`I produttori del sud Italia godono di un altro forte spettacolo alla competizione mondiale - Olive Oil Times

I produttori del sud Italia godono di un altro forte spettacolo alla competizione mondiale

Giu. 30, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Parte della nostra continuazione copertura speciale di 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition.


Alcune delle vittorie più rilevanti per i produttori di olio d'oliva italiani al 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition nasce dal lavoro appassionato e dalla dedizione degli agricoltori delle regioni meridionali d'Italia.

In Campania e Calabria, dove produzione di olio d'oliva è una tradizione amata da generazioni di coltivatori, diversi produttori hanno vinto premi d'oro e d'argento, a conferma della natura unica degli ulivi e dei sapori dell'olio d'oliva di queste regioni.

Queste due regioni sono state colpite da siccità e una serie di eventi meteorologici estremi che ha messo a dura prova il settore agricolo nell'ultimo anno.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva dall'Italia

I Pandemia di covid-19 complicava anche la capacità dei produttori di reclutare lavoratori per la raccolta e commercializzare i loro prodotti, che si aggiungeva a quello che era già uno degli anni più impegnativi della storia recente.

concorsi-europei-i-migliori-olii-produttori-del-sud-italia-goditi-un-altro-forte-mostra-al-concorso-mondiale-tempi

Foto: Masseria dei Nunzi

Secondo l'Istituto nazionale di statistica italiano, produzione in Campania e Calabria, che è la seconda regione produttrice di olio d'oliva del paese, è diminuita rispettivamente del 23% e del 22% nel 2020.

"Gli effetti di cambiamento climatico sono molto reali e la gestione delle attività agricole diventa ogni anno più difficile", Barbara Bibbò, titolare di Masseria dei Nunzi, i cui oli extra vergini di oliva hanno vinto due Gold Awards al 2021 NYIOOC, Ha detto Olive Oil Times.

concorsi-europei-i-migliori-olii-produttori-del-sud-italia-goditi-un-altro-forte-mostra-al-concorso-mondiale-tempi

Foto: Masseria dei Nunzi

"Uno degli eventi più preoccupanti è rappresentato dall'intensità e dalla distribuzione irregolare delle precipitazioni durante l'anno", ha aggiunto. "Il 2020 è stato caratterizzato da un'eccezionale siccità, che ha portato a un calo della produzione, anche se ci ha permesso di mantenere il più alto livello qualitativo».

Situata in una delle zone più belle e remote della Campania, il Sannio, Masseria dei Nunzi ha ereditato una tradizione contadina secolare.

Gli antichi romani iniziarono a coltivare l'olivo nel Sannio e Virgilio, il poeta, dedicò uno dei suoi versi in Georgiche al monte principale della zona, detto Taburno: "Iuvat olea magnum vestire Taburnum", che si traduce in "il grande Taburno dovrebbe essere vestito di ulivi”.

"Nel Sannio, la produzione di olio d'oliva proviene da una cultura consolidata ed è fondamentale per la maggior parte delle famiglie contadine ", ha affermato Bibbò. "Il fatto che i nostri oli d'oliva abbiano vinto il Gold Awards al 2021 NYIOOC è molto importante per noi perché conferma l'alta qualità del nostro lavoro”.

"Convalida anche i risultati del nostro amore per il nostro territorio e per i nostri alberi e la cura che disponiamo durante l'intero processo di produzione e stoccaggio", ha aggiunto.

Masseria dei Nunzi ha ottenuto i due Gold Awards per Terra Oleum, una robusta miscela di olive Racioppella, Leccio del Corno, Pendolino, Olivella, Ortolana e Leccino. L'altro Gold Award è arrivato per l'Oleum San Girogrio dell'azienda, un monocultivar Ortice, originario della Campania e che costituisce il 70 percento degli uliveti dell'azienda.

"Il nome Terra Oleum deriva dalla nostra connessione con i nostri ulivi [endemici] ", ha detto Bibbò. "Crediamo che ogni cultivar possa esprimere appieno le sue qualità solo in quei territori dove è una pianta autoctona”.

"Ortice è rinomato per le proprietà organolettiche uniche del suo olio d'oliva, ma è anche usato come olive da tavola," lei ha aggiunto. "La raccolta avviene solitamente non appena il frutto mostra segni di maturazione e viene eseguita manualmente per preservare le drupe da eventuali danni. Le drupe danneggiate potrebbero innescare processi fermentativi indesiderati e condizionare il prodotto finale”.

Appena a nord-ovest della fattoria di Bibbò nel Sannio, dietro i produttori Fontana Lupo stavano anche celebrando il loro secondo Gold Award consecutivo dal NYIOOC.

concorsi-europei-i-migliori-olii-produttori-del-sud-italia-goditi-un-altro-forte-mostra-al-concorso-mondiale-tempi

Foto: Fontana Lupo

Nelle colline che circondano Napoli, la famiglia Petrazzuoli gestisce uliveti che si estendono per circa sette ettari tra Ruviano e Caiazzo, sempre in Campania. Situati ad un'altitudine di 500 metri, gli oliveti sono protetti dai boschi limitrofi e mantenuti dalla famiglia Petrazzuoli da generazioni.

"La nostra terra è da sempre il cuore della mia famiglia per cui conosciamo la sua storia e sappiamo anche come è stato curato il territorio”, racconta Giovanni Petrazzuoli, titolare dell'azienda. Olive Oil Times.

Questa intima conoscenza del territorio conferisce alla famiglia Petrazzuoli un vantaggio competitivo, ha affermato, consentendo loro di salvaguardare meglio la salute degli alberi e osservare attentamente ciò che accade negli uliveti. La secolare tradizione olivicola della famiglia ha inciso anche sul cognome.

"La famiglia Petrazzuoli ha una storia antichissima che risale al 12th secolo, periodo in cui il Principe di Capua affidò la cura della propria terra ad alcuni membri della famiglia Petra che, con riconosciuta maestria, iniziarono la produzione dell'olio d'oliva”, ha affermato Petrazzuoli.

"L'olio di Petra, già rinomato all'epoca, ha contribuito alla modifica del nome della famiglia, da Petra a Petra-zzu-Oli, racchiudendo nel nome la tradizione olivicola della famiglia”, ha aggiunto.

Fino ad oggi, la famiglia continua ad utilizzare solo raccolta tradizionale e metodi di produzione nei loro uliveti.

Tra le pratiche che continuano a seguire c'è l'uso del sovescio per nutrire gli alberi, una tecnica che risale al 19th-secolo.

"Fertimiamo il terreno piantando leguminose ai piedi degli ulivi, che fissano l'azoto prelevato dall'atmosfera nelle loro radici ", ha detto Pettrazzuoli.

Una volta arati i fagioli, i rifiuti delle piante si decompongono nel terreno e le radici degli ulivi assorbono l'azoto.

Tuttavia, uno degli aspetti più singolari della zona è l'abbondanza di acqua sorgiva. Il nome della Fontana Lupo, vincitrice d'oro, deriva dall'abitudine dei lupi locali che, durante le calde estati, escono dai boschi e bevono l'acqua da una vicina fontana.

"La fontana è ancora qui e funziona", ha detto Petrazzuoli. Fontana Lupo è un blend medio composto dalle cultivar Ortice, Caiazzana e Frantoio.

Al vertice della vicina Calabria, dietro i produttori Donato Parisi 's Olio di Calabria Biologico IGP ha vinto un Gold Award, confermando ancora una volta l'elevata qualità degli oli extra vergini di oliva dell'azienda.

concorsi-europei-i-migliori-olii-produttori-del-sud-italia-goditi-un-altro-forte-mostra-al-concorso-mondiale-tempi

Il team di Donato Parisi (Archivio OOT)

"Seguire i protocolli di produzione biologica ci permette l'opportunità di salvaguardare la biodiversità e offrire al consumatore una filiera di produzione certificata, che dimostri che l'olio d'oliva non contiene fertilizzanti chimici sintetici o pesticidi pericolosi per la salute umana ", ha detto Enrico Parisi, proprietario dell'aziendo olive oil Times.

L'olio d'oliva monovarietale vincitore del Gold Award proviene dalla cultivar Tondina, originaria della Calabria.

"Tondina offre un profilo sensoriale armonico con fruttati verdi e note di erba, foglie, carciofo e pomodoro maturo”, ha detto Parisi. "La nostra selezione è espressa dal Indicazione geografica protetta della Calabria, che è la sintesi ideale di cultivar autoctone, clima e paesaggio”.

Parisi ritiene che la vera sfida per i produttori di olio d'oliva sia quella di migliorare ulteriormente la conoscenza dell'olio extra vergine di oliva da parte dei consumatori.

"Dovremmo anche lavorare affinché i consumatori imparino a leggere correttamente il etichette di olio d'oliva, dal momento che molti considerano ancora l'olio extra vergine di oliva un semplice ingrediente mentre è, invece, una specialità alimentare ", ha affermato.

Tuttavia, le cose stanno cambiando, ha aggiunto Parisi, poiché sempre più consumatori scelgono oli extra vergini di oliva di alta qualità. Ha sottolineato che il Strategia dalla fattoria alla tavola dell'Unione Europea è destinato a impattare su tutta la filiera.

"Tuttavia, dobbiamo concentrarci sull'olio d'oliva italiano al 100%, mentre in Italia la produzione nazionale è significativamente inferiore al consumo totale ", ha affermato Parisi. "Ecco perché le organizzazioni di produttori potrebbero favorire una cooperazione crescente per raggiungere tutti insieme obiettivi comuni”.

Situata sulle colline di una delle zone più suggestive della Calabria, la famiglia Frisina Regenass guadagnato un Gold Award per la sua Olio Frisina, una Carolea monovarietale, cultivar autoctona che da secoli punteggia le colline calabresi.

concorsi-europei-i-migliori-olii-produttori-del-sud-italia-goditi-un-altro-forte-mostra-al-concorso-mondiale-tempi

Foto: famiglia Frisina Regenass

La sfida principale per la famiglia è ancora una volta mantenere la loro produzione di alta qualità nonostante le sfide create dai cambiamenti climatici.

"La stagione della raccolta è andata bene, ma dobbiamo tenere d'occhio le alte temperature, che hanno continuato a salire negli ultimi anni", ha detto Anita Regenass, titolare dell'azienda. Olive Oil Times.

"La vita per chi coltiva i frutti della terra è sempre stata dura, e sempre lo sarà", ha aggiunto. "I ripetuti eventi meteorologici estremi lo rendono ancora più difficile”.

Secondo Regenass, la maggior parte dei consumatori non si rende conto di cosa significhi lavorare in tempi di cambiamento climatico.

"L'agricoltura dovrebbe essere descritta in modo più dettagliato ai consumatori", ha affermato Regenass. "Non sanno davvero cosa c'è dietro un prodotto alimentare e non ne capiscono il valore”.

"Il cambiamento climatico per noi non sarà una minaccia diretta, ma è una sfida in arrivo per la produzione", ha aggiunto. "Dovranno essere implementate tecniche e tecnologie di raffreddamento sviluppate e testate di recente”.

Regenass crede che la qualità dell'olio d'oliva di punta dell'azienda sia stata mantenuta negli anni nonostante queste sfide dovute alla cura speciale che i coltivatori mettono in ogni singola fase della produzione.

"Ciò di cui hai bisogno è la cruciale tecnologia avanzata del frantoio, ma il trucco sta nel fare il meglio che puoi in tutte le fasi della produzione, dagli ulivi allo stoccaggio ", ha affermato Regenass.

Ottenere olio d'oliva di alta qualità dalla cultivar Carolea è una vera sfida, ha sottolineato Regenass.

"Coltivare Carolea non è un compito facile, data la sua sensibilità alle infestazioni fungine, al Mosca della frutta e alla sua tendenza ad alternare gli anni di produzione e di arresto", ha detto. "Tuttavia, l'olio d'oliva Carolea è molto armonico, senza note in eccesso, e il consumatore lo apprezza davvero.

Tornati in Campania, nel cuore di uno dei tanti siti italiani Patrimonio dell'Umanità UNESCO, dietro i produttori La Casa del Sole hanno celebrato il loro Silver Award dal 2021 NYIOOC.

concorsi-europei-i-migliori-olii-produttori-del-sud-italia-goditi-un-altro-forte-mostra-al-concorso-mondiale-tempi

Foto: La Casa del Sole

"Raccogliamo le nostre olive una per una a mano, senza nemmeno usare il pettine”, racconta Margherita Romio-Persico, titolare dell'aziendo olive oil Times. "La nostra tradizione è quella di monitorare costantemente come si sviluppano e maturano le drupe in modo da intervenire immediatamente se dovesse insorgere qualche agente patogeno”.

Situata nel Parco Nazionale del Cilento, La Casa del Sole ha prodotto prodotti di alta qualità olio extra vergine di oliva biologico per decenni. L'azienda ha prodotto la sua premiata miscela media da olive Leccino, Frantoio e Rotondella.

"Il nostro obiettivo è sempre stato quello di produrre un buon olio d'oliva biologico, con le nostre famiglie come primi consumatori ", ha affermato Romio-Persico. "La scelta del biologico potrebbe penalizzare i volumi di produzione, ma favorisce l'ambiente e la ricerca della qualità”.

Sulle colline della suggestiva location dell'azienda, proprio sulla rinomata Costiera Amalfitana, l'ultima stagione è andata meglio che altrove nella regione ma non ha raggiunto il suo pieno potenziale.

"Consideriamo la stagione 2020 una stagione di raccolta media, condizionata dalla siccità", ha affermato Romio-Persico. "Anche se non sappiamo cosa possiamo aspettarci per la prossima stagione, sappiamo che dovremo tenere d'occhio gli agenti patogeni e la siccità".


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti