` Israele ospita TerraOlivo Extra Virgin Olive Oil Competition - Olive Oil Times

Israele ospita TerraOlivo Extra Virgin Olive Oil Competition

Agosto 5, 2010
Liz Tagami

Notizie recenti


Lourdes Toujas, Argentina e Isabel Mazzucchelli, Uruguay

La scorsa settimana 24 giudici internazionali dell'olio d'oliva di cinque paesi hanno partecipato a un nuovo concorso di olio extravergine d'oliva tenutosi in Israele. Gli organizzatori di TerraOlivo hanno attirato 189 partecipanti da quattordici paesi per questo evento, il che ha consentito a molti produttori israeliani l'opportunità di far giudicare per la prima volta i loro EVOO rispetto ai migliori oli d'oliva di tutto il mondo. Inoltre, un'intera giornata di conferenze, panel e una degustazione guidata è stata offerta al pubblico dopo la competizione, e una cerimonia di premiazione seguita da una cena di gala ha completato l'evento presso l'Hotel Inbal, un luogo a cinque stelle situato a pochi passi dal città vecchia di Gerusalemme, sede di migliaia di anni di storia dell'olio d'oliva.

La risposta dei produttori di olio extravergine di oliva sia grandi che piccoli è stata incoraggiante. La Spagna ha guidato il gruppo con 61 voci seguite da Israele con 46. I produttori italiani hanno presentato 26 EVOO, Portogallo 14 e Argentina 13. Il Cile e gli Stati Uniti avevano ciascuno 6 voci seguiti dall'Uruguay con 5. Croazia e Grecia hanno presentato 3 oli ciascuno, Sud Africa e Turchia 2, e Malta e Palestina 1 petrolio ciascuna. Gli oli di oliva sono stati suddivisi in tre classi per le degustazioni alla cieca: miscele, varietali e oli aromatizzati.

Il calibro dei partecipanti era piuttosto alto con 38 medaglie d'oro assegnate; 70 oli classificati abbastanza alti per guadagnare a "Premio Prestige Gold ”, e sei ottenuto un "Gran Prestige Gold ”.

Il Best of Show è andato alla Olearia San Giorgio Fratelli Fazari SNS dalla Calabria. I risultati completi sono disponibili in fondo a questa pagina.


Dr. Antonio Lauro, capo panel dall'Italia

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

Israele gode di un modesto volume annuale nella produzione di olio d'oliva, simile a quello della California, con meno dell'1% della produzione mondiale, tuttavia è meglio conosciuto per la sua esportazione di conoscenze sull'ottimizzazione della resa delle colture attraverso l'allevamento di piante, l'irrigazione e altre discipline. È un fatto poco noto che Kibbutz Hatzerim sia stato il pioniere della prima attività commerciale di irrigazione a goccia su larga scala e oggi possiede e gestisce Netafim, l'azienda leader mondiale nelle tecnologie idriche che intende aumentare i raccolti e migliorare la produzione agricola preservando la qualità e la quantità di acqua e suolo fertilità.

In questo contesto culturale di ottimizzazione della terra e delle colture, i migliori agronomi di varie fattorie e università sono stati relatori alla conferenza di quest'anno, iniziando con un'introduzione del professor emerito Shimon Lavee, dell'Università ebraica di Gerusalemme, Facoltà di agricoltura e Organizzazione di ricerca agricola ( ARO) presso il Volcani Center for Agricultural Research. Il professor Lavee si distingue per i suoi numerosi risultati accademici e pratici e contributi nella produzione di olive, incluso in parte lo sviluppo delle varietà di olive Barnea e Askal, pubblicando oltre 150 documenti scientifici, servendo come delegato israeliano al Consiglio oleicolo internazionale (CIO) ed ha eletto il suo presidente dal 2000 al 2008. Ha discusso dei risultati di Israele negli ultimi decenni fino ad oggi, osservando "abbiamo un inizio qui. "


Carlos Falcó, Marqués de Griñón, giurato e oratore principale

La signora Mercedes Fernández Albadalejo, capo dell'unità Chimica e standard dell'olio d'oliva del Consiglio oleicolo internazionale è volata da Madrid per fare anche le osservazioni di apertura, seguita dalla conferenza principale dello storico e acclamato produttore D. Carlos Falcó y Fernández de Córdova , il Marqués de Griñón, il cui olio è disponibile nei migliori negozi di tutto il mondo, tra cui Williams-Sonoma negli Stati Uniti. Il Marqués era un oratore dinamico, rivolgendosi al pubblico in inglese e offrendo una panoramica molto accessibile e convincente del suo coinvolgimento personale nel miglioramento dei livelli di polifenoli nell'olio d'oliva nella sua fattoria tramite la selezione delle cultivar, i tempi di raccolta e il metodo di estrazione. Questo è, ovviamente, in risposta alle ultime ricerche sul ruolo che i polifenoli svolgono nella salute umana. Dal 2001 al 2009 il Marqués è stato in grado di aumentare il numero di polifenoli da 110 a 699 (un livello molto alto), senza sacrificare l'armonia e l'equilibrio di un olio. I test indicano che questi EVOO polifenolici più alti non solo godono di proprietà salutari superiori con sapori più alti, ma che la durata di conservazione può essere estesa a oltre 3 anni

Dr. Fathi e El-Hadi, capogruppo, Israele Due lezioni seguite alla lezione, la prima "Olive Oil & Health "ha presentato tre oratori internazionali, che hanno corso contemporaneamente "Olive Oil Branding & Culinary ", che comprendeva anche tre relatori, ma era più orientato alla crescita che al branding. Il dottor Fathi abd el Hadi, fondatore e leader del panel di degustazione per il panel di degustazione certificato CIO di Israele, ha affrontato nuovi orizzonti per l'olivicoltura con l'introduzione di entrambe le nuove cultivar e il crescente utilizzo di altissima densità in Israele; Il dottor Reuven Birger, il capo specialista in olivicoltura per l'Israeli Olive Board si è rivolto all'ottimizzazione della molitura, e il dottor Antonio Lauro, leader del panel di degustazione e consulente dell'olio d'oliva della Calabria, ha parlato di aromi e sapori nell'olio d'oliva.

Nonostante il programma aggressivo, i partecipanti hanno avuto molto tempo per socializzare con i relatori durante le pause, il pranzo e un ricevimento la sera prima della cerimonia di premiazione, e l'entusiasmo per questo evento inaugurale è stato palpabile. TerraOlivo 2010 si è chiuso con una cena di gala per 180 ospiti preparata dall'Executive Chef Inbal Hotel Itzik Barak, che ha caratterizzato l'olio d'oliva nel menu dagli antipasti ai dessert.

Il Sig. Moshe Spak, uno degli organizzatori, è stato molto contento del risultato e non vede l'ora di un evento ancora più grande il prossimo anno. Il prossimo concorso e conferenza TerraOlivo
è indicativamente previsto per aprile 2011. Maggiori informazioni possono essere trovate su TerraOlivo sito web.



Related News

Feedback / suggerimenti