`Su Nutella, Olio d'oliva e Obesità - Olive Oil Times

Su Nutella, olio d'oliva e obesità

Settembre 2, 2010
Dr. MP Graziani

Notizie recenti

Spedizione dalla dispensa italiana: valori nutrizionali tradizionali contro gustose prelibatezze moderne

Ultimamente due elementi fondamentali della dieta italiana moderna hanno conquistato i titoli dei giornali in Italia. I due cibi sono strani compagni di letto ma sono tra i prodotti più importanti che si possono trovare in ogni cucina italiana: l'olio d'oliva e la Nutella. Mentre il cibo in prima pagina non è di per sé insolito, le storie dicono molto sui cambiamenti contemporanei nei consumi in Italia, un paese che è ancora percepito a livello internazionale come roccaforte di tradizioni sane quando si tratta di mangiare.

Sebbene questi due prodotti famosi condividano un posto nel cuore degli italiani, occupano estremità diverse dello spettro nutrizionale e culturale-tradizionale. Ciò che le ha rese oggetto di vivace discussione è il fatto che entrambe le sostanze sono state oggetto di legislazione internazionale approvata nelle ultime settimane, ma legislazione di natura molto diversa.

Come già coperto dal Olive Oil Times, L'UNESCO, l'agenzia delle Nazioni Unite responsabile della designazione dei siti del patrimonio mondiale e di altri aspetti del successo umano e della storia di valore educativo, culturale o scientifico, ha recentemente incluso un menu per la prima volta nella categoria del patrimonio culturale unico che deve essere protetto e promosso. La dieta è la dieta mediterranea tradizionale e i suoi ingredienti fondamentali - primo fra tutti, ovviamente, è l'olio d'oliva. L'olio d'oliva e le tradizioni culinarie e la cultura su di esso sono state sancite nel patto internazionale - lassù con il Colosseo, il Taj Mahal e le Piramidi - come patrimonio inestimabile per l'umanità, parte di un patrimonio culturale immateriale che dovrebbe essere protetto come un punto di riferimento o luogo sacro.

Solo poche settimane prima, sui media italiani circolavano storie spaventose secondo cui l'esistenza stessa della Nutella - la crema di nocciole-cioccolato creata a Torino che grandi e piccini gustano ogni mattina sui loro croissant - era minacciata dalla nuova Unione Europea anti - legislazione sull'obesità. In realtà, tale legislazione mira solo a vietare la commercializzazione di cibi così ricchi di zuccheri e di grassi in un modo che sembra affermare che sono sani. È quasi come se un prodotto fosse stato dichiarato santo, mentre l'altro fosse stato posto agli arresti domiciliari!

La vicenda Nutella ha suscitato scandalo e indignazione, accolta quasi come un attacco alla sovranità nazionale. Mentre, d'altra parte, la decisione dell'UNESCO che sancisce l'importanza dell'olio d'oliva, e della tradizionale dieta mediterranea di cui è la pietra angolare, è stata accolta con discreto orgoglio e relativa calma - come se fosse semplicemente una conferma di ciò che tutti abbiamo sempre saputo : la dieta tradizionale è
salutare; alla base delle culture mediterranee.

Tuttavia, il fatto che la dieta sia immutata e dell'età è proprio ciò che l'ha vista perdere terreno - anche in quei paesi tradizionali come l'Italia, come in altri - a nuove abitudini alimentari e alle loro ripercussioni. Queste ripercussioni hanno incluso un notevole aumento del numero di persone in sovrappeso o obese. Nel suo Rapporto sulla salute europea del 2005, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), l'agenzia delle Nazioni Unite responsabile per le questioni sanitarie, ha definito l'obesità come una vera e propria epidemia che si sta diffondendo in tutta Europa, dove più della metà della popolazione adulta supera la soglia di "sovrappeso "e tra il 20 e il 30% sono clinicamente obesi. Inoltre, l'obesità infantile è in aumento in Europa.

L'obesità è definita come un accumulo anormale o eccessivo di grasso che presenta un rischio per la salute per una serie di malattie croniche, tra cui diabete, malattie cardiovascolari e cancro. A causa della velocità con cui queste condizioni si stanno diffondendo nel mondo, organizzazioni internazionali come l'UNESCO e l'OMS stanno proponendo diverse strategie di intervento. L'alimentazione e l'attività fisica sono due dei fattori più importanti, e spesso sono molto legati alle abitudini e agli stili di vita culinari che, radicati in diversi gruppi sociali, rappresentano un patrimonio di tradizioni. Questi definiscono varie identità culturali e sono in grado di bilanciare gli eccessi di un'era postmoderna sovra-globalizzata. La dieta mediterranea ha quindi ottenuto un posto privilegiato tra le strategie alimentari consigliate, propugnando così un maggiore utilizzo di verdura, frutta, nonché un maggiore utilizzo di grassi vegetali - primo fra tutti, l'olio d'oliva - al posto dei grassi animali come il burro.

I dati pubblicati recentemente dal Ministero della Salute italiano hanno descritto una popolazione in gran parte in sovrappeso e in molti casi obesa. La situazione in Italia varia da regione a regione. In Campania, che ha uno dei tassi peggiori, si stanno organizzando molte iniziative volte a promuovere uno stile di vita e una dieta migliori. Alcune associazioni italiane, in linea con il concetto di Patrimonio Culturale Immateriale dell'UNESCO, stanno organizzando programmi volti a risvegliare e rafforzare il riconoscimento di prodotti tradizionali sani, ad alto valore nutritivo e con effetti positivi sulla salute umana.

Uno dei progetti proposti consisteva nell'offrire agli alunni delle scuole spuntini preparati con ricette tradizionali mediterranee, una delle quali della semplicità più elementare: una buona fetta di pane fresco, con olio d'oliva e sale. Lo scopo di questo era mostrare ai bambini le loro radici culturali e, si spera, dare loro qualcosa di attraente che contrasti con le nuove abitudini alimentari, che sono generalmente caratterizzate da una dieta povera e monotona, molte calorie, proteine ​​animali, grassi saturi.

Tra i grassi vegetali, l'olio, e soprattutto l'olio d'oliva, perché è un prodotto antico e tipico che da sempre fa parte dell'area mediterranea, ha giustamente occupato un posto importante nella politica culturale. L'esportazione di olio d'oliva e il miglior stile di vita delle zone in cui viene prodotto possono essere, se ben utilizzati, uno dei fattori utilizzati per combattere l'obesità, l'eccesso di cibo e la mancanza di movimento ma anche, in senso più generale, possono aiutare a promuovere la salute in quanto ha definito l'Organizzazione Mondiale della Sanità - uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non
semplicemente l'assenza di malattia o infermità.

Come ho discusso in un altro articolo per Olive Oil Times, nel fantastico mondo degli spot pubblicitari, il simbolismo dell'olio d'oliva è forte. In quel mondo l'olio d'oliva è associato a concetti antichi e fondamentali come la terra, la tradizione, l'essere genuini, l'amicizia, la cordialità. L'olio d'oliva è descritto usando una realtà che è molto difficile da trovare al giorno d'oggi: un mondo di sogno con una campagna infinita di campi incontaminati, valli paradisiache e persone umili e felici ritratte in scene contente di vita quotidiana, donne mediterranee con i capelli raccolti sotto un velo , guance rosee e robuste, impegnate a raccogliere olive.

Ma come sappiamo, quell'immagine è lontana dalla realtà delle massicce piantagioni di ulivi di oggi che si estendono su vaste aree del paesaggio mediterraneo e altrove. Il potere simbolico dell'oliva e del suo olio è legato alla forza e alla forza di un passato che la tecnologia ha certamente migliorato ma anche annullato. Poiché l'olio d'oliva è diventato una merce globale, la sua produzione è stata industrializzata e ampliata quasi al di là del riconoscimento, anche in Italia.

Tale cambiamento in Italia non è stato visto solo dal lato della produzione dell'equazione. Anche le abitudini e i comportamenti hanno iniziato a cambiare dal punto di vista del consumo. Mentre l'olio d'oliva occupa ancora indubbiamente uno spazio quasi sacro nella cappella della casa italiana, la cucina, le moderne generazioni di italiani - come altri in Europa - consumano sempre meno pasti a casa. Ricercatori sulla motivazione delle scelte alimentari presso l'Università di Roma "La Sapienza ”ha guardato un gruppo di studenti medi. I risultati hanno rivelato come le loro scelte alimentari siano influenzate dall'emotività, dall'imaging e dalla suscettibilità ai messaggi pubblicitari e commerciali, dimostrando che il più grande desiderio di consumo era stimolato da snack pronti e pre-preparati. Gli scienziati dell'alimentazione concludono che le persone mangiano questi prodotti moderni e facili principalmente non perché hanno fame ma, piuttosto, a causa di comportamenti edonistici, compulsivi o emotivi. Tali snack non tradizionali sono generalmente molto ricchi di calorie, ricchi di zuccheri e grassi saturi e ricchi di proteine ​​animali. Hanno un buon sapore. L'appetibilità di questi snack è elevata e alla fine della giornata sono causa di un errato apporto calorico.

Perché allora, se le informazioni nutrizionali sono così chiare, non smettiamo di mangiare ciò che è cattivo e iniziamo a mangiare ciò che è buono? La risposta può essere trovata in due parole: gusto e appetibilità. Questi due componenti nel cibo preparato sono principalmente dati dai suoi componenti grassi e dolci. La funzione del nostro cervello che controlla la fame in assenza di un reale bisogno di cibo è governata dall'edonismo. Ciò complica molto la situazione perché in questo caso i fattori che portano ad una certa scelta sono tanti e complessi. Alcune ricerche dimostrano che l'edonismo vince sul fattore cognitivo. Il consumo disordinato di calorie è il frutto della coazione a ripetere l'uso di prodotti che generano, anche per breve tempo, benessere fisiologico e psicologico; qualcosa che rilassa dall'ansia di consumare, masticare, mordere qualcosa di gustoso - un vero mini circuito di dipendenza, che è difficile da spezzare.

È quindi necessario che il consumatore diventi consapevole e responsabile dei processi delle proprie scelte, interrogandosi sulle sue motivazioni, analizzando gli effetti calorici e le componenti nutrizionali. Ad esempio: è vero che l'olio d'oliva fa bene, ma dobbiamo comunque tenere a mente le calorie! Una quantità di 10 g di olio extravergine di oliva, detto il "quantità di benessere ”in italiano - che equivale a un cucchiaio da minestra - contiene circa 90 kcal. Le attuali linee guida suggeriscono un consumo giornaliero sano di olio d'oliva di circa 2-3 di queste unità e un'assunzione settimanale totale di 200 g.

pubblicità

Le abitudini alimentari sono importanti quanto ogni altro comportamento umano di cui siamo attori e testimoni della nostra vita. Dovremmo agire spinti non solo dal nostro piacere e dalla nostra emozione, ma anche dalla conoscenza e dalla razionalità che sono la struttura della capacità o incapacità di prendere tutti i tipi di decisioni durante la nostra vita. Se le linee guida, le leggi o i proclami governativi devono valere qualcosa, devono essere accompagnati da sforzi educativi per portare a casa il messaggio di come e perché queste cose contano e di come possono avere un impatto sulle nostre vite - nel Mediterraneo e oltre . Nello spazio tra marketing e realtà, c'è spazio di intervento che aiuta a informare e guidare i consumatori a fare scelte più consapevoli.

Si spera che lo scambio culturale tra i Paesi in cui è nato il Patrimonio Culturale Immateriale della dieta mediterranea e altri Paesi possa anche aiutarli ad adottare politiche nutrizionali che identificano l'olio d'oliva come elemento fondamentale di una dieta sana. Questo è importante soprattutto per i bambini perché se una certa abitudine alimentare viene introdotta precocemente nella vita, è poi in grado di influenzare positivamente il loro approccio al cibo in età adulta. Per tornare alle radici dell'olivo nella cultura mediterranea, ricordiamo quanto si dice al riguardo nel Talmud: "è più facile coltivare un ulivo in questa terra che crescere un bambino ”. Sembra che più progressi facciamo, più dobbiamo imparare guardando indietro alle nostre radici, e momenti come questo ci sono utili per fare il punto sulle nostre abitudini e sul loro valore.

Related News

Feedback / suggerimenti