`Il ciclo annuale degli ulivi

Produzione

Il ciclo annuale degli ulivi

Dicembre 27, 2011
Di Olivarama

Notizie recenti

Contribuito da Variedades de Olivo

Come altre piante, l'olivo è governato da un ciclo di sviluppo legato alle stagioni dell'anno. Quindi, dopo aver trascorso l'inverno in un profondo stato di letargia, è in primavera, estate e autunno che subisce il maggior numero di tappe. Ognuno dei quali dipenderà da come si sono evolute le gemme.

Mentre alcuni dei germogli che spuntano dall'olivo finiranno per trasformarsi in fiori che successivamente daranno forma al frutto, altri si sposteranno verso il futuro diventando, prima germogli e poi rami. Questi rami, a loro volta, genereranno nuove gemme in modo tale che questo ciclo sia sempre garantito.

Questo e altri cicli successivi sono conosciuti in tutto il mondo agronomo come fasi fenologiche e, come abbiamo visto, il primo corrisponde al germogliamento.

In questo processo, l'origine di tutto è concentrata nei germogli che, in realtà, proteggono una versione ridotta latente di quelle che saranno le parti superiori dell'albero in futuro.

pubblicità

Nel caso dell'olivo, queste gemme si trovano nell'ascella delle foglie, anche se possono essere trovate nascoste nel bosco più antico. Dal momento in cui iniziano a mostrare i loro primi segni di attività, possono evolversi in due direzioni diverse. Pertanto, alcuni finiscono per sbocciare in un mazzo di fiori mentre altri danno vita a un nuovo germoglio con foglie. Tenendo presente questa differenza, diciamo che ci sono boccioli di fiori e boccioli vegetativi.

Le differenze visive tra i due sono appena percettibili quando sono chiuse, e non diventano chiare nemmeno osservando la loro posizione sull'albero, poiché entrambi i tipi scelgono un luogo appartato in cui crescere, esattamente dove la foglia si unisce al suo ramoscello.

Il futuro di queste gemme dipenderà dai vari meccanismi biochimici che avvengono poco prima dell'arrivo dell'inverno, che analizzeremo più approfonditamente nelle edizioni future.

Inizia il germoglio

In entrambi i casi, l'arrivo della primavera porta un graduale aumento delle temperature, oltre a più ore di luce diurna. Ciò innesca l'inizio del processo di gemmatura nell'albero. Un ritorno alla vita, ora che l'inverno è stato superato.

Logicamente, nelle regioni più calde, questo fenomeno si verifica prima che nelle zone fredde. In Spagna, questa differenza climatica può durare fino a due mesi, con i primi oliveti in erba all'inizio di marzo e l'ultimo alla fine di aprile.

Quando inizia questo processo, i boccioli aprono le nuove foglie mentre si estendono sul bordo esterno, dando origine alla crescita di un nuovo ramo. Dovrebbe essere chiaro in questa spiegazione che gli alberi crescono dai loro germogli e non, come credono le persone, da "allungando ”i loro rami o il loro tronco.

Questa crescita sarà più rapida o più lenta a seconda delle condizioni come la disponibilità di acqua e luce, nonché le condizioni nutrizionali e sanitarie. Ecco perché è di vitale importanza che la crescita sia sufficiente, poiché su questi nuovi rami si svilupperanno altre foglie e altri nuovi germogli, che consentiranno all'olivo di fiorire l'anno successivo e che, quindi, forniranno un fruttuoso raccolto futuro .

In questa fase, il modello di crescita delle gemme è sempre lo stesso: due foglie che emergono in direzioni opposte su ciascun internodo, ruotando il loro angolo 90º sul seguente internodo.

Varietà cromatica come indicatore di cambiamento

D'altra parte, abbiamo visto tutti che gli ulivi non gettano via le loro foglie in inverno. Al contrario, queste cadono gradualmente e naturalmente quando diventano gialle quando raggiungono l'età di due o tre anni. Questo fenomeno è più facilmente visibile in primavera, proprio quando sono apparse abbastanza nuove foglie.

Il germoglio cambia l'aspetto di questi alberi a causa della linfa che viene spinta sulle loro foglie dalle radici. Questo è un chiaro segno di vita che oscura o schiarisce le foglie come preludio alla fase successiva: la fioritura.

Gli articoli di Olivarama compaiono anche nella rivista Olivarama e non sono curati do olive oil Times.

Related News