Secondo un nuovo studio francese, le persone anziane che consumano quotidianamente olio d'oliva possono proteggersi da un ictus. Lo studio che fa parte dello studio Three-City, uno studio multicentrico in corso sui fattori di rischio vascolari per la demenza, è stato pubblicato oggi sul numero online di Neurology, la rivista medica dell'American Academy of Neurology.

Per questo studio i ricercatori hanno raccolto informazioni dalle cartelle cliniche degli individui 7,625 di età superiore a 65 da tre città in Francia: Bordeaux, Digione e Montpellier. Nessuno dei partecipanti ha avuto una storia di ictus. Essi hanno categorizzato gli individui in tre gruppi sulla base del loro consumo di olio d'oliva: "non uso", "uso moderato" che implicava l'uso di olio d'oliva in cucina o come condimento o pane e "uso intensivo", che includeva l'uso di olio d'oliva per sia per cucinare che per vestirsi. I ricercatori hanno notato che i partecipanti usavano principalmente extra virgin olio d'oliva, in quanto è di solito disponibile in Francia.

Dopo 5 anni ci sono stati i colpi 148. I risultati hanno mostrato che gli utilizzatori "intensivi" di olio d'oliva, quelli utilizzati sia per cucinare che per le medicazioni, avevano un rischio di ictus inferiore del 41 rispetto a quelli che non utilizzavano affatto l'olio d'oliva. Questi risultati sono stati rilevati anche dopo aver considerato il peso, la dieta, l'attività fisica e altri fattori di rischio.

Un ictus si verifica quando un coagulo di sangue si sviluppa in un'arteria o vaso sanguigno bloccando il flusso di sangue al cervello. Questo può causare la morte delle cellule cerebrali e danni al cervello. L'ictus è la seconda causa di morte in tutto il mondo e la terza causa di morte negli Stati Uniti. Secondo l'autrice dello studio Cecilia Samieri, PhD, dell'Università di Bordeaux e dell'Istituto nazionale di ricerca medica e sanitaria (INSERM) a Bordeaux, in Francia, la ricerca suggerisce che un nuovo insieme di raccomandazioni dietetiche dovrebbe essere usato per prevenire l'ictus negli anziani individui. "L'ictus è così comune nelle persone anziane e l'olio d'oliva sarebbe un modo economico e semplice per prevenirlo", ha detto.

In un editoriale di accompagnamento, Nikolaos Scarmeas, MD, della Columbia University e membro dell'American Academy of Neurology ha osservato che non è chiaro quali particolari elementi dell'olio di oliva potrebbero essere protettivi e ha aggiunto che solo i futuri studi clinici possono aumentare la fiducia nei risultati e potenzialmente portare a raccomandazioni di prevenzione dell'ictus.

Tuttavia, ciò non significa che l'olio d'oliva non dovrebbe essere la principale fonte di grassi nella dieta. In termini di salute generale, si raccomanda che i grassi insaturi, compresi i grassi monoinsaturi presenti nell'olio d'oliva, sostituiscano i grassi saturi nella dieta poiché questo ha molti benefici per la salute come la riduzione del rischio di malattie cardiache e miglioramenti dei livelli di zucchero nel sangue.


Altri articoli su: , ,