`Dieta mediterranea con olio d'oliva dimostrato di modulare i batteri intestinali, migliorare la sensibilità all'insulina e la sindrome metabolica - Olive Oil Times

Dieta Mediterranea con Olio di Oliva Indicato per modulare i batteri intestinali, migliorare la sensibilità all'insulina e la sindrome metabolica

Febbraio 29, 2016
Jedha Dening

Notizie recenti

Il corpo umano ospita trilioni di batteri intestinali, noti anche come microbiomi, che controllano collettivamente molte delle funzioni del corpo, incluso il sistema immunitario e l'equilibrio energetico. Ora è diventato evidente che un certo equilibrio di batteri intestinali è ottimale per la salute umana. In effetti, è stata fatta un'associazione a dislipidemia, resistenza all'insulina e diabete di tipo 2 quando un individuo sviluppa uno squilibrio nei batteri intestinali. Si ritiene che i cambiamenti nella diversità batterica possano promuovere l'infiammazione, la resistenza all'insulina e la sindrome metabolica.

È stato dimostrato che gli interventi dietetici possono modificare la diversità batterica e fornire uno strumento terapeutico per il trattamento di condizioni che possono essere influenzate dai batteri intestinali. Due studi recenti hanno esplorato come la dieta mediterranea (MedDiet) con olio d'oliva influenza i batteri intestinali, la sensibilità all'insulina e la sindrome metabolica.

Il consumo a lungo termine delle diete Med e LFHCC esercita un effetto protettivo sullo sviluppo del diabete di tipo 2 mediante diversi cambiamenti specifici nel microbiota intestinale.- Ricercatori

Il primo studio, pubblicato il mese scorso nel Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, è stato condotto per un periodo di un anno in 20 partecipanti obesi nell'ambito dello studio CORDIOPREV (Coronary Diet Intervention With Olive Oil and Cardiovascular Prevention).

Lo studio ha confrontato una dieta MedDiet (35% di grassi, 22% monoinsaturi) con una dieta a basso contenuto di grassi e ad alto contenuto di carboidrati complessi (LFHCC) (28% di grassi, 12% monoinsaturi) con i cambiamenti nella diversità batterica correlata alla sensibilità all'insulina e al diabete di tipo 2. La principale fonte di grassi per il gruppo MedDiet era l'olio d'oliva, il team di ricerca che distribuiva l'olio d'oliva a tutti i partecipanti per assicurarsi che fosse così.

Entrambe le diete hanno mostrato cambiamenti nella diversità batterica, ma in modi diversi. Gli autori dicono: "I nostri risultati suggeriscono che il consumo a lungo termine delle diete Med e LFHCC esercita un effetto protettivo sullo sviluppo del diabete di tipo 2 mediante diversi cambiamenti specifici nel microbiota intestinale, aumentando l'abbondanza del genere Roseburia e F. prausnitzii, rispettivamente. "

Il ruolo dei batteri intestinali e la grande diversità della loro natura significa che si tratta di un'area abbastanza complessa che non è ancora completamente compresa. Tuttavia, uno studio pubblicato su PLoS ONE, 2013, suggerisce che Roseburia e F. prausnitzii sono entrambi batteri produttori di burirato, che forniscono anche altri acidi grassi a catena corta che aiutano a ridurre lo stress ossidativo e l'infiammazione.

Un secondo studio, condotto anche nell'ambito dello studio CORDIOPREV, pubblicato il mese scorso su Journal of Biochemistry Nutrizionale, ha seguito i partecipanti 239: partecipanti 138 con sindrome metabolica e partecipanti 101 senza.

Al basale c'erano differenze evidenti nei batteri intestinali di entrambi i gruppi. L'abbondanza relativa di generi di Bacteroides, Eubacterium e Lactobacillus era più alta nei partecipanti con sindrome metabolica. L'abbondanza relativa di 18 di altre specie batteriche era inferiore nei partecipanti con sindrome metabolica al basale.

Per valutare se gli interventi dietetici hanno avuto un impatto sul profilo batterico, i batteri sono stati nuovamente esaminati dopo 2 anni. Nel gruppo MedDiet l'abbondanza di P. distasonis, B. thetaiotaomicron, F. prausnitzii, B. adolescentis e B. longum erano significativamente aumentate in quelli con sindrome metabolica ma non in quelli senza. D'altra parte, l'abbondanza di E. rectale è aumentata e P. disansonis è diminuito solo nel gruppo con sindrome non metabolica.

Questo studio ha rivelato che, nonostante la sindrome metabolica sia ancora presente nei partecipanti, si verificano cambiamenti significativi nei batteri intestinali. In particolare, i batteri intestinali che sono migliorati in abbondanza nel gruppo della sindrome metabolica mostrano una correlazione negativa con i livelli di glucosio, trigliceridi e colesterolo HDL, supportando l'idea che i batteri intestinali possano effettivamente influenzare la resistenza all'insulina e lo sviluppo della sindrome metabolica, mentre questi non si sono verificati cambiamenti nel gruppo con sindrome non metabolica.

I ricercatori suggeriscono che sia una combinazione di fibre e cibi ricchi di composti fenolici come olio d'oliva, verdura, frutta, vino e così via, a contribuire a questi cambiamenti positivi nei batteri intestinali.

Poiché è ormai noto che la sindrome metabolica è associata a un'infiammazione cronica di basso grado, un'altra osservazione importante è stata quella "il consumo di una dieta mediterranea ha aumentato l'abbondanza dei membri del genere Bacteroides B. thetaiotaomicron e F. prausnitzii, che suggeriscono che il consumo di questa dieta può aumentare o mantenere un microbiota con capacità antinfiammatorie ".


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti