`Carenza di camionisti, aumenti salariali colpiscono il mercato dell'olio d'oliva negli Stati Uniti - Olive Oil Times

Carenza di camionisti, aumenti di stipendio colpiscono il mercato dell'olio d'oliva negli Stati Uniti

Giu. 29, 2021
Lisa Anderson

Notizie recenti

Prezzi dell'olio d'oliva negli Stati Uniti secondo quanto riferito sono aumentati del 30 percento a causa di forti aumenti salariali per – e una carenza di – camionisti.

Questa statistica scioccante è stata recentemente rivelata sul New York Post da Christopher Pappas, CEO di Chefs' Warehouse, un fornitore per le aziende alimentari in tutto il paese.

La maggior parte dell'aumento viene assorbita dai consumatori a causa dell'aumento dei costi di spedizione e di fornitura.- Cathy Bernell, presidente, Texas Association of Olive Oil

Prima dell'inizio del Pandemia di covid-19, c'era già una carenza di conducenti e circa 88,300 posti di lavoro per camionisti sono stati eliminati nell'aprile 2020 durante le prime fasi della pandemia.

Tuttavia, un forte aumento degli acquisti online derivante dall'epidemia di coronavirus ha aumentato la domanda di camionisti, causando una preoccupante carenza di questi lavoratori. Ad aprile di quest'anno, c'erano 63,000 posti vacanti per camionisti.

Secondo Business Insider, l'aumento della domanda ha comportato un forte aumento degli stipendi per i conducenti, incentivandoli a trascorrere meno tempo in viaggio e più tempo a casa. Ciò ha aggravato la carenza di camionisti.

Oltre a dover pagare i recenti aumenti salariali, i distributori di cibo hanno dovuto iniziare a pagare intermediari per reclutare autisti, aumentando ulteriormente le spese. Ciò ha lasciato sia i consumatori che i produttori a dover pagare il conto.

"La maggior parte dell'aumento viene assorbita dai consumatori a causa dell'aumento dei costi di spedizione e dei costi di fornitura ", ha detto Cathy Bernell, presidente della Texas Association of Olive Oil Olive Oil Times. "Anche gli acquirenti al dettaglio e all'ingrosso stanno sostenendo questi costi aggiuntivi, ma alla fine vengono trasferiti al consumatore”.

"Un sondaggio informale dei produttori di olive del Texas mostra che i produttori non aggiungono un supplemento ai loro costi di spedizione, ma addebitano al consumatore la stessa tariffa che applicano le compagnie di navigazione, quindi il feedback è stato di comprensione anche se frustrante ", ha aggiunto.

Vedi anche: Notizie economiche sull'olio d'oliva

"Dal punto di vista del settore, continueremo a valutare l'impatto di questi aumenti di prezzo insieme al feedback e ai contributi dei nostri olivicoltori del Texas ", ha continuato Bernell.

Tuttavia, secondo Bernell, l'aumento dei prezzi non ha rallentato le vendite di olio d'oliva in Texas.

"Date le attuali circostanze dei mercati alimentari in evoluzione e delle preferenze di acquisto dei consumatori, Olio d'oliva del Texas è rimasto un alimento dinamico e ricercato", ha detto.

Joseph R. Profaci, direttore esecutivo del Associazione nordamericana dell'olio d'oliva (NAOOA), detto Olive Oil Times che molti membri NAOOA hanno espresso preoccupazione per i costi di trasporto.

Tuttavia, a differenza di Bernell, ha affermato che il feedback dei membri della sua associazione ha rivelato che produttori e distributori sono stati lasciati per coprire l'aumento dei prezzi.

"I miei membri riferiscono che, secondo i dati sindacati nazionali delle ultime 24 settimane, i prezzi al consumo per gli oli d'oliva sono in realtà inferiori di circa il quattro percento, il che rappresenta in parte un aumento dei livelli di attività promozionale rispetto allo scorso anno ", ha affermato Profaci.

"Quindi, nonostante tutti questi costi aggiuntivi, i produttori e i distributori di olio d'oliva sono stati costretti ad assorbire la maggior parte se non tutti i costi aumentati ", ha aggiunto.

Profaci ha detto che uno dei motivi è che molti rivenditori "non accetterà aumenti superiori al 10 per cento in queste condizioni per paura di essere accusati di truffe sui prezzi”.

Profaci ha aggiunto che una preoccupazione più significativa rispetto all'aumento dei costi di trasporto per i membri NAOOA era "le condizioni di mercato della domanda e dell'offerta", che hanno portato a "aumenti del 30 percento o più dei costi delle materie prime dell'olio d'oliva. "

Ha detto che il domestico e il globale domanda di olio d'oliva a spillo l'anno scorso con i consumatori che cucinano a casa "a livelli mai visti da decenni, e le loro scelte alimentari sono state fortemente influenzate da un interesse per la salute”.

Tuttavia, ha aggiunto che globale produzione di olio d'oliva è stata "relativamente piatto. "

"Sebbene il consumo sia diminuito del -% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso al culmine della pandemia, è ancora in aumento a due cifre rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente", ha affermato Profaci.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti