`USITC Inseguendo gli uliveti - Olive Oil Times

USITC Stalking the Olive Groves

Ottobre 14, 2012
Virginia Brown Keyder

Notizie recenti

Il recente annuncio secondo cui la Commissione commerciale internazionale degli Stati Uniti (USITC) condurrà un'indagine sulle condizioni concorrenziali per i produttori di olio d'oliva degli Stati Uniti dovrebbe suscitare seri pensieri. Come notato su questo sito la scorsa settimana, tali indagini non nascono dal nulla e vengono spesso intraprese con l'intento di utilizzare le loro conclusioni per avviare accuse antidumping e dazi compensativi contro produttori stranieri che presumibilmente ricevono sussidi illegali.

Che i poteri di lobbying dell'industria nazionale dell'olio d'oliva siano stati rafforzati negli ultimi anni è chiaro dalla volontà dell'USITC di intraprendere uno studio del genere. L'impulso alla base della richiesta del settore è illustrato al meglio da un articolo nel San Francisco Chronicle l'anno scorso:

La più grande minaccia per la storica industria olivicola della California non è il maltempo, le malattie, i costi proibitivi di raccolta e la forte concorrenza che sta già prendendo piede, dicono i coltivatori: è il governo federale. Gli Stati Uniti hanno promesso al Marocco - uno dei principali concorrenti della California - centinaia di milioni di dollari in aiuti per stimolare l'agricoltura in quel paese ...

Innanzitutto bisogna dire che la California 'La storica industria olivicola era principalmente dedicata alla produzione di olive nere denocciolate trasformate, piuttosto che di olio d'oliva, che ha iniziato ad essere prodotto per i vertici del mercato negli anni '1990. Sarebbe difficile trovare un produttore in qualsiasi parte del mondo che competerebbe volentieri con le olive nere della California.

Va anche notato che nel 2004 i produttori australiani di olio d'oliva (che occupano più o meno la stessa nicchia nel loro mercato nazionale dei produttori della California nel loro) hanno fallito nella loro richiesta dinanzi alla dogana australiana per stabilire che le sovvenzioni dell'UE agli olivicoltori erano compensabili, poiché non è stato possibile stabilire che tali sussidi andassero a vantaggio dei produttori di olio d'oliva. La dogana australiana si è basata in parte sull'accordo sui sussidi dell'OMC (e sulla giurisprudenza) di cui è parte (come gli Stati Uniti). L'articolo 1 stabilisce che non solo deve esserci una sovvenzione, ma deve esserci un vantaggio. Devono essere riscontrate anche lesioni materiali.

Ancora più importante, tuttavia, se ci fosse un tentativo di rispondere alle accuse di essere 'la più grande minaccia "per il settore olivicolo, annullando tali aiuti, il governo federale correrebbe il rischio di minare quello che in questi giorni è un atto sempre più raro ma importante di buona volontà: l'offerta di competenze agricole e la promozione delle esportazioni di, paesi in via di sviluppo. Il Marocco (il cui petrolio non può realisticamente essere visto come uno dei principali concorrenti della California) non è l'unico destinatario dell'assistenza statunitense. Anche l'Iraq, la Palestina e l'Albania sono tra i suoi beneficiari e potrebbero risentire delle crescenti richieste di misure protezionistiche a breve termine.

Anche l'UE, con i sussidi della sua politica agricola comune (PAC) ai coltivatori in quelli che sono i suoi Stati membri più disperati, sarà sicuramente nel mirino. Sebbene la PAC sia stata effettivamente oggetto di gravi frodi finanziarie, spesso in relazione a queste sovvenzioni, questo problema viene attualmente affrontato da Bruxelles, e di fatto è stato sostanzialmente ridotto dalle modifiche a tali sussidi implementate un decennio fa. In combinazione con metodi scientifici avanzati per rilevare le frodi sui prodotti (in termini di origine e standard di qualità / purezza, che sono stati anche oggetto della nuova legislazione dell'UE), questi problemi saranno probabilmente risolti nel prossimo futuro, soprattutto considerando la consapevolezza che l'UE deve ora competere con i produttori statunitensi per il mercato statunitense.

Limitare gli aiuti agli agricoltori in difficoltà e ai produttori di fascia bassa per placare i produttori statunitensi di fascia alta potrebbe essere controproducente. Il fondamentalismo di mercato del tentativo di reprimere tutti gli aiuti di Stato ai poveri agricoltori e le manifeste politiche protezionistiche non solo attirerà accuse di acuta ipocrisia, ma potrebbe anche incoraggiare azioni reciproche contro quei sussidi agricoli che gli Stati Uniti hanno rifiutato di abbandonare per motivi politici, come come cotone e mais.

Il rapporto USITC che uscirà nell'agosto 2013 sarà un'analisi molto necessaria e senza dubbio di alta qualità del mercato mondiale dell'olio d'oliva. Si spera che verrà utilizzato saggiamente per sostenere gli obiettivi internazionali a lungo termine, non solo gli interessi a breve termine dei produttori di olio d'oliva americani.

Hai un'opinione che vorresti condividere in un articolo? Vedi il nostro modulo di presentazione e linee guida qui.

Related News

Feedback / suggerimenti