`Italian Trade Group sostiene regole di tracciabilità paneuropee - Olive Oil Times

Italian Trade Group sostiene regole di tracciabilità paneuropee

Ottobre 21, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Norme e procedure volte a tenere traccia di produzione di olio d'oliva e il trasporto dovrebbe essere lo stesso in tutta Europa e dovrebbe essere adottato anche dal Consiglio oleicolo internazionale, secondo Unaprol.

L'associazione italiana dei produttori di olio d'oliva ha chiesto al governo italiano sia di imitare alcuni dei nuove procedure introdotte dalla Spagna e lavorare per l'armonizzazione delle normative sull'olio d'oliva a livello internazionale.

È il momento di estendere regole e procedure volte a preservare la sicurezza, la qualità e la reputazione dell'olio d'oliva, sia a livello europeo che internazionale.- David Granieri, presidente, Unaprol

L'obiettivo è offrire ai consumatori prodotti affidabili e verificati preservando le buone pratiche industriali.

Vedi anche: I ricercatori identificano i principali tipi di frode all'olio d'oliva, propongono soluzioni

José Penco, direttore dell'Associazione spagnola dei comuni dell'olio d'oliva (AEMO), ha detto Olive Oil Times che il nuovo insieme di regole creerà fiducia e chiamò la legislazione "il futuro del settore dell'olio d'oliva in Spagna”.

Secondo Penco, la legge introduce sei nuove misure per migliorare il settore dell'olio d'oliva spagnolo:

  • Il divieto di mescolare diverse categorie di oli di oliva o di miscelare olio di oliva con altri oli vegetali;
  • Il divieto di utilizzare i termini  "vergine ”e  "extra vergine” per qualcosa di diverso dagli oli di oliva;
  • Il divieto di raffinare o deodorare il prodotto all'interno dei molini;
  • L'introduzione dei tappi antitopping nei ristoranti;
  • Il divieto di vendere direttamente ai consumatori confezioni di olio d'oliva superiori a cinque litri;
  • Un nuovo registro digitale.

Unaprol ha notato come il nuovo registro digitale chieda ai produttori di dichiarare le spedizioni di olio d'oliva in un modo che ricorda da vicino il registro digitale che l'Italia ha già adottato per migliorare tracciabilità dell'olio d'oliva e conformità dell'etichettatura.

Il meccanismo di tracciabilità spagnolo richiede documenti di accompagnamento specifici per tutti i movimenti di olio d'oliva. Questo vale anche per l'olio di oliva sfuso, che deve essere accompagnato da un'analisi certificata volta a garantire che il profilo del prodotto trasportato corrisponda alla categoria di qualità dichiarata.

"L'implementazione di nuovi livelli di tracciabilità e identificazione dell'olio d'oliva è piuttosto rilevante poiché le nuove regole richiedono l'identificazione, l'analisi e la classificazione degli oli d'oliva prima di lasciare i frantoi e l'utilizzo di una piattaforma moderna e informatizzata ", ha affermato Penco. "Ciò impedirà o almeno renderà difficile l'esecuzione di determinate miscele e pratiche di olio d'oliva vietate ".

Unaprol ha notato come le nuove regole richiedano che le spedizioni di olio d'oliva certificato in Spagna vengano comunicate entro 24 ore dall'inizio del loro trasporto, un limite di tempo che la normativa italiana fissa a cinque giorni.

"Questa è un'evoluzione rilevante che rende le cose molto difficili per i giocatori disonesti che operano su scala globale", ha affermato David Granieri, presidente di Unaprol. "Trasparenza e tracciabilità sono fondamentali per tutelare sia i produttori che i consumatori”.

Rafael Pico Lapuente, direttore dell'Associazione spagnola di esportazione, industria e commercio di olio d'oliva (Asoliva), Ha detto Olive Oil Times che le nuove regole "hanno un principio ispiratore, che è quello di rafforzare i controlli sugli oli di oliva. Ciò garantisce anche una migliore qualità del prodotto e guadagna la fiducia dei consumatori”.

Secondo Unaprol, costruire la fiducia dei consumatori e proteggere la qualità è essenziale per proteggere il mercato dell'olio d'oliva. Pertanto, l'organizzazione ritiene che le nuove regole armonizzate dovrebbero essere ampiamente adottate a livello internazionale.

"È il momento di estendere regole e procedure volte a preservare la sicurezza, la qualità e la reputazione dell'olio d'oliva, sia a livello europeo che internazionale ", ha affermato Granieri.

Vedi anche: L'Italia pronta a infliggere un duro colpo ai pirati dell'agrobusiness

"All'interno di un mercato globale, non possiamo accettare la coesistenza di procedure di controllo diverse che finiscono per penalizzare i Paesi più virtuosi”, ha aggiunto. "Lo stesso approccio dovrebbe essere esteso anche alle altre norme che comportano la percezione dell'olio d'oliva da parte del consumatore, come il tappo anti-topping o il divieto di olio d'oliva rinnovato che tutelano sia i consumatori che i produttori.

Tuttavia, tale armonizzazione dovrà superare alcuni ostacoli.

Lapuente ha detto che il nuovo "La regola degli standard di qualità riguarda solo la Spagna poiché vieta alcune pratiche locali che non coinvolgono altri paesi all'interno dell'Unione Europea”.

"Ad esempio la separazione [delle attività produttive] dei nuovi impianti industriali”, ha aggiunto. "Ciò potrebbe influire sulla competitività delle aziende spagnole rispetto ad altri paesi europei o aziende al di fuori dell'UE".

La questione della creazione di uno sforzo coordinato per combattere le frodi e le semplici violazioni delle norme sulla sicurezza alimentare e sulla commercializzazione rimane rilevante nell'UE a causa del numero crescente di incidenti segnalati nel blocco.

Secondo gli ultimi dati, dal 2016 al 2020, le segnalazioni di frode alimentare nell'UE sono passate da 157 a 349, con più segnalazioni per oli e grassi rispetto a qualsiasi altra categoria.

Tuttavia, la relazione annuale dalla rete antifrode agroalimentare dell'UE non elenca tutti gli episodi di frode. Include solo richieste di cooperazione e scambi volontari di informazioni tra gli Stati membri

"Grassi e oli [a 51 rapporti], dove la maggior parte dei casi riguarda l'olio d'oliva, è la categoria di prodotti più notificata nel sistema nel 2020, in modo simile al 2019 ", afferma il rapporto. Pesce e prodotti ittici sono stati i secondi più notificati con 34.

"Gli Stati membri devono eseguire controlli annuali per garantire il rispetto degli standard di commercializzazione dell'olio d'oliva", ha aggiunto il rapporto. "Le non conformità notificate nella banca dati possono non riguardare sistematicamente frodi ma il fatto che le caratteristiche intrinseche dell'olio extra vergine e dell'olio vergine di oliva non siano soddisfatte.

"L'olio d'oliva si degrada nel tempo, soprattutto se le condizioni di stoccaggio e trasporto non sono ottimali", continua il rapporto. "Le notifiche richiedono ulteriori indagini da parte degli Stati membri per distinguere tra autentica non conformità e frode”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti