`Australia, Nuova Zelanda Progetto di nuovi standard per l'olio d'oliva - Olive Oil Times

Australia, Nuova Zelanda Progetto di nuovi standard per l'olio d'oliva

Gennaio 4, 2011
Sarah Schwager

Notizie recenti

Di Sarah Schwager
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Buenos Aires

L'Australia e la Nuova Zelanda sembrano destinate ad adottare nuovi standard che stabiliscano regole rigorose per l'etichettatura dell'olio d'oliva in una mossa che potrebbe anche influenzare le importazioni nei paesi.

In una copia di una bozza del nuovo standard per l'olio di oliva e l'olio di sansa di oliva ottenuto da Olive Oil Times, che sono stati tranquillamente rilasciati all'industria locale la vigilia di Natale, i due paesi hanno chiaramente e rigorosamente definito ciascuna classe di olio d'oliva.

Se applicati, i nuovi standard adotteranno il parametro di acidità libera riconosciuto a livello internazionale di 0.8% per l'olio extra vergine di oliva, che alcuni esperti considerano troppo elevato e non ambizioso per il grado più prestigioso dell'olio di oliva.

Le denominazioni consentite per l'etichettatura di oli di oliva naturali commestibili, oli di oliva raffinati e oli di sansa di oliva sono: Olio extravergine di oliva, Olio di oliva vergine, Olio di oliva raffinato, Miscela di olio di oliva raffinato, Olio di sansa di oliva raffinato e Olio di oliva raffinato. Miscela di olio di sansa. Qualsiasi altra denominazione (ad es. Olio d'oliva, olio d'oliva puro, olio d'oliva leggero o leggero, olio d'oliva extra leggero o leggero) "sono espressamente vietati ”, afferma il progetto di norma.

Il progetto di norma chiarisce inoltre che le nuove norme verrebbero applicate a tutti i tipi di olio d'oliva e di olio di sansa di oliva commercializzati in Australia e Nuova Zelanda, non solo quelli prodotti all'interno delle nazioni insulari.

I nuovi standard arrivano sulla scia dell'adozione negli Stati Uniti di una nuova serie di linee guida e, dopo una serie di studi di alto profilo, hanno rivelato la diffusa etichettatura errata degli oli d'oliva. In un test del gruppo di consumatori australiani Scelta lo scorso giugno, è stato scoperto che la metà dei marchi 28 di EVOO venduti nei supermercati australiani non soddisfacevano gli standard dell'International Olive Council (IOC) per la classificazione dell'olio extra vergine di oliva.

Attualmente non esiste uno standard obbligatorio per l'olio d'oliva venduto in Australia.

La bozza di standard stabilisce anche linee guida per fornire un'etichettatura più semplice e chiara per evitare termini fuorvianti e confusi. Nessun aggettivo di alcun tipo (ad es. Premium, Super, Light, Lite, Pure) è consentito se è presentato sulla stessa riga o di uguale o maggiore rilievo rispetto alla designazione approvata sull'etichetta.

"Le parole che descrivono il paese o la regione di origine (ad esempio australiano, toscano, spagnolo, ecc.), Il carattere dell'olio (ad esempio dolce, fruttato, robusto, ecc.) E / o il metodo di lavorazione (ad esempio spremuto a freddo, prima estrazione, ecc.) essere utilizzato solo laddove le informazioni possono essere comprovate e non inducono in errore i consumatori ".

La data di scadenza deve essere dichiarata e supportata da prove tecniche. Non è possibile visualizzare una data superiore a due anni dalla data di imbottigliamento.

Le parole 'prima spremitura a freddo ", 'spremitura a freddo »o simili possono comparire solo per oli di oliva vergini o extravergine ottenuti da una prima spremitura meccanica della pasta di olive mediante un sistema di estrazione tradizionale mediante presse idrauliche. Quelli ottenuti con attrezzature diverse dalle presse idrauliche non possono essere etichettati con la dicitura 'premendo', 'premuto "o simile.

Analogamente, 'estrazione a freddo ", 'frantumato a freddo o simile può essere utilizzato solo per oli di oliva vergini o extra vergini ottenuti per percolazione o centrifugazione della pasta di olive e deve includere condizioni di conservazione specifiche necessarie per garantire la validità della data di scadenza dichiarata sull'etichetta.

"Le indicazioni riportate sull'etichetta non devono indurre in errore l'acquirente, in particolare per quanto riguarda le caratteristiche dell'olio in questione, o attribuendogli proprietà che non possiede, o suggerendo che possiede caratteristiche speciali laddove tali caratteristiche siano comuni alla maggior parte degli oli, "Afferma il progetto di norma.

"Questo standard riconosce che l'olio d'oliva è un prodotto naturale e presenta regolarmente variazioni nella sua composizione chimica. Tutti i limiti in questo standard sono stati stabiliti per adattarsi alle variazioni naturali più comuni, in particolare negli oli d'oliva australiani e neozelandesi, senza compromettere la capacità di rilevare l'adulterazione ".

Il progetto di standard è disponibile per commenti pubblici fino a febbraio 25.

Le caratteristiche di ciascuno degli oli sono:

Oli d'oliva naturali

Olio extravergine d'oliva: olio di oliva naturale avente un'acidità libera, espressa in acido oleico libero, non superiore a 0.8 grammi per 100 grammi e una mediana dei difetti pari a 0;

Olio d'oliva vergine: olio di oliva naturale con un'acidità libera non superiore a 2.0 grammi per 100 grammi e una mediana dei difetti uguale o inferiore a 2.5;

Lampante olio d'oliva: olio di oliva naturale con un'acidità libera superiore a 2.0 grammi per 100 grammi e / o una mediana dei difetti superiore a 2.5;

Oli d'oliva raffinati

Olio d'oliva raffinato: olio di oliva ottenuto da oli naturali mediante metodi di raffinazione che non comportano alterazioni della struttura gliceridica iniziale con un'acidità libera non superiore a 0.3 grammi per 100 grammi;

Raffinata miscela di olio d'oliva: miscela di olio d'oliva raffinato e oli d'oliva naturali idonei al consumo umano, con un'acidità libera non superiore a 0.6 grammi per 100 grammi e una mediana dei difetti uguale o inferiore a 2.5;

Oli di sansa di oliva

Olio di sansa di oliva grezzo: destinato alla raffinazione per uso umano o tecnico;

Raffinato olio di sansa di oliva: ottenuto da olio di sansa di oliva grezzo mediante metodi di raffinazione che non comportano alterazioni della struttura gliceridica iniziale, con acidità libera non superiore a 0.3 grammi per 100 grammi;

Raffinata miscela di olio di sansa di oliva: miscela di olio di sansa di oliva raffinato e oli di oliva naturali idonei al consumo umano, con un'acidità libera non superiore a 0.6 grammi per 100 grammi e una mediana dei difetti pari o inferiore a 2.5.

Questo è un articolo delle ultime notizie. Ricontrolla per aggiornamenti.

Related News

Feedback / suggerimenti