento del sito web del CIO che dovrebbe essere pubblicato nel gennaio 2011.
.

Related News

Feedback / suggerimenti