` La più grande fattoria in Francia? Prendi la metropolitana - Olive Oil Times

La più grande fattoria in Francia? Prendi la metropolitana

Marzo 8, 2011
Laura Rose

Notizie recenti

"Il destino delle nazioni dipende dal modo in cui mangiano. "

Così ha detto il famoso politico e gastronome francese del XVIII secolo, Jean Anthelme Brillat-Savarine sono parole che sembrano guidare la canonizzazione francese del loro cibo.

La cucina francese viene mantenuta e insegnata alle giovani generazioni con almeno la stessa diligenza delle arti e della lingua francese. Una parte importante di questa tradizione è il cuore filosofico e commerciale della gastronomia francese, il gigante annuale Salon de l'Agriculture a Parigi, mettendo in mostra gli agricoltori della nazione e il loro impegno virtuoso nella produzione dei migliori prodotti.

Sempre un grande affare, lo spettacolo è visitato ogni anno dai presidenti passati, presenti e futuri, nonché da autobus carichi di scolari a cui viene insegnato da dove proviene il loro eccellente Camembert. L'ampia sala espositiva di Porte de Versailles si trasforma in una fattoria colossale, con mucche, pecore, capre, galline e altri animali intorno per un'ispezione ravvicinata: l'attrazione principale per i bambini. La possibilità di assaggiare il meglio dell'enogastronomia francese attira masse di adulti. Il momento clou è il Concorso agricolo generale, che premia i migliori produttori con medaglie d'oro, d'argento e di bronzo nelle loro categorie dal 1843.

Quest'anno ha segnato una maggiore consapevolezza per lo spettacolo sempre intenso, poiché solo pochi mesi fa l'UNESCO ha inserito la cucina francese nella sua venerata lista del patrimonio culturale umano. In risposta, il tema di quest'anno è stato il "Modello alimentare francese ". Questo si riferisce a un modo di mangiare che significa molto di più dei classici piatti gallici. Riguarda il modo di consumare il cibo: i tre pasti al giorno radicati, con un'ultima cena conviviale in famiglia che chiude la giornata. Si tratta dei metodi di cottura, tramandati da generazioni e ripetuti con cura. Si tratta, prima di tutto, della qualità degli ingredienti, di un impegno e di un know-how che producono i migliori oli, formaggi, prodotti, carni e vini, quindi si tratta soprattutto dei contadini.

Il programma di dieci giorni è ricco di eventi di ogni possibile relazione con il cibo. Jacqueline Bellino teneva letture e copia firmata del suo libro, Pour l'Amour de l'Olivier (per l'Amore dell'Oliveto). Un immenso bar fornito di oli d'oliva provenienti da tutte le regioni a sud di Parigi ha offerto la possibilità di provare le numerose varietà e terroir della Francia, con oltre 700 degustazioni giornaliere. Gli oli d'oliva di Nizza hanno ricevuto una buona spinta dall'Unione delle olive di Nizza, che ha preparato e regalato migliaia di pezzi del locale brissaouda, una fetta di pane tostato strofinata con aglio e extravergine fresco 2011 olio d'oliva.

Hanno promosso l'etichetta del governo classificato DOP (Denominazione di Origine Protetta) di Nizza e della regione circostante della Provenza, e con ragione. Nell'ambito del grande concorso per le medaglie d'onore finali, sette delle undici categorie DOP per l'olio d'oliva sono in Provenza. Produttori come Château Virant, che ha vinto tre medaglie d'oro e una d'argento, sarà in grado di apporre sulle loro bottiglie la preziosa foglia di quercia simbolo della concorrenza, che funge da guida rispettata per i consumatori, aumentando le vendite e incoraggiando l'eccellenza e la concorrenza continua nella produzione il miglior cibo per la Francia.

Related News

Feedback / suggerimenti