`L'olio d'oliva scorre al momento del raccolto a Creta - Olive Oil Times

L'olio d'oliva scorre al momento del raccolto a Creta

Dicembre 2, 2010
Curtis Cord

Notizie recenti

I funzionari locali si sono rivolti ai giornalisti di otto paesi a Creta oggi per aprire un evento di tre giorni che promuove l'olio d'oliva dell'isola all'estero. Il programma è stato finanziato dal Consiglio oleicolo internazionale, dall'Istituto per gli ulivi e le piante subtropicali di Chania e dall'accordo di qualità cretese.

Dopo l'accoglienza dei leader civici, una serie di conferenze ha offerto una panoramica dei fattori che influenzano la qualità dell'olio d'oliva, la valutazione organolettica di alcune varietà locali e dati a sostegno dei benefici per la salute della dieta tradizionale di Creta, come la bassa morbilità dei cretesi che si dice essere i leader mondiali nel consumo di olio d'oliva.

I visitatori sono stati trattati da un clima insolitamente caldo poiché gli ulivi, che sembravano essere ovunque sull'isola di 3,200 miglia quadrate, erano carichi di frutta. La raccolta è stata assistita durante tutta la giornata, prevalentemente con rastrelli motorizzati, sulle ripide colline che caratterizzano la coltivazione occidentale di Creta. I sacchetti pieni delle piccole olive Koroneiki verde-viola che dominano la regione giacevano alla fine dei vialetti per essere raccolti. Al crepuscolo si formarono file di camioncini presso i mulini locali e pallet accatastati con il raccolto del giorno
aspettato fuori.

Un mulino era gestito da Terra Creta. Installato lo scorso anno, l'impianto di lavorazione da 2 milioni di euro ha pulito, frantumato e pressato in un processo continuo la frutta di circa 15 aziende agricole regionali e i suoi alberi che costituiscono l'8% della sua produzione totale, secondo le proiezioni raggiungeranno un milione di chili quest'anno.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Terra Creta Il responsabile delle esportazioni Fotis Sousalis ha dichiarato che l'70% della produzione dell'azienda proviene dall'origine designata Kolymvari della Creta nordoccidentalee il 15% è biologico. Le vendite negli Stati Uniti rappresentano un terzo del fatturato annuo, a seguito degli ingressi di successo nelle catene di supermercati regionali, più recentemente nel sud-est.

Mentre i produttori della regione affrontano le scoraggianti sfide del mercato dei prezzi mondiali storicamente bassi, della forte concorrenza dei giocatori emergenti e delle aspettative di qualità più elevate da parte di un consumatore sempre più istruito, Sousalis spera di stringere relazioni a lungo termine con le aziende agricole locali.

Ha detto che le cooperative della zona hanno chiuso anni fa e una collaborazione contrattuale è stata vista come un importante passo successivo che avrebbe consentito all'azienda e ai suoi partner di competere con concorrenti così ben organizzati.

In segno dei tempi, sulle etichette dei produttori cretesi compaiono livelli di acidità e codici di lotto per assicurare agli acquirenti che il prodotto è al di sotto della soglia di extravergine dello 0.8% della Comunità Europea. Tuttavia, la maggior parte dei livelli osservati era compresa tra il 5 e il 6 percento, che è notevolmente superiore all'acidità comunemente associata agli oli d'oliva premium. Ovviamente su quest'isola che fornisce il 5% dell'olio d'oliva mondiale, ci sono produttori che producono oli con una vasta gamma di livelli di qualità e prezzo.

Su una strada tortuosa fino alla cima di una collina con una vista incredibilmente perfetta sul Mar Mediterraneo, uliveti verdi profondi e scogliere rosse, Biolea ha segnato un contrasto con il ronzio della produzione automatica.

Gestito dal marito e dalla moglie di George Dimitriadis e Christine Lacroix, Biolea ha deciso un approccio aziendale guidato da tre principi: sostenibilità, qualità dell'olio d'oliva e trasparenza.

I suoi boschetti collinari sono mantenuti senza irrigazione. All'interno, maestranze qualificate hanno mostrato ai visitatori metodi antichi e sempre più rari utilizzando un mulino a pietra e torchi tradizionali. Dimitriadis ha affermato che le innumerevoli decisioni divise prese dai lavoratori del mulino durante il processo si traducono in una qualità dell'olio difficile da ottenere con i mezzi moderni. I tempi ottimali di molitura variano a seconda, ad esempio, della maturità del frutto.

Dimitriadis ha anche notato che, poiché il suo mulino a pietra non polverizza completamente le fosse e la pelle, quegli elementi non contribuiscono con la loro amarezza all'olio come fanno nei moderni frantoi risultando, ha detto, nel profilo del suo olio. Sostiene che questo trattamento più delicato conserva più proprietà salutari del frutto. Un assaggio di olio d'oliva spremuto pochi minuti prima ha rivelato un gusto delizioso: verde, fruttato, di media intensità e meno amaro rispetto ad altre degustazioni locali.

Ad ogni svolta i visitatori internazionali sono stati accolti con una calorosa ospitalità e piatti tipici cretesi, tanto deliziosi quanto ricchi di olio extravergine di oliva. Non è difficile vedere come il cretese medio consuma un'incredibile quantità media di consumo che si dice superi i 35 litri all'anno.
.
.

Related News

Feedback / suggerimenti