`Il favoloso olio d'oliva di Ayvalik - Olive Oil Times

L'olio d'oliva favoloso di Ayvalik

Ottobre 14, 2010
Byron Ayanoglu

Notizie recenti

Di Byron Ayanoglu

Ayvalik, Turchia - Questa città di mare straordinariamente bella e la sua annessa e rilassata isola di Cunda / Alibey è una destinazione di vacanza di cui innamorarsi all'istante. Ancora di più durante i pasti per i suoi eccellenti prodotti locali, il pesce freschissimo, la cucina tradizionale terrosa ma leggera, e soprattutto per il suo olio extravergine di oliva autoctono.

Quest'ultimo motivo è ovvio in Turchia, poiché Ayvalik è inseparabile dalla nozione di olio d'oliva, essendo questa la casa della versione migliore, più fruttata, più liscia, più dorata e deliziosa del condimento liquido, che la nazione mangia ad ogni singolo mangiare occasione della giornata a partire dalla colazione.

Questa zona, sulla sponda nord-orientale dell'Egeo, è eguagliata solo da Creta e dalla Toscana per il clima ideale e il giusto suolo, la giusta elevazione sulle colline che sorgono direttamente dalle spiagge. In queste condizioni crescono le olive mediterranee più perfette per maturare per la loro spremitura in tarda autunno, come hanno fatto ininterrottamente per millenni.

I piccoli frutti vivificanti verde / viola sono stati coltivati ​​qui da tempi immemorabili e frantumati per produrre il loro prezioso olio, usato per sempre in tutti gli aspetti più fini della vita civile, dalle offerte sacre, alla pulizia del corpo e al nutrimento della pelle, e di Ovviamente in tavola dove le sue magiche qualità possono esaltare anche l'ingrediente più umile in una prelibatezza.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

La storia di Ayvalik è stata avviata nel Neolitico da migranti provenienti dalla Mesopotamia e da Creta, e prosperò per tutto il periodo ellenistico, le conquiste romane, l'era bizantina che punteggiava il paesaggio con chiese greco-ortodosse, e poi cinquecento anni di ottomani musulmani che sostituì i crocifissi con i minareti lasciando intatti gli edifici in cui adorare lo stesso Unico Dio da una prospettiva diversa.

Solo l'olio d'oliva è rimasto una costante durante tutte queste conquiste seriali e cambi di regime, sopravvivendo intatto fino ai giorni nostri per risplendere verginale e libero nella gola della Turchia moderna. Curiosamente, e nonostante la riscoperta e il culto in tutto il mondo dell'olio d'oliva, l'olio Ayvalik è conosciuto e consumato solo in Turchia.

Chiedo a Rahmi Gençer, presidente esecutivo della Camera di commercio di Ayvalik, il motivo di ciò e cosa si prevede di correggere la situazione.

Rahmi Gençer

La sua risposta rievoca le complicazioni e le difficoltà del lancio di un nuovo prodotto sui mercati esteri. Da anni sono in atto tentativi risoluti per entrare nel mercato europeo, oggi sempre più ristretto dall'avvento dell'Unione Europea e il suo protezionismo in termini di sussidi offerti ai propri membri, i titani dell'olio d'oliva, Spagna, Italia e (a un grado minore) Grecia.

L'Europa, mi dice, non è contraria all'olio d'oliva turco, è solo che è diventato più costoso rispetto alle versioni più note dei suoi vicini mediterranei, e quindi una vendita più difficile. Gençer convoca Mustafa Cömert e Özer Uygun, due importanti grossisti di petrolio, al nostro incontro. Mi dicono che annualmente vengono prodotte almeno seimila tonnellate (di cui il settanta per cento extravergine), la maggior parte delle quali viene spedita all'ingrosso in Italia, dove viene miscelata con una piccola quantità di olio locale e confezionata dai più grandi esportatori come petrolio italiano.

Ayten Tavasoglu

Ed è così che arriva in Nord America anche se nessuno è nemmeno lontanamente consapevole del fatto che stanno acquistando olio Ayvalik quando acquistano una lattina da tre litri a prezzo medio di una grande marca "Il petrolio italiano nei supermercati.

Questo è un affronto alla civiltà stessa, e certamente al palato umano. Perché, nel frattempo, tutti coloro che lavorano nel settore dell'olio Ayvalik stanno compiendo uno sforzo sincero e di buon gusto per accrescere la presentazione e la qualità secondo gli standard dei migliori ovunque. Ci sono circa duecento piccoli produttori indipendenti (ancora non unificati in una cooperativa) che hanno aperto boutique dove in locali simili a gioielleria presentano olio elegantemente imbottigliato per i turisti che si riversano qui in estate.

Visito il Kürsat della città di Ayvalik dove Ayten Tavasoglu posa per noi davanti a una vetrina a specchio dell'olio d'oliva fatto a mano di Asuman Baygin con un aroma fruttato che può essere sviluppato solo con tenera cura amorevole. E nell'adiacente isola di Cunda, mi meraviglio sia dell'olio fruttato che del
miticamente bella serie di bottiglie nel negozio di Kesebir, dove il suo
il sole in trappola ti aspetta per esaltare insalate e pesce grigliato.

Hüseyin Kesebir

Lo stesso Hüseyin Kesebir, un isolano stagionato, come un bel pirata dei vecchi tempi, mi guida attraverso un tour gustativo della cucina locale a base di olio d'oliva. Mi porta al ristorante Lyra sul mare del suo socio, dove assaggio i carciofi che coltivava lui stesso, grigliati sulla carbonella con olio d'oliva e origano di montagna i suoi unici ornamenti. Questo antipasto incredibilmente semplice e delizioso è seguito dagli stessi carciofi in umido con vitello, limone e altro olio d'oliva. Il freschissimo pesce alla griglia reso lussuoso dal manto oleoso, una vera prelibatezza che sembra quasi un ripensamento, e l'insalata di rucola completano il pasto, che si conclude con una piccola torta dolce di crosta di olio d'oliva attorno al formaggio lor (un locale, ricotta di pecora).

Ovviamente è un vero peccato che il meraviglioso olio d'oliva di Ayvalik e la cucina che ne deriva possano essere gustati solo nella sua casa. D'altra parte, offre a coloro che si sforzano di visitare la zona un trattamento economico e indimenticabile.

Tutto ciò che riguarda questa regione deve essere apprezzato. La spensierata
estati di sole e spiaggia; i rigogliosi uliveti della campagna; il suggestivo e storicamente misterioso, vicino a Bergama (Pergamo) con la sua antica Acropoli e Asclepion dove i vecchi templi e le colonne scolpite invitano ancora i fedeli a rendere omaggio a Zeus e a cercare la panacea di acqua sorgiva sacra che ha curato il malato fin dai tempi ellenistici; i panorami della costa ricamata, soprattutto se testimoniato dalle altezze del "Devil's Table ”(Seytan Sofrasi), dove un panorama a 360 gradi toglie letteralmente il fiato.

E, per menzionare ancora una volta, il cibo favoloso in quasi ogni angolo della città di Ayvalik e dell'isola di Cunda. Cerco un posto minuscolo chiamato Fasulye (Fagioli) dove Muazzez Uludere Eris cucina specialità vegetariane a base di olio d'oliva, ovviamente compresi i suoi tipici fagioli. Anche dentro Ayvalik, a solo un isolato dal porto, ho Strasburgo,
Torta di mousse al cioccolato ispirata alla Francia di Yasemin Arbak al Café Caramel (come diversivo dai dolci locali come baklava e seker-paré). Torno a Cunda per altro pesce alla griglia al Lyra, e una pizza insolita, quasi avvincente con ortiche (ora cotte e non minacciose) e il nonno di pastrami, la pasturma extra-pungente e curata localmente, da Ismet Somay's Pizza Uno.

Il suo olio d'oliva rende Ayvalik un luogo magnifico di cui possiamo godere ovunque viviamo se solo riuscissero a superare gli ostacoli e portarcelo a casa.
.
Foto: Algis Kemezys

*

Related News

Feedback / suggerimenti